Brogli a Reggio, il Pcl vuole un Consiglio-ombra - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Brogli a Reggio, il Pcl vuole un Consiglio-ombra

Mario Meliadò

Brogli a Reggio, il Pcl vuole un Consiglio-ombra

mercoledì 12 Maggio 2021 - 06:45

Regionali, i ferrandiani chiedono alla Sinistra “reale” reggina di ripudiare de Magistris. Presentata la manifestazione nazionale anticapitalistica del 22

S’è tenuta ieri la prevista assemblea pubblica promossa dal Pcl, il Partito comunista dei lavoratori che ha il suo portavoce nazionale in Marco Ferrando.

Risposta anticapitalistica

La crisi di Reggio nella catastrofe pandemica il tema dell’iniziativa svoltasi nella sede di Archi del Partito comunista dei lavoratori, che ha nel reggino Pino Siclari il coordinatore della Commissione meridionale.

<img 
src=“mario draghi.jpg” 
alt=“Il Presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi”>
” class=”wp-image-507600″ width=”288″ height=”265″/><figcaption>Il Presidente del Consiglio Mario Draghi<br></figcaption></figure></div>



<p>Fra gli obiettivi della riunione, intanto<strong>, la presentazione della manifestazione nazionale unitaria del 22 maggio</strong> in programma nella Capitale. Al centro dell’iniziativa di Roma, la risposta ferrandiana alla crisi sanitaria ed economica: <strong>l’«opposizione anticapitalistica al governo Draghi»,</strong> fanno sapere gli interessati.<div id=

Degrado & C.

I lavori hanno comunque preso il via dall’analisi delle tante carenze che, secondo Pino Siclari e il componente dell’Esecutivo provinciale Demetrio Cutrupi, ammorbano lo scenario cittadino. In particolare la crisi-rifiuti, le “multe pazze” giusto ad Archi, il degrado del torrente Calopinace.

<img 
src=“calopinace.jpg” 
alt=“Il torrente Calopinace, nella zona Sud di Reggio Calabria”>
” class=”wp-image-507592″ width=”169″ height=”112″/><figcaption>Il torrente Calopinace</figcaption></figure></div>



<p>Ma pure l’esasperante lentezza con cui le <strong>vaccinazioni antiCovid</strong> sono andate avanti nelle ultime settimane. <br>«La vicenda dei brogli elettorali è <em>in perfetta sintonia</em> con questo quadro», osservano i ferrandiani. <div class='hidden-xs hidden-sm' style='float: left; margin: 5px 15px 0px 0px; min-height: 280px; min-width: 336px; overflow: hidden;'> <div class='hidden-xs hidden-sm' style='' id='div-gpt-ad-TEMPOSTRETTO-DSK_Corpo-Opt-336x280'></div></div></p>



<h2>«<strong>Ora, un Consiglio-ombra</strong>» </h2>



<p>Proprio sul versante dei <strong><a href=presunti brogli elettorali in occasione delle Amministrative dell’autunno scorso, il Partito comunista dei lavoratori già nell’annunciare l’iniziativa di ieri s’è rivolto «alle forze di Sinistra d’opposizione», provando a condividere una proposta precisa.

<img 
src=“pino siclari.jpg” 
alt=“Pino Siclari, presidente della Commissione meridionale del Partito comunista dei lavoratori”>
” class=”wp-image-507586″ width=”303″ height=”170″/><figcaption>Pino Siclari, responsabile Mezzogiorno del Pcl</figcaption></figure></div>



<p>L’idea di Siclari & C. è di «autogestire unitariamente l’elezione di <strong>un Consiglio comunale alternativo</strong> a quello – dicono dal Pcl di Reggio Calabria – prodotto da elezioni truffaldine».<br><strong>Una sorta di Consiglio “ombra”, un po’ come il “Governo ombra” tante volte allestito dal centrosinistra su scala nazionale</strong> quando a Palazzo Chigi sedeva un tipo di Destre definito illiberale. Questo, non riconoscendo il partito « legittimità politica alcuna allo screditato Consiglio comunale». <br>Ma, riconoscono anche alla sezione reggina del Pcl, <strong>occorre che la  «Sinistra reale» reggina risponda all’appello,</strong> per provare a centrare un risultato quanto a <strong>sensibilizzazione </strong>dell’elettorato e dell’opinione pubblica.</p>



<h2><strong>Mobilitare i reggini</strong></h2>



<p>Alle «autorità competenti», in una nota diffusa agli operatori della stampa il Partito comunista dei lavoratori chiede di «pronunciarsi <em>chiaramente</em>, e agire in maniera conseguente, sullo <strong><a href=scandalo dei brogli».
Il che potrebbe tradursi in «un’iniziativa in presenza e visibile nel centro della città». Come pure nell’interlocuzione coi terminali piciellini sulla proposta del Consiglio-ombra, per poi eleggere «un organismo realmente rappresentativo delle masse popolari di Reggio, una sorta di Consiglio del popolo della Sinistra».
Ma, visto che le Regionali non sono più così lontane…, alla già citata «Sinistra reale» di Reggio Calabria il Pcl chiede anche di «rompere con l’avventura de Magistris».

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x