Cittadini sentinelle, si leva un coro di no: «De Luca incita all’odio sociale»

Cittadini sentinelle, si leva un coro di no: «De Luca incita all’odio sociale»

.

Cittadini sentinelle, si leva un coro di no: «De Luca incita all’odio sociale»

Tag:

. |
lunedì 07 Ottobre 2019 - 09:09

MESSINA – L’iniziativa del sindaco Cateno De Luca di investire i messinesi del ruolo di sentinelle, con il compito di segnalare gli incivili e gli assenteisti tramite un numero whatsapp , ha sollevato un coro di no tra i partiti di opposizione.

PARTITO DEMOCRATICO

«L’ennesima trovata di De Luca non può che vederci totalmente discordi, perché continua sulla scia della criminalizzazione di alcune categorie di cittadini. Non ci piace questa nuova iniziativa, che creerà un clima di odio, di sospetto, di delazione, che metterà i cittadini uno contro l’altro. Vanno bene i controlli, ma nelle mani dei soggetti abilitati a farlo, che ne abbiano le competenze di legge. Basta con questo clima da Far West, basta con il giochetto dei buoni e dei cattivi, e con il Sindaco giudice supremo degli uni e degli altri». Così in una nota I consiglieri comunali del gruppo PD: Antonella Russo, Gaetano Gennaro, Claudio Cardile, Felice Calabrò, Libero Gioveni.

MOVIMENTO CINQUE STELLE

«Lo stato di diritto si basa su regole ben precise, che evidentemente il sindaco Cateno De Luca intende sovvertire, trasformando i cittadini in sentinelle di quartiere ed esasperando ancora di più il clima di terrore con il quale tenta di mascherare la totale inefficienza della sua amministrazione». Parole dei consiglieri comunali del M5s.

«Alimentando questa continua “caccia alle streghe” e mettendo i cittadini gli uni contro gli altri – commentano – il pericolo dietro l’angolo è quello di una deriva autoritaria e giustizialista che alimenterebbe odio, rancori, ripicche e sospetti. Evidentemente – concludono – De Luca continua a confondere la sua paginetta Facebook con un tribunale dell’Inquisizione. Temiamo che il primo cittadino abbia una visione della società piccola, infelice e rancorosa, simile per certi versi a un gregge di pecore che ha bisogno della presenza costante di un cane da guardia. Messina tuttavia non ha bisogno di uno sceriffo che denunci i problemi aizzando i cittadini, ma di un sindaco che sia capace di risolverli. E lui fino ad ora non ne è stato capace».

LIBERIINSIEME INSIEME

«Premesso che l’operazione “tutti sbirri” inevitabilmente lascia enormi perplessità circa l’anomala prassi, ma fa riflettere sulle conseguenze in termini di litigi e odio sociale che potrebbe scatenarsi nelle nostre strade con i nostri concittadini intenti a tentare di fotografare trasgressori in flagrante. Purtroppo quest’ennesima trovata di De Luca, ricorda periodi storici diversi e orridi, dove chi era al comando fomentava con stile analogo e con inviti alla denunzia del vicino di casa, ma per altre motivazioni». Così il capogruppo Mli, Roberto Cerreti.

ASSOCIAZIONE RADICI

«Crediamo – dichiara Emanuele Villari fondatore dell’associazione RADICI- che questa sia un’ altra di quelle cose che De Luca poteva evitarsi. Non so quanto sia poi possibile emettere una multa su una foto scattata da un semplice cittadino e non da un organo preposto . Ma il fatto ancora più grave è quello di creare un imbarbarimento tra gli stessi cittadini. È del tutto evidente che queste misure annunciate dal Sindaco sono sintomo di impotenza della polizia municipale che però non può mai avere come conseguenza mettere i cittadini l’uno contro l’altro. Come detto più volte dal Sindaco: ad ognuno il proprio mestiere e non spetta sicuramente al cittadino fare rispettare le regole o essere utilizzato come un agente di polizia».

Articoli correlati

7 commenti

  1. Il M5s dovrebbe dire che l’amministrazione De Luca è l’unica che sta cercando di risolvere il problema dell’inciviltà e del mal costume. In passato le altre amministrazioni non ci hanno neanche provato.
    Non credo che sia odio sociale denunciare un abuso che danneggia tutta la comunità.

    5
    7
  2. “Odio sociale”… non sento dire altro, non leggo dire altro da mesi e mesi… forse un atto di responsabilità (e di responsabilizzazione) dei cittadini, adesso è odio sociale? Non più consapevolezza civica? Forse qualcosa non va nei “salotti buoni e maleducati” della nostra città?

    0
    0
  3. CUI PRODEST?
    Fermo restando che il tentativo di porre argine all’inciviltà di molti messinesi è lodevole e sacrosanto, la domanda che ci dobbiamo porre è proprio “A chi giova la segnalazione via Whatsapp?”
    Alla Società? NO. Rimarrà lettera morta perché non ci sono le forze per dare seguito (leggasi VVUU, decimati ed inviati a guardia di tutto, dallo shuttle alle prostitute)
    Al cittadino? NI, anzi NO. Sul momento appagato di aver fatto il proprio dovere civico, subito dopo ARRABBIATO nero per averne constatato l’inutilità.
    Al Signor Sindaco? SI. Come sempre si erge paladino di tutto, e questo avrà sicuramente un ritorno elettorale .
    In sostanza il buon Cateno ha fatto da rompighiaccio ad una situazione letargica e cronica. Ma non può pensare di … “sbattere sempre il mostro in prima pagina” per risolvere ogni questione.
    E non c’entrano un … caso i salotti i buonisti ed i ben educati…

    1
    0
  4. “esasperando ancora di più il clima di terrore”
    ma di cosa stanno parlando??
    Essere contrari alla denuncia di abusi o di inciviltà significa avere il “carbone bagnato”!

    0
    0
  5. se non hai fatto nulla di male non hai nulla da temere, dunque il “ragionamento” dei 5 stelle è campato per aria (come al solito).

    0
    0
  6. Forse questi “signori” non sanno che denunciare violazione della “LEGGE” oltre che un diritto del cittadino è anche un obbligo, altrimenti siamo tutti complici, oppure “forse” a parecchi conviene non pagare amam buttare la spazzatura dove capita e far pagare il tutto a quei pochi onesti che riescono a sbarcare il lunario in città.
    Poi non capisco tutti a criticare questo Sindaco pronti a parlare per ogni cosa che fa, e mi domando ma il desiderio di queste persona quale è ??? non ho visto da parte loro in anni di governo qualche cosa di costruttivo…. Non ho mai visto dopo anni di governo nessuna denuncia …. Non ho visto dopo anni di governo il desiderio di sanare legalizzare stabilizzare… e si critica chi denuncia le illegalità alle autorità competenti, chi cerca (anche se in maniera clamorosa ma ci sta) la legalità, chi cerca di far funzionare le cose, chi cerca di sanare il disavanzo del Comune e delle partecipate. Mi par strano che nessuno appoggi tutto questo…….

    3
    0
  7. Sinceramente scatena più odio il tizio che impedisce ad un disabile di passare con una carrozzina o chi ruba acqua ed energia elettrica…

    Se non hai nulla da rimproverati perché infastidirsi?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Premi qui per commentare
o leggere i commenti
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007