Coronavirus: "Mia madre rischia la vita nella Casa di riposo e nessuno ci aiuta" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus: “Mia madre rischia la vita nella Casa di riposo e nessuno ci aiuta”

.

Coronavirus: “Mia madre rischia la vita nella Casa di riposo e nessuno ci aiuta”

. |
mercoledì 25 Marzo 2020 - 09:10
Coronavirus: “Mia madre rischia la vita nella Casa di riposo e nessuno ci aiuta”

"Caro sindaco mi ha delusa. 13 operatori chiusi lì quasi tutti contagiati costretti a lavorare senza tute, senza mascherine. Rischiano la vita e nessuno li aiuta"

Di seguito pubblichiamo il post di Felicia Centorrino, figlia disperata di una delle operatrici che da una settimana sono chiuse nella casa di riposo Come d’incanto in condizioni drammatiche. E’ ormai acclarato che il contagio è stato diffuso a tappeto, ma nonostante gli appelli, chi lavora lì non ha alcuna tutela. Anzi, da ieri è stato detto agli operatori che se vanno via non ci sarà nessuno ad accudire gli anziani (quasi tutti peraltro positivi).

Caro sindaco mi ha delusa

Caro sindaco De Luca, sta facendo tanto per questa città ma ieri davanti a quella maledetta casa di riposo mi ha delusa! E’ stato bruttissimo vederla urlare e assumere quell’atteggiamento davanti ai dipendenti, tra cui MIA MADRE ed ai tantissimi familiari delle persone chiuse lì dentro.

Caro sindaco hai voltato le spalle

Tu puoi fare ben poco in questa situazione, non puoi fare un decreto e obbligare l’ASP ad entrare, non puoi obbligare i dottori e tanto meno non puoi entrare tu, non serviresti a nulla. Però ieri caro sindaco hai messo in crisi 13 operatori facendoli sentire in colpa se dovessero uscire da lì. Hai girato le spalle e sei salito in macchina senza ascoltarli, come per dire SBRIGATEVELA VOI. Dici che non indossi la mascherina perché devi essere l’ultimo a farlo, perché non puoi stare col pensiero che c’è un cittadino che non l’abbia…

sindaco e asp casa di riposo coronavirus

Senza mascherine nè guanti

Ma hai capito che quei poveri disgraziati VIVONO CON CASI CERTI DI COVID 19 E NON HANNO PIU’ NIENTE, NE’ MASCHERINE NE’ TUTE NE’ GUANTI? Mia madre non mi sa più dire quanti sono i suoi colleghi positivi perché si è isolata ma ho letto un articolo….. Su 12 operatori 9 sono positivi e tre devono ripeterlo. Non so se sia vero ma se lo è? Se stanno male come fanno ad occuparsi di 50 persone la maggior parte ALLETTATE? Vuol dire cambiargli il pannolone o la sacca più volte al giorno, cambiargli posizione quando hanno dolori, lavarli, vestirli, dagli da mangiare, pulirli, curargli le piaghe…

Curano, lavano 50 anziani a rischio

Ma state scherzando dicendogli di stare altri 3 giorni SENZA AIUTO? 9 GIORNI DA SOLI. Ad oggi mia madre indossa gli stessi indumenti di giovedì perché i numeri che lei ha messo a disposizione NON SANNO E NON VOGLIONO VENIRE A CASA per prendere le cose e portargliele. Noi non possiamo farlo perché mio padre e mio fratello POTREBBERO ESSERE STATI CONTAGIATI E SI TROVANO A CASA. Ma che c….di aiuto state dando. DEVONO ANDARSENE TUTTI i dipendenti e poi vediamo se non entra ad aiutare quei nonnini… (Felicia Centorrino)

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. A Palermo molti anziani delle case di riposo sono stati contagiati da parenti venuti dal nord. Gli operatori di queste case di riposo devono essere rigorosi e non far entrare neanche i parenti che non si sa da dove vengono.Ogni smagliatura mette a rischio gli anziani.Controllo controllo e controllo e non far entrare chiunque

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007