Ci siamo assuefatti alla morte: il silenzio è la porta dell'inferno - Tempo Stretto

Ci siamo assuefatti alla morte: il silenzio è la porta dell’inferno

Rosaria Brancato

Ci siamo assuefatti alla morte: il silenzio è la porta dell’inferno

domenica 20 Ottobre 2019 - 09:48
Ci siamo assuefatti alla morte: il silenzio è la porta dell’inferno

Ci nascondiamo dietro i like e la globalizzazione, invece dobbiamo usare questo potere per difendere la sacralità della vita-

C’è stato un giorno in cui, contemporaneamente, scorrevano le immagini del massacro dei curdi e della mamma abbracciata al suo bimbo morti insieme giù, in fondo al mare, nel naufragio della barca di migranti.

Non ci può essere una classifica del dolore o dell’orrore.

Tragedie in fondo alla pagina

Mi sono vergognata di essere uomo non soltanto per l’esistenza in sé delle due tragedie, ma per la “collocazione” delle due notizie in quella che noi giornalisti chiamiamo “agenda setting”, ovvero in fondo alla pagina.

Assuefatti all’orrore

Il fatto che due tragedie coesistano è già di per sé una vergogna, ma lo è ancor peggio l’assuefazione.La rete ha trasformato il nostro piccolo villaggio, anche interiore, in un mondo globale.

Il potere del click

Il “click” ci ha dato un potere straordinario, che non è quello di assistere alla finestra ma è quello di FARE, di agire in qualche modo.

La rete ha mutato il nostro mondo politico perché ha tramutato in voti la protesta. Non è vero che siamo impotenti di fronte alla globalizzazione, non siamo spettatori, siamo protagonisti attivi. E’ grazie a milioni di click che persone normali sono diventati miliardari anche postando la loro vita, grazie a milioni di click ci sono fake news che hanno distrutto o fatto la fortuna di aziende e persone, politici, manager.

I giorni dell’orrore

Nei giorni dell’orrore, mentre la Turchia usava le armi contro migliaia di civili curdi  (pare anche armi chimiche), gli Stati stavano a guardare. Al più hanno rilasciato dichiarazioni di circostanza.  Su facebook e sulle pagine della stampa, posizionate sempre più in basso via via che passavano i giorni, scorrevano le immagini.

Fermare massacro o la Champions?

Il dibattito a un certo punto non è stato sul fermare SUBITO il massacro, mobilitarci in modo concreto e serio, ma sulla finale di Champions League prevista il 30 maggio 2020 ad Istanbul, in Turchia.

I curdi muoiono OGGI

Oggi stanno morendo bambini, donne, anziani, uomini, nei modi più efferati, la Turchia sta ridando fiato all’Isis ma noi discutiamo su di un evento ludico che avverrà nel 2020 (quando potrebbe non esserci più neanche un curdo vivo).

La Uefa: atto forte revocare gara

Ha fatto bene il ministro italiano allo sport Vincenzo Spadafora a scrivere all’Uefa a sollevare la questione. Fa un po’ orrore la risposta avuta dall’Uefa: “Revocare una finale di Champions è un atto forte dal punto di vista sportivo, non siamo ancora nelle condizioni di poterne parlare- ha detto Michele Uva, vicepresidente dell’Uefa-Valuteremo con il presidente Aleksander Ceferin e il comitato esecutivo, ma al momento mi sembra prematuro parlare di sanzioni di questo livello”.

Senza vergogna

In sintesi mentre Erdogan massacrava PERSONE, l’Uefa considerava la revoca di una partita di calcio del 2020 “un atto forte”. Figuriamoci se avessimo dovuto chiedere all’Europa un GESTO CONCRETO per fermare Erdogan, tipo sanzioni e divieti.

Europa vile

L’Europa, anzi i grandi dell’Europa (Francia, Germania, Inghilterra) sanno benissimo che non fermeranno un dittatore con dichiarazioni di circostanza. L’Italia poi ha un peso pari a zero in Europa quindi potremmo anche incatenarci in nome dei diritti umani ma la cosa non avrebbe alcun effetto.

Il semi-silenzio dell’Europa (Italia compresa) non è solo codardia: è complicità.

La Turchia viola diritti umani

Abbiamo dimenticato che in Turchia i diritti umani vengono calpestati? Abbiamo dimenticato, in nome del cinismo politico, che in Turchia i giornalisti, gli intellettuali, gli oppositori sono TORTURATI e uccisi?

La verità è che ci stiamo assuefacendo alla morte. Pensiamo che i curdi sono troppo lontani da noi per piangerne la morte, la sofferenza. Pensiamo che quella madre piombata nel fondo del mare stretta al suo bimbo, è troppo lontana dal nostro abbraccio ai nostri figli.

Non è così. E non lo è solo per motivi umanitari, ma anche politici e logici.

Perché Erdogan sta tendendo la mano all’Isis e l’Isis tornerà in casa nostra.

L’Isis tornerà a spargere morte

I massacri dei curdi aumenteranno l’instabilità nel Medio Oriente, acuiranno vecchie ferite, apriranno nuovi fronti e questo equivarrà a nuove fughe verso l’Europa, nuovi flussi migratori. Nuove madri che affonderanno nelle nostre acque strette ai propri figli. Nel contempo anche l’Isis porterà nuovi lutti nelle nostre case.

Ecco perché quanto sta accadendo ci riguarda da vicino.

La viltà è complicità

Pagheremo cara la nostra viltà, che diventa complicità. La pagheremo politicamente, perché la Turchia ha capito che il silenzio dell’Europa è DEBOLEZZA, è cinismo politico, e saprà di avere mani libere. L’unico che urla pace in questo momento è Papa Francesco.

Il silenzio è porta dell’inferno

Mi fa orrore pensare che l’Europa, culla di civiltà, possa diventare complice di Erdogan per motivi tattici, economici o politici. Mi evoca ricordi terribili. Il silenzio apre le strade all’inferno.

Mi chiedo come sia possibile nell’era della globalizzazione pensare che un fatto avvenuto in Siria possa non avere conseguenze nella nostra vita.

Se ci abituiamo alla morte degli altri, ci abituiamo alla nostra morte.

Essere in rete non significa stare alla finestra. La morte di ogni singolo piccolo curdo, di ogni piccolo migrante, è la mia, che non sto facendo niente per fermarla.

La globalizzazione ha anestetizzato la responsabilità individuale invece di potenziarla.

Usiamo il nostro potere

Quando mettiamo un like, twittiamo, postiamo, ci sentiamo cittadini del mondo. I like virtuali hanno conseguenze reali, come dimostra la globalizzazione dell’odio. Allora dovremmo usare questo potere per diffondere globalmente i valori della vita, usare il nostro potere per la difesa della vita.

Nessun uomo è un’isola

Scriveva John Donne: “Nessun uomo è un’Isola, intero in sè stesso. Ogni uomo è un pezzo del Continente, una parte della Terra. Se una Zolla viene portata via dall’onda del Mare, la Terra ne è diminuita, come se un Promontorio fosse stato al suo posto,o una ragione amica o la tua stessa Casa. Ogni morte d’uomo mi diminuisce, perchè io partecipo all’Umanità. E così non mandare mai a chiedere per chi suona la Campana:
Essa suona per te”.

Le campane di Erdogan suonano per noi. Ogni morte di un uomo mi diminuisce. Oggi siamo diventati infimi.

Rosaria Brancato

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. Giuseppe Di Prima 21 Ottobre 2019 09:19

    AAA usavamo un tempo per i nostri annunci – AAA dovremmo utilizzare oggi per cercare e trovare un DUCE, un CONDOTTIERO fornito di CARISMA e “CIVILE” (parola che completa tutti i requisiti richiesti) – Quale compito avrebbe questo “DITTATORE”? – RIUNIRE I MILIONI DI CITTADINI CHE ODIANO LE GUERRE, I MALTRATTAMENTI, I MEGASTIPENDI DEI PRESIDENTI E DIRETTORI DEGLI ISTITUTI STATALI (affidati tutti ad amici bianchi dei requisiti), RIUNIRE INSOMMA QUELLI CHE PAGANO LE TASSE PER I SERVIZI ed invece li vedono devoluti ai politicanti, e alla corruzione. Ad un dittatore del genere (che poi sarebbe un condottiero degli uomini civili) suppongo che tutti gli uomini con cervello sano e funzionante darebbero il loro appoggio per una sana e civilissima umana UNICA battaglia da condurre !! Il mio invito è per Rosaria Brancato: Inizia le ricerche !!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007