Scatta la protesta dei dipendenti degli uffici postali: stop a straordinari e prestazioni aggiuntive - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Scatta la protesta dei dipendenti degli uffici postali: stop a straordinari e prestazioni aggiuntive

Scatta la protesta dei dipendenti degli uffici postali: stop a straordinari e prestazioni aggiuntive

lunedì 03 Ottobre 2011 - 07:23
Scatta la protesta dei dipendenti degli uffici postali: stop a straordinari e prestazioni aggiuntive

Lo sciopero, indetto a livello nazionale, salvo cambiamenti improvvisi, si protrarrà fino al prossimo 30 ottobre. Con buona pace degli utenti

E’ scattata questa mattina la protesta dei lavoratori di Poste Italiane. Sino al 30 ottobre i dipendenti non effettueranno lo sciopero dello straordinario né le prestazioni aggiuntive. La protesta, a livello nazionale, è stata proclamata per la vertenza che riguarda il premio di risultato e le condizioni ormai diventate insostenibili in tutti i settori dell’Azienda Poste e proclamata dalle sigle sindacali Slp Cisl, UilPost, Confsal Com e Ugl Com. Nel territorio cittadino a pagarne il maggior prezzo saranno gli abitanti dei villaggi periferici per i quali i disservizi postali rappresentano ormai la quotidianità.

“Non si è potuta raggiungere alcuna intesa – sottolineano Slp Cisl, UilPost, Confsal Com e Ugl Com – perchè l’azienda ha riproposto importi che non ripagano le lavoratrici e i lavoratori dei sacrifici che hanno consentito il raggiungimento degli straordinari risultati aziendali che, invece, hanno visto il management lautamente ricompensato. L’azienda ha proposto un importo per il premio di produzione da corrispondere nel mese di ottobre di soli 935 euro medi, inferiore alle nostre richieste, senza prevedere il recupero dei 220 euro non percepiti a giugno ne alcun aumento degli attuali importi del premio”.

Una proposta che Slp Cisl, Uil Poste, Confsal Com e Ugl Com ritengono “ricattatoria” con l’azienda che “minaccia di non erogare i dovuti importi tentando di costringere le organizzazioni sindacali al tavolo ad accettare un anticipo forfettario inferiore alle nostre richieste. Un atteggiamento che, con nostro stupore, ha visto altri cedere e sottoscrivere un accordo al ribasso”.
Per i sindacati non è più tollerabile una politica aziendale che realizza tanti soldi per pochi e pochi soldi per tutti gli altri. “Occorre – concludono – pertanto dare un segnale forte a un management che ha perso la bussola e che sta facendo di tutto per compromettere lo sforzo ed il sacrificio realizzato quotidianamente dai nostri lavoratori ridotti ormai allo stremo delle forze”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Avete ragione, date un segnale forte: chiudete le POSTE.
    Stamattina, Poste centrali di Via Cavour:
    Arrivo h 10.00: numero 52
    Numero assegnato: 104
    Alle h 11,15 numero estratto: 72
    Ho rinunciato per disperazione …
    Fabbisogni della clientela: 80% bollettini, 20% altro
    Suddivisione del personale: 20% bollettini, 80% altro
    C’è bisogno di essere un mago per gridare alla incapacità manageriale???

    0
    0

Rispondi a L'EMIGRANTE Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007