Ancora nessun intervento per la voragine di Castanea. Petizione al prefetto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ancora nessun intervento per la voragine di Castanea. Petizione al prefetto

Sara Faraci

Ancora nessun intervento per la voragine di Castanea. Petizione al prefetto

lunedì 25 Marzo 2013 - 16:18
Ancora nessun intervento per la voragine di Castanea. Petizione al prefetto

Dal 14 marzo la strada S.P. 50 di Castanea, in prossimità di piazza SS Rosario, mostra una profonda voragine causata dalle intemperie dei giorni scorsi. I residenti hanno firmato una petizione inoltrata stamane a palazzo del Governo

Intemperie e cedimenti idrogeologici colpiscono ancora. A farne le spese, stavolta, i residenti della zona di Castanea in prossimità di piazza SS Rosario che dal 14 marzo fanno i conti con una crepatura del suolo che ha imposto gravi limitazioni alla viabilità minacciando di interessare il terreno circostante e le attigue abitazioni.

Immediate le richieste di aiuto al Prefetto, Stefano Trotta, con una petizione sottoscritta ieri in piazza da ben 170 residenti, affinché sia fatta chiarezza sulle istituzioni a cui spetti la competenza per gli interventi di messa in pristino dell’area e si provveda, quindi, rapidamente.

La voragine ha logorato ai margini una porzione dell’attraversamento S.P. 50, generando giustificate apprensioni circa la tenuta delle strutture che sorreggono il manto stradale e determinando l’inagibilità dell’area al transito dei mezzi pesanti.

La questione crea problematiche ben più urgenti di quelle meramente estetiche. E infatti l’isolamento della zona dagli autobus costituisce seria difficoltà per gli studenti che usufruivano del servizio di trasporto per raggiungere il centro e recarsi presso i vari istituti scolastici. Deterrente anche per gli abitanti dei villaggi limitrofi che si vedono preclusa la possibilità di raggiungere i luoghi collegati dalla carreggiata interessata dallo sprofondamento.

Una situazione che minaccia di aggravarsi in assenza di tempestive operazioni manutentive, rischiando di coinvolgere anche gli impianti idrici, fognari, elettrici, telefonici e del gas che fanno mostra di sé all’interno della spaccatura e determinando così l’opportunità di rendere partecipi della grave urgenza anche gli enti preposti alla loro gestione.

Tag:

Un commento

  1. Peppe Vallera 26 Marzo 2013 09:36

    Per quella voragine basta xxxxxxxxxxxxxxxxxxx.
    Giuseppe Vallèra

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x