Chiusura punto nascita di S. Agata Militello. Le reazioni - Tempo Stretto

Chiusura punto nascita di S. Agata Militello. Le reazioni

Salvatore Di Trapani

Chiusura punto nascita di S. Agata Militello. Le reazioni

giovedì 03 Ottobre 2019 - 15:26
Chiusura punto nascita di S. Agata Militello. Le reazioni

Diverse le reazioni giunte dal mondo politico, riguardo alla situazione del punto nascita di Sant’Agata Militello. Picciolo: “Basterà il solo management aziendale, peraltro serio e motivato, ad evitare la disastrosa chiusura?”.

Scoppia la polemica sul caso del punto nascita di Sant’Agata Militello. Dopo la sua chiusura non tardano a giungere le reazioni dal mondo politico, generando i pareri più  disparati.

Le dichiarazioni di Articolo Uno

E’ con una nota stampa che le divisioni messinesi e nebroidee di Articolo Uno prendono la parola, auspicando una risoluzione della questione.

“La chiusura del punto nascita di Sant’Agata Militello è una notizia gravissima perché colpisce un presidio sanitario strategico –scrivono in una nota Domenico Siracusano e Marcello Corrao, rispettivamente segretario provinciale e coordinatore dell’area Nebrodi di Articolo Uno- Oltre alla fascia costiera sono, infatti, numerosi i comuni montani dei Nebrodi che avrebbero insostenibili disagi ad accollarsi lunghi spostamenti per essere assistiti in questa delicata prestazione”.

I due portavoce hanno poi proseguito, sottolineando l’importanza strategica del punto nascita dovuta soprattutto alle caratteristiche della zona e ad un possibile sovraccarico del più vicino ospedale di Patti.

“È inaccettabile –scrivono- che criteri meramente numerici vengano utilizzati per la riorganizzazione del sistema dei servizi sanitari che dovrebbe invece garantire la tutela del diritto alla salute per tutti i cittadini, secondo un principio di uguaglianza al di là del territorio di riferimento, specie se in condizioni di svantaggio. È più che evidente che l’orografia e il sistema di viabilità dell’area nebroidea intorno a Sant’Agata di Militello rendono imprescindibile la necessità di questo presidio sanitario. Occorre garantire la totale sicurezza delle partorienti e dei nascituri che non può trovare una risposta nell’invio presso il presidio ospedaliero di Patti, che potrebbe essere oltremodo sovraccaricata”.

LeU e Centopassi

Siracusano e Corrao hanno quindi concluso spiegando come la Federazione Provinciale di Articolo Uno di Messina, sinergicamente con il coordinamento dei Nebrodi, ha “investito” il gruppo parlamentare di LeU alla Camera e quello dei Centopassi all’Ars del compito di vigilare sulla questione, così da individuare le principali azioni da mettere in atto.  

L’intervento di Picciolo

Sulla questione è intervenuto anche il deputato all’Ars Giuseppe Picciolo, che ha voluto evidenziare come sia necessario un fronte comune sul piano politico.

“Basterà il solo management aziendale, peraltro serio e motivato, ad evitare la disastrosa chiusura? Non senza le coperture economiche e politiche –dichiara il deputato all’Ars Giuseppe Picciolo- Per anni hanno cercato di chiudere il punto nascita, smistando le partorienti a Patti o a Cefalù, ma ad attenderli hanno trovato un muro. Anche i sindaci, sempre compatti su questi temi, non potranno ripetere i miracoli fatti nel passato senza le giuste risorse. Se non ci sarà una levata di scudi ed un ritorno ad una politica cooperativistica provinciale di qualità subiremo una stangata epocale”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007