Coronavirus: SOS Case di Riposo "Abbandonati dalle istituzioni" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus: SOS Case di Riposo “Abbandonati dalle istituzioni”

Emanuela Giorgianni

Coronavirus: SOS Case di Riposo “Abbandonati dalle istituzioni”

martedì 24 Marzo 2020 - 16:05
Coronavirus: SOS Case di Riposo “Abbandonati dalle istituzioni”

#coronavirus. Pericolo per le case di riposo. La direttrice della Casa di Riposo “S. Paolo” chiede aiuto.

“Care Istituzioni, dove siete finite?” Questa è la domanda che si pone Concetta Bucca, responsabile della Casa di Riposo per anziani “S. Paolo”, in provincia di Messina, autorizzata dall’ASP ad ospitare un numero totale di 80 posti letto.

“Situazione drammatica”

“Stiamo vivendo una situazione di estrema difficoltà, nonostante abbiamo chiuso la struttura a parenti, fisioterapisti e, perfino, medici, già dal 7 marzo, e ci siamo muniti, dal 24 febbraio, di tutti i presidi e le precauzioni necessari. Mi assale ugualmente, e sempre più forte, l’ansia di ritrovarmi in una situazione come quella recentissima verificatasi in una residenza per anziani di Messina ed in altre strutture dello stesso tipo situate in varie città italiane. Come si fa a mantenere la serenità e la sicurezza dal punto di vista della attuale situazione di contagio per gli ospiti della struttura e per gli operatori che assistono gli stessi?

I miei appelli inascoltati

Negli ultimi giorni mi sono rivolta a tantissime Istituzioni e figure istituzionali che dovrebbero essere preposte a dare una mano a noi cittadini; ho richiesto dispositivi di protezione individuali (DPI) e, soprattutto, l’effettuazione di tamponi di verifica ai nostri dipendenti, ma non ho ottenuto assolutamente nulla. I telefoni squillano ma nessuno risponde, i messaggi arrivano e alle nostre richieste non fa seguito niente se non il silenzio assoluto.

“Nessuno ci ascolta”

Cosa possiamo fare? Lasciare che qualcuno dei nostri dipendenti, magari portatore asintomatico ed ignaro di avere il virus, contagi uno o più nonnini affidatici? Non ce lo perdoneremmo mai. Sarebbe una strage che avrebbe potuto essere prevista e risolta in tempo. Sento di avere un peso grandissimo ed una responsabilità che, purtroppo, non vengono compresi da quelli che sono o, meglio, dovrebbero essere le sedi di supporto e di aiuto del nostro Paese”.

“Vogliamo tamponi per tutti”

Questo il suo appello, per il quale chiede alle Istituzioni l’effettuazione di tamponi a tutti i suoi dipendenti, “in considerazione delle ultime evidenze scientifiche, secondo le quali l’effettuazione dei tamponi diagnostici per COVID19 rappresenta uno strumento di sanità pubblica, dunque utile per la prevenzione della diffusione dell’infezione; da effettuare non solo nei soggetti sintomatici ma, in particolare, negli asintomatici, come il personale sanitario, i dipendenti di case di riposo, delle carceri, dei supermercati e negozi alimentari”.

Una scelta strategica importante cui chiede di dare ascolto.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007