Coronavirus. Mascherine gettate per strada, l’U.Di.Con. di Patti: “fenomeno da fermare” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus. Mascherine gettate per strada, l’U.Di.Con. di Patti: “fenomeno da fermare”

Salvatore Di Trapani

Coronavirus. Mascherine gettate per strada, l’U.Di.Con. di Patti: “fenomeno da fermare”

venerdì 29 Maggio 2020 - 11:44
Coronavirus. Mascherine gettate per strada, l’U.Di.Con. di Patti: “fenomeno da fermare”

L’U.Di.Con. di Patti denuncia l’abbandono di guanti e mascherine per strada: “Doveroso sensibilizzare i cittadini nei confronti di tale problematica”.

Torniamo a parlare di coronavirus, ma questa volta lo facciamo ponendo l’attenzione sull’ambiente e sul territorio. L’U.Di.Con. di Patti, guidata dal responsabile Dario Giacoppo, denuncia l’abbandono di guanti e mascherine per strada. Un fenomeno sicuramente da scoraggiare, che contribuisce a sporcare e ad inquinare.

Stop a guanti e mascherine gettati per strada

«La pandemia, protagonista di questi ultimi mesi –si legge in una nota- ha determinato un uso maggiore dei dispositivi di protezione individuale (DPI), tra cui guanti e mascherine, per cercare di evitare e contenere il contagio. Nella maggior parte dei casi, tali strumenti di protezione non vengono smaltiti in modo corretto, e generalmente, molti sono soliti abbandonarli lungo le strade delle città. Bisogna cercare di fermare tali comportamenti in modo tempestivo proprio perché, ad oggi è risaputo quanto l’inquinamento, rappresenti uno dei problemi principali che riguarda il pianeta e i suoi abitanti».

Patti Mascherine Udicon

L’U.Di.Con. ha quindi proseguito: «A questo proposito, il politecnico di Torino ha realizzato una ricerca, mediante la quale si è fatta una stima del numero di guanti e mascherine necessarie nella fase 2, fase nella quale ci troviamo. Sarebbero utili un miliardo di mascherine e mezzo miliardo di guanti al mese affinché ognuno possa ritornare, in sicurezza, alle proprie attività produttive e sociali. Se solo una piccolissima parte di tali dispositivi di protezione, venisse abbandonata, questo avrebbe degli effetti altamente dannosi per l’ambiente terrestre e marino».

La ricerca dell’U.Di.Con.

Una stima preoccupante, dunque, che permette di evidenziare come sia necessario smaltire in modo scrupoloso guanti e mascherine. Il fenomeno dell’abbandono in strada dei dispositivi di sicurezza, ha aggiunto l’U.Di.Con. di Patti, riguarda anche la Sicilia che è stata oggetto di una ricerca da parte dell’associazione pattese.

«Tramite una ricerca –si legge ancora nella nota- realizzata sul territorio pattese dalla Sede U.Di.Con di Patti con responsabile Dario Giacoppo e con la collaborazione di Gloria Casella, si è osservato che purtroppo sono molte le mascherine e i guanti ad essere abbandonati nell’ambiente, non procedendo, così, a un loro corretto smaltimento».

Patti Mascherine Udicon

Da qui la proposta: più contenitori di rifiuti sul territorio, in particolare fuori dai supermercati, dalle farmacie, dai parco giochi e dagli portelli automatici di banche e poste. Nel frattempo si punta anche alla sensibilizzazione della cittadinanza, affinché si limiti al minimo l’abbandono di rifiuti, in particolare di guanti e mascherine.

Patti Mascherine Udicon

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007