Caso Papardo, De Luca (M5S) incalza Musumeci e Razza: «Meno risorse, meno servizi» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Caso Papardo, De Luca (M5S) incalza Musumeci e Razza: «Meno risorse, meno servizi»

Redazione

Caso Papardo, De Luca (M5S) incalza Musumeci e Razza: «Meno risorse, meno servizi»

giovedì 10 Giugno 2021 - 14:03

Il deputato regionale pentastellato ha presentato insieme alla collega Zafarana un’interrogazione al presidente della Regione e all’assessore alla Salute

MESSINA – Dopo l’audizione in commissione Salute dell’Ars, il deputato regionale del Movimento Cinque Stelle Antonio De Luca continua a tenere accessi i riflettori sui tagli alle risorse destinate all’Azienda Ospedaliera Papardo di Messina disposti dalla Regione. In base alle disposizioni dell’Assessorato regionale alla Salute, il nosocomio messinese rischia di subire infatti una decurtazione di circa 8 milioni di euro, ma il portavoce  pentastellato si oppone.

Il deputato Antonio De Luca ha quindi presentato insieme ai colleghi di gruppo un’interrogazione parlamentare chiamando in causa il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore alla salute Ruggero Razza, tornato da poco a rioccupare la sua poltrona in giunta dopo l’inchiesta sulla presunta manipolazione dei dati Covid che lo vede ancora coinvolto. 

«La  decurtazione a 71 milioni di euro del tetto di spesa per gli anni 2022/2023 – scrivono nell’interrogazione  – ha l’effetto di ridurre la produttività dell’ospedale Papardo, che non solo non potrà procedere al reclutamento di personale per far fronte alle esigenze assistenziali e garantire l’offerta sanitaria ma comporterà il taglio di circa 156 sanitari e di numerosi servizi sanitari, con il conseguente rischio della chiusura di numerosi servizi sanitari».

«Il Papardo – si legge ancora nell’interrogazione – è l’unico ospedale a fornire la zona nord di Messina che si estende per un ampio territorio ed è l’unica Azienda Ospedaliera in grado di garantire la reperibilità h24 dei servizi di Cardiochirurgia ed Ortopedia, nonché la possibilità grazie alla presenza di due sale di emodinamica di una continua disponibilità per la rete Stemi anche in caso di casi Covid positivi».

Per i deputati del Movimento Cinque Stelle «la riduzione del tetto di spesa non permetterà di provvedere all’assunzione di un adeguato numero di medici ed infermieri tale da garantire la continuità dei servizi».

De Luca interroga quindi il presidente Musumeci e l’assessore Razza «per sapere se l’assessorato in oggetto intenda porre in essere immediatamente tutte le misure necessarie a fronteggiare tale riduzione di spesa che, in atto, non permette di garantire i Lea nell’Azienda».

«Come promesso – commentano Antonio De Luca e Valentina Zafarana – andremo avanti in questa battaglia contro i tagli effettuati dalla Regione fino a quando non ci daranno garanzie che il Papardo non verrà depotenziato. Privare il presidio sanitario di 8 milioni di euro significa infliggere un duro colpo alla  sanità pubblica messinese, magari per favorire i privati. Io e l’intero gruppo del Movimento Cinque Stelle ci opporremo strenuamente a questo disegno. Il Papardo non si tocca»

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. È una tattica ben precisa, anzi un’operazione chirurgica come tante altre subite dalla nostra città per cui si toglie a Messina per dare a Palermo e Catania.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x