"Chiudiamo questa pagina vergognosa del precariato", lavoratori Asu in sciopero - Tempostretto

“Chiudiamo questa pagina vergognosa del precariato”, lavoratori Asu in sciopero

.

“Chiudiamo questa pagina vergognosa del precariato”, lavoratori Asu in sciopero

. |
lunedì 09 Maggio 2022 - 12:56

Sono circa 5mila in tutta la Sicilia e rivendicano la stabilità. Con loro i sindacati. Incrciano le braccia da oggi a mercoledì

“Chiudiamo questa pagina vergognosa del precariato”. “Emendamento approvato, stabilizzazione anche in deroga. Non ci sono più scuse”. “Stabilizzazione lavoratori Asu, atto di responsabilità del Governo regionale, nazionale e locale”. E’ la voce dei circa 5mila lavoratori Asu siciliani in sciopero da oggi e fino al prossimo mercoledì. La protesta era stata annunciata nei giorni scorsi dai segretari di Ale Ugl, Ugl Autonomie Sicilia, Cobas-Codir, Confintesa e Usb. Con la finanziaria dello scorso anno erano stati destinati per il 2021, 10 milioni di euro per la stabilizzazione di questi lavoratori. Successivamente, il Governo nazionale ha impugnato l’articolo 36 ritenendo “incostituzionale” la stabilizzazione diretta. I 10 milioni sono stati stornati.

“Inaccettabile che la Finanziaria regionale in discussione all’Ars non preveda nessuna iniziativa per gli Asu”

“E’ inaccettabile – chiosano le organizzazioni sindacali – che la legge finanziaria in questi giorni in discussione all’Ars non preveda nessuna iniziativa per i lavoratori Asu siciliani. Ed è inaccettabile – aggiungono – che la politica si permetta di fare giochi di prestigio con le risorse già stanziate nella scorsa finanziaria per la stabilizzazione dei lavoratori. Pretendiamo chiarezza sulle risorse agli Asu. I soldi degli Asu non si toccano. Adesso con vergognosi e premeditati stratagemmi politici si vuol fare la stessa cosa. Noi non ci stiamo. Se vuole la politica regionale può dare risposte”.

I sindacato chiedono che “le risorse aggiuntive previste per il 2022 vengano utilizzate per garantire un’integrazione salariale che permetta ad ogni lavoratore di vivere più dignitosamente. Non si può pretendere che un lavoratore possa far fronte a tutte le necessità quotidiane con 600 euro mensili lavorando alla stessa stregua di un dipendente di ruolo e spesso sopperendo illegittimamente a croniche carenze di organico”.

Tag:

Un commento

  1. bah gli ex .23 hanno impiegato mediamente 30 anni a chiudere la questione.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007