Coronavirus, Stretto blindato? Folla agli imbarchi di Villa S. Giovanni - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus, Stretto blindato? Folla agli imbarchi di Villa S. Giovanni

Rosaria Brancato

Coronavirus, Stretto blindato? Folla agli imbarchi di Villa S. Giovanni

giovedì 19 Marzo 2020 - 09:05
Coronavirus, Stretto blindato? Folla agli imbarchi di Villa S. Giovanni

ultimora- Decine di persone a Villa San Giovanni in attesa di traghettare. Così si presenta lo Stretto questa mattina alle 7.30 #coronavirus

Si prova a “blindare” lo Stretto ma dalle fotografie che abbiamo ricevuto questa mattina, le difficoltà ad attuare le limitazioni richieste dal presidente della Regione e accolte dal governo nazionale, sono tante.

ore 7.30 Villa San Giovanni

Corse ridotte, controlli a Messina, traffico merci spostato a Tremestieri, eppure l’assalto alle navi della Caronte continua ad esserci. Stamattina alle 7.30 (una delle corse previste dopo il decreto Sicilia), l’imbarco della Caronte a Villa San Giovanni si presentava così. Un lettore ci ha inviato le foto che stiamo pubblicando.

La folla agli imbarchi

Decine e decine di persone pronte a varcare lo Stretto. Ormai l’Area dello Stretto è una realtà nei fatti, e le centinaia di pendolari che ogni giorno si spostano tra le due sponde rappresentano numeri con i quali dovere fare i conti. L’ulteriore stretta per evitare il diffondersi del contagio del Coronavirus, ha ridotto i numeri delle corse con il conseguente “affollamento” in quelle ancora in vigore. Difficile mantenere le distanze di sicurezza e garantire i controlli. Da verificare poi quanti siano i pendolari per lavoro o quanto ancora stia continuando la “fuga” verso l’isola.

Le nuove disposizioni

Da ieri le novità più rilevanti annunciate per il traffico marittimo sono due. La prima per il traffico merci e l’altra per i collegamenti nello Stretto. Nel primo caso, continuerà a essere garantito il trasporto delle derrate, ma “possibilmente su unità di carico isolate non accompagnate”. Il porto di attracco sarà Tremestieri. La seconda riguarda gli spostamenti via mare dei passeggeri da Messina per Villa San Giovanni e Reggio Calabria le corse giornaliere passano da venti a quattro corse giornaliere di andata e ritorno, ma solo dalle 6 alle 21. Nessuna nelle ore notturne.

La Uil: così è effetto boomerang

Su quanto accaduto si registra l’intervento della Uil Trasporti: “Così l’effetto rischia di essere un boomerang ed amplificare i rischi di contagio del personale marittimo di bordo e dei lavoratori dell’indotto, rendendo vane tutte le prevenzioni poste in essere dalle Aziende. Occorre proteggere i lavoratori di tutte le compagnie di navigazione, sia pubbliche che private. Quindi delle due l’una o si implementano le restrizioni dei soggetti che possono transitare tra le sponde dello Stretto facendo un ulteriore giro di vite sull’utenza, oppure occorre rivedere il numero dei collegamenti e implementare le attività di controllo.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Lo stretto andava “blindato” prima, ormai sono rimasti esclusivamente i pendolari costretti da esigenze lavorative, la  maggioranza di quest’ultimi sono uomini e donne che svolgono servizi di controllo per la sicurezza sul territorio italiano o forniscono servizi di 1° necessità. Al riguardo, il decreto non vieta l’ingresso in Sicilia ai residenti, quindi tagliando quasi tutte le corse avete complicato la vita ai suindicati lavoratori che sono costretti ad essere convogliati tutti in un’unica nave del mattino o della sera. In conclusione, si vede anche dalla foto in allegato che c’è un militare in divisa.

    4
    0
  2. Marcello Cilia 19 Marzo 2020 10:39

    Non è corretto le navi sono solo 2 A/r . Da Messina 7:00 e 18:00. Che da Villa divantano 7:30 e 18:30. Puoi garantire così il passaggio di lavoratori, forze dell’ordine e medici e infermieri e Oss che garantivano il servizio dall’altra sponda. Bene così …. paralizziamo gli ospedali ! Per non commentare il cambio d’orario fatto in notturna. Tutte le mattine la nave è stata 7:20 perché nn mantenere almeno oggi quell’orario invece di creare il disservizio ??

    0
    0
  3. Perke dovete rimanere acasa massa di pecuruni ignoranti

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007