La villetta di via Trapani ora è dedicata al maestro Giuseppe Sinopoli - Tempo Stretto

La villetta di via Trapani ora è dedicata al maestro Giuseppe Sinopoli

Pippo Trimarchi

La villetta di via Trapani ora è dedicata al maestro Giuseppe Sinopoli

venerdì 22 Aprile 2016 - 10:06
La villetta di via Trapani ora è dedicata al maestro Giuseppe Sinopoli

Giuseppe Sinopoli è stato uno dei massimi compositori e saggisti del '900, originario di Venezia, si formò da ragazzo a Messina, città del padre, tra il 1951 e il 1963, studiando presso il Seminario e iniziando i primi studi musicali

Questa mattina si è tenuta la cerimonia di inaugurazione ufficiale, con la posa della targa toponomastica, della villetta “Giuseppe Sinopoli”, lo spazio giochi di via Torrente Trapani compreso tra via Boner e via Garibaldi, come deliberato dalla giunta comunale dopo cinque anni dalla proposta del Consiglio della IV Circoscrizione, su impulso dell’Associazione Antonello da Messina (delibera 238 del 16 aprile 2015). L’iniziativa è promossa nel quindicinale della morte del grande musicista, avvenuta il 20 aprile del 2001, dal Leo Club Messina Peloro, presieduta da Giulia La Spina, che ha finanziato la targa toponomastica (e donato due cestini portarifiuti collocati nella villetta), insieme al Comune di Messina (assessorato alla Cultura e Toponomastica, assessore Tonino Perna), alla IV Circoscrizione “Centro Storico” presieduta da Francesco Palano Quero e dall’associazione culturale “Antonello da Messina”.

Giuseppe Sinopoli è stato uno dei massimi compositori e saggisti del ‘900, originario di Venezia, si formò da ragazzo a Messina, città del padre, tra il 1951 e il 1963, studiando presso il Seminario e iniziando i primi studi musicali, come evidenziato dagli studi di Matteo Pappalardo. Sinopoli abitò in via Calapso (isolato 445), a pochi metri dalla villetta che da oggi porta il suo nome, dove nel dicembre 2011 è stata posta una targa artistica commemorativa, sempre con il contributo del Consiglio della IV Circoscrizione; la bacchetta del grande musicista, donata dalla moglie Silvia, si trova nel costituendo Museo delle bacchette promosso dal Conservatorio “Arcangelo Corelli” di Messina. Sinopoli tornò più volte in città, inaugurando il 24 aprile 1985 la riapertura del Teatro “Vittorio Emanuele” (dove dal 2011 si trova la sala “Sinopoli”), diresse la sezione musica di TaorminArte (1988-97), col supporto di Ninni Panzera, e soggiornò per anni a Lipari.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007