Coronavirus, la Stazione Centrale di Messina deserta. In Sicilia taglio del 60% dei treni - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus, la Stazione Centrale di Messina deserta. In Sicilia taglio del 60% dei treni

Francesca Stornante

Coronavirus, la Stazione Centrale di Messina deserta. In Sicilia taglio del 60% dei treni

martedì 17 Marzo 2020 - 20:01
Coronavirus, la Stazione Centrale di Messina deserta. In Sicilia taglio del 60% dei treni

Dopo la fuga dal nord, taglio drastico ai treni in tutta Italia per l'emergenza Coronavirus. Ecco le immagini della stazione centrale di Messina.

La Stazione Centrale di Messina. La stazione della città che è porta della Sicilia. Oggi totalmente deserta. L’emergenza Coronavirus non ha svuotato solo strade e fatto abbassare le saracinesche dei negozi. Il Covid 19 svuota le stazioni ferroviarie. Non ci può muovere, non ci si deve muovere. Bisogna restare a casa per sconfiggere questo virus, per difenderci da questo mostro invisibile. E dopo le immagini di stazioni prese d’assalto nei giorni scorsi per la grande fuga verso il sud, ecco come oggi appare la stazione centrale di Messina. La stretta arrivata anche sui trasporti è chiara e inequivocabile.

Tagli ai treni

Pian piano il trasporto ferroviario nazionale sta riducendo l’offerta. Prima è toccato all’Alta Velocità del centro nord. Poi ai treni notte a lunga percorrenza, oggi in pratica tutti sospesi. Da ieri tra le sponde dello Stretto traghetta un solo treno diretto a Roma e il virus rischia di fermare la continuità territoriale. Anche il trasporto regionale siciliano, dopo una prima riduzione del 15%, si appresta con ogni probabilità a finire in queste ore al centro di scelte ancora più drastiche.

Dopo la fuga dal nord Italia

In prima linea però restano i lavoratori front line da tutelare e una azienda che sta affrontando un’emergenza senza precedenti. A dirlo è la Uiltrasporti di Messina. Garantire il diritto alla mobilità e il rispetto delle misure di prevenzione del contagio imposte dal Governo. Sono in questo momento due facce della stessa medaglia. Le scene di psicosi di massa viste in questi giorni, con gli assalti ai convogli ferroviari che pare abbiano portato in pochi giorni dal Nord Italia oltre trentamila cittadini in Sicilia, ponendo rischi potenziali di ulteriore contagio, sono la fotografia dell’estrema difficoltà con cui poter gestire un servizio pubblico che può essere ridotto ma non fermato del tutto.

Pendolari siciliani

Il sindacato ricorda che poi ci sono i pendolari siciliani. Quelli che pur in tempi di decreti e limitazioni imposte dal Governo devono continuare a lavorare e devono poterlo fare servendosi del servizio pubblico. Non tutti possono restare a casa e se bus e treni devono continuare a circolare in nome di un servizio che non può bloccarsi, allora specialmente lì servono regole ancora più stringenti a tutela della sicurezza di chi lavora .

“In questa direzione si è stipulato lo scorso 14 marzo il protocollo tra Governo e Cgil, Cisl e Uil con le parti datoriali, ribadendo il concetto fondamentale che la sicurezza dei lavoratori viene prima del profitto d’impresa. Più complesso diventa applicarlo dove il profitto di impresa è in realtà soprattutto servizio pubblico di bene comune come il trasporto o i servizi di raccolta dei rifiuti. In questi casi il ruolo determinante è in parte del sindacato, che deve pretendere che i lavoratori operino solo laddove vi sia garantita la massima sicurezza , ma anche delle Istituzioni che hanno l’obbligo di vigilare e favorire tutte quelle aziende che con estrema difficoltà hanno interesse a rispettare i vincoli imposti e sanzionare fino a fermare le imprese inadempienti.

Gli interventi del Governo hanno svuotato treni e stazioni ferroviarie e quindi le riduzioni del numero dei treni sono legate anche alla poca richiesta, oltre che per agevolare le restrizioni sul rischio contagio. Alcuni servizi dovranno continuare ed è lì che i lavoratori dei trasporti dovranno essere tutelati con ogni mezzo, nell’interesse stesso di chi suo malgrado dovrà continuare ad utilizzare il mezzo pubblico ringraziando tutti quegli operatori che a rischio della propria persona continuano a far muovere il Paese”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007