Bus elettrici, Campagna replica a Cacciola: “Intervento improvvido” - Tempo Stretto

Bus elettrici, Campagna replica a Cacciola: “Intervento improvvido”

Redazione

Bus elettrici, Campagna replica a Cacciola: “Intervento improvvido”

martedì 02 Aprile 2019 - 21:22
Bus elettrici, Campagna replica a Cacciola: “Intervento improvvido”

Un buon amministratore saprebbe che per completare le procedure di immatricolazione e collaudo di un autobus ci vogliono parecchi mesi

“L’improvvido intervento dell’ex Assessore alla mobilità, Cacciola, ci costringe a prendere posizione per fare chiarezza sull’immissione in servizio degli autobus elettrici”. Inizia così la replica del presidente del’Atm, Pippo Campagna, all’ex esponente della giunta Accorinti, che ha  puntato il dito contro l’attuale management aziendale per non aver ancora messo in strada i bus elettrici.

“In riferimento alla fornitura del primo lotto di n.13 autobus elettrici Byd acquistati con fondi Pon-metro e completata il 6.12.2019 – continua Campagna- occorre rappresentare dettagliatamente l’Iter procedurale Tecnico/Amm.vo necessario per l’immissione in esercizio degli stessi.

La fornitura è stata completata il 15.03.2019 con la consegna degli ultimi 3 autobus. In considerazione della superiore tecnologia innovativa quali autobus elettrici, è stato imprescindibile avviare tempestivamente, nel mese di dicembre 2018, i corsi di formazione per il personale interno propedeutici all’utilizzo degli stessi.

Nel contempo l’Azienda ha dovuto avviare tutti i passaggi, quali atti burocratici e legislativi, per l’immissione in servizio che meglio di seguito si elencano:

10 dic. 2018 – Inoltrata richiesta immatricolazione autobus elettrici al Comune di Messina;

31 dic. 2018 – Deliberazione Giunta Comunale per il trasferimento del diritto di usufrutto all’ATM;

07 gen. 2019 – Inoltrata richiesta di nulla osta immatricolazione all’Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità;

11 feb. 2019 – Rilascio, da parte dell’Assessorato Regionale delle Infrastrutture della Mobilità, autorizzazione dell’immissione degli autobus del parco rotabile del servizio urbano di Messina;

18 mar. 2019 – 1^ Sessione di collaudo tecnico a cura della Motorizzazione Civile per il rilascio del certificato di approvazione ed immatricolazione con successive emissione del foglio di via ed assegnazione delle rispettive targhe dei n. 13 autobus relativi alla prima fornitura.

Le predette attività sono state espletate per i primi n.13 autobus, di cui n. 2 risultano già in copertura assicurativa RCA per il pre-esercizio finalizzato a testarne l’autonomia d’esercizio su specifiche linee, cui seguiranno i rimanenti n.11.

Sono state inoltre installate all’interno del deposito ATM, le prime colonnine di ricarica elettrica degli autobus elettrici. L’A.T.M. ha in corso delle sperimentazioni per la definizione del profilo di missione e l’impiego degli stessi veicoli elettrici nell’ambito del servizio TPL.

A.T.M. nonostante la tempestività di trasmissione della documentazione tecnica necessaria, prende atto che l’immatricolazione dei veicoli di nuova generazione/tecnologica elettrica, ha richiesto ulteriori tempi tecnici per l’immissione degli stessi in esercizio in quanto mezzi differenti rispetto ai tradizionali. E’ anche opportuno precisare che si sta definendo con la Regione Sicilia il corrispettivo del contributo chilometrico che dovrà essere riconosciuto per l’utilizzo degli autobus elettrici.

Risulta evidente che è interesse dell’ATM continuare ad investire su autobus di nuova generazione per una mobilità sostenibile, al fine di dare alla cittadinanza un servizio qualitativo e migliorativo sull’impatto ambientale.

Va da sé che se è vero che il costo chilometrico dell’autobus elettrico è inferiore a quello dei corrispondenti autobus a gasolio è necessario tener conto che dev’essere effettuato un accantonamento di fondi necessario a sostituire, mediamente ogni 5 anni, i pacchi batterie che, in atto, sono particolarmente costosi.

Che l’ex Assessore Cacciola non abbia idea dei tempi e delle procedure necessarie per l’immatricolazione di un autobus, precisa il Presidente di ATM, Giuseppe Campagna, non mi stranizza per nulla. Un buon amministratore saprebbe che per completare le procedure di immatricolazione e collaudo di un autobus ci vogliono parecchi mesi. Cacciola non lo sa e quindi … dà i numeri. Restando in tema di elettricità e di risparmio di risorse pubbliche -conclude Campagna – Cacciola farebbe bene a spiegare come ha fatto a non accorgersi in 5 anni che l’ATM avesse accumulato un indebitamento di 6 milioni di euro per il mancato pagamento delle forniture di energia elettrica, quella che serviva e serve a far andare avanti il tram e che, d’ora in avanti, servirà anche per alimentare gli autobus elettrici”.

Tag:

Un commento

  1. Scusate ma queso signore che nella sua vita ha fatto il xxxxxxxxxxx nelle segreterie politiche che esperienza può avere in ambito mobilità , dalla faccia sembra un xxxxx, per non dire altro , spero di avere detto tutto

    13
    2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007