Giro d'Italia in Sicilia. Corsa contro il tempo per sistemare le strade - Tempostretto

Giro d’Italia in Sicilia. Corsa contro il tempo per sistemare le strade

Piero Genovese

Giro d’Italia in Sicilia. Corsa contro il tempo per sistemare le strade

venerdì 14 Aprile 2017 - 07:36

"Strade poco sicure e ritardi nei lavori per la messa in sicurezza". Sono queste le ragioni che hanno spinto gli organizzatori della corsa in rosa a sollecitare gli interventi per le due tappe previste in Sicilia, la Cefalù-Etna e la Pedara-Messina, in programma il 9 e 10 maggio

E' corsa contro il tempo per le due tappe siciliane valide per il centenario del Giro d'Italia, la Cefalù-Etna e la Pedara-Messina. Gli organizzatori della corsa hanno constatato che si è in ritardo con i lavori di messa in sicurezza delle strade.

I Comuni non hanno fondi sufficienti per riparare il dissestato manto stradale e dunque si spera in un'immediato intervento in fretta e furia da parte del Governo della Regione, al fine di evitare una brutta figura proprio in occasione del Giro numero 100 che farà tappa in Sicilia. Secondo fonti vicine agli organizzatori del Giro, sarà l’Anas ad anticipare i 500 mila euro necessari e a occuparsi dei lavori per rendere percorribili i tracciati della quarta e quinta tappa della competizione che vedrà al via i fuoriclasse del ciclismo internazionale e italiano.

La Regione anticiperà le somme che saranno, in un secondo tempo, prelevate dagli interventi del “Patto per il Sud”, progetto in cui sono inseriti alcuni cantieri per il rifacimento delle strade siciliane.

La quarta tappa, che da Cefalù porta la carovana fin sull’Etna, prevede un percorso lungo 181 chilometri, particolarmente adatto a Vincenzo Nibali, che ha grandi doti sia di discesista che di scalatore. Il giorno dopo, il Giro d’Italia si concentrerà su una tappa decisamente meno difficoltosa: da Pedara fino a Messina per 157 chilometri, più adeguata per i velocisti. Quest'ultima è decisamente un'occasione per vedere lo "squalo dello Stretto" in azione, sia all'interno della sua Città, sia di fronte ai suoi tifosi, che di certo Nibali non vuol deludere. E a Messina gli interventi di riparazione nelle strade che saranno transitate sono già in corso.

Tra i grandi assenti anche Fabio Aru, capitano del team Astana. Il ciclista, dopo aver registrato un infortunio al ginocchio, ora dovrà sottoporsi ad una serie di trattamenti volti al recuprero dell'arto per cui non potrà prender parte alla corsa in rosa che parte prorpio dalla Sardegna, casa di Fabio.

Tag:

2 commenti

  1. …..E ALLORA DITE AGLI OPERAI FORZA BARTALI PEDALATE PEDALATE PEDALATE SVELTI CORRETE. MA POSSIBILE CHE A MESSINA LE STRADE SONO “RIPIZZATE” FORTUNATAMENTE QUANDO ARRIVA IL GIRO D’ITALIA? MA ANDATE A ZAPPARE. NON E’ CHE HO VOGLIA DI DIFENDERE ACCORINTI, PERO’ E’ VIZIO DI CITTA’ O FAMIGLIA. COSI’ E’ SUCCESSO ANCHE GIRO D’ITALIA DEL 1972

    0
    0
  2. …..E ALLORA DITE AGLI OPERAI FORZA BARTALI PEDALATE PEDALATE PEDALATE SVELTI CORRETE. MA POSSIBILE CHE A MESSINA LE STRADE SONO “RIPIZZATE” FORTUNATAMENTE QUANDO ARRIVA IL GIRO D’ITALIA? MA ANDATE A ZAPPARE. NON E’ CHE HO VOGLIA DI DIFENDERE ACCORINTI, PERO’ E’ VIZIO DI CITTA’ O FAMIGLIA. COSI’ E’ SUCCESSO ANCHE GIRO D’ITALIA DEL 1972

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007