Coronavirus, da oggi la banca dati per lo Stretto di Messina. Numeri e controlli - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus, da oggi la banca dati per lo Stretto di Messina. Numeri e controlli

Francesca Stornante

Coronavirus, da oggi la banca dati per lo Stretto di Messina. Numeri e controlli

mercoledì 08 Aprile 2020 - 17:26
Coronavirus, da oggi la banca dati per lo Stretto di Messina. Numeri e controlli

Nel giorno dell'ennesimo scontro sull'ordinanza che introduce i controlli attraverso la banca dati per attraverso lo Stretto di Messina, De Luca snocciola i primi numeri

Ecco i numeri del primo giorno con la nuova banca dati per passare lo Stretto di Messina. I dati del sistema voluto dal sindaco De Luca per controllare gli arrivi in Sicilia e a Messina in questa emergenza Coronavirus. Nonostante il parere del Consiglio di Stato che ha bocciato l’ordinanza del sindaco che introduce questo sistema, De Luca non si ferma. Questa mattina ha preso ufficialmente avvio la piattaforma “Si passa a condizione” e sono stati eseguiti i primi controlli che hanno dato esiti assolutamente convincenti. Agli sbarchi della Caronte&Tourist sono stati registrati i seguenti dati:

Traghetto ore 6:30
 – 23 auto, 17 viaggiatori (3 senza richiesta preventiva) e 6 Pendolari (tutti con richiesta preventiva ed esito positivo); 77 pedoni tutti pendolari di cui 5 senza autorizzazione preventiva e 3 con richiesta effettuata ma non completata.
Traghetto ore 8:20 – 29 auto, 15 viaggiatori (3 senza richiesta preventiva) e 14 Pendolari (1 senza richiesta preventiva); 82 pedoni, 80 pendolari di cui 7 senza autorizzazione preventiva e 2 visitatori (1 lavoratore a chiamata e 1 paziente per dialisi) senza richiesta preventiva.

Mezzo veloce BluJet ore 8:15  – 70 passeggeri tutti pendolari di cui 7 senza richiesta preventiva.I dati dell’attraversamento dello Stretto della mattina dell’8 aprile 2020 è il seguente:
52 auto con 32 viaggiatori (6 senza autorizzazione preventiva) dei quali 20 Pendolari (1 senza autorizzazione preventiva); 229 pedoni, dei quali 227 pendolari (22 senza autorizzazione preventiva e 2 viaggiatori senza autorizzazione preventiva).

Il totale generale è dunque il seguente: 52 auto di cui 7 senza autorizzazione preventiva (13,4%)
229 pedoni di cui 24 senza autorizzazione preventiva (10,4%). Per tutti coloro che non avevano effettuato la registrazione preventiva si è proceduto a dare assistenza tecnica e fare compilare la scheda tramite applicazione web. 

“Sono assolutamente soddisfatto della risposta fornita dai passeggeri alla piattaforma on-line “Si passa a condizione che”. Alla prima verifica pratica ha dimostrato di essere uno strumento agile ed efficiente. L’altissimo tasso di registrazioni già nella prima mattina di utilizzo, pari all’86,6% per i passaggi auto e all’89,6% per i passaggi a piedi, dimostra in modo evidente che lo strumento adottato è funzionale e consente di eseguire con estrema velocità i controlli allo sbarco. Le uniche condizioni previste nella banca  per autorizzare il passaggio sono quelle ammesse dallo stesso DPCM e dal D.M. 118 del 16 marzo 2020 dal Ministro dei Trasporti d’intesa con quello della Salute, e dunque per motivi di salute, di lavoro o di stretta necessità. Si tratta pertanto dello stesso tipo di controllo che la Polizia Municipale assolve quando, in collaborazione con le altre Forze dell’Ordine, esegue i controlli sul territorio per l’osservanza delle disposizioni statali. L’unica differenza però è costituita dall’agilità dello strumento che abbiamo istituito e dal fatto che, in tal modo, i controlli vengono eseguiti preventivamente e quando si sbarca sul suolo messinese già si conosce l’identità del passeggero e la località di destinazione dove trascorrerà il periodo di isolamento”.

“Noi – conclude il Primo cittadino – in tempo reale siamo stati nelle condizioni di fornire ai siciliani i dati effettivi del transito sullo Stretto, oltre alla tipologia di viaggiatori. Tutti i sindaci sono stati informati degli spostamenti di tali viaggiatori, i quali stanno raggiungendo i rispettivi comuni di destinazione per l’obbligo dell’autoisolamento. Nessun controllo in precedenza e invece stato effettuato secondo i DPCM e l’ordinanza del Presidente della Regione Siciliana, tanto da garantire questo tipo di trasparenza e soprattutto di immediatezza di dati da comunicare ai siciliani che ricordo, stanno chiusi in casa, nel rispetto delle norme statali, regionali e sindacali”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007