Operazione Matassa, David parla - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Matassa, David parla

Alessandra Serio

Operazione Matassa, David parla

sabato 14 Maggio 2016 - 15:10
Operazione Matassa, David parla

Il consigliere comunale arrestato giovedì scorso nel blitz antimafia a Camaro e Santa Lucia Sopra Contesse ha affrontato l'interrogatorio di garanzia scegliendo il confronto col giudice.

E' terminato poco prima delle 16 l'interrogatorio di garanzia di Paolo David. Il consigliere comunale, in carcere da tre giorni con l'accusa di associazione finalizzata alla corruzione elettorale, ha ricevuto a Gazzi la "visita" del GIP Maria Teresa Arena che gli ha domandato conto delle accuse mosse dalla Procura. In particolare quella di aver comprato voti da personaggi di Santa Lucia Sopra Contesse, indicati dagli investigatori come vicini al clan della zona.

David ha scelto di parlare, ha risposto puntualmente a tutte le domande poste dal Giudice per le indagini preliminari, la stessa che ha firmato il provvedimento custodiale in carcere. Il confronto è andato avanti per circa tre ore. E si è difeso, respingendo gli addebiti penali alle sue condotte. I suoi difensori, gli avvocati Nino Favazzo ed Emilio Fragale, attendono ora la fine della tornata degli interrogatori per presentare eventuale istanza di scarcerazione o attenuazione della misura allo stesso giudice, o se ricorrere direttamente al Tribunale della Libertà, chiedendo il riesame del provvedimento che lo ha spedito dietro le sbarre. Anche perché prima di oggi il consigliere non si era potuto consultare con i suoi legali, visto che il Gip Arena ha disposto espressamente il divieto di colloquio coi difensori fino all'interrogatorio di garanzia.

Il Giudice ha terminato di ascoltare gli arrestati in carcere. Molti di loro, anche tra quelli che hanno una lunga fedina penale e altre condanne da scontare, hanno scelto di parlare. Da lunedì tocca alle nove persone andate ai domiciliari,

Martedì, invece, sarà la volta dell'altro arrestato eccellente, il consigliere Giuseppe Capurro, ai domiciliari con la più grave accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Anche nel suo caso i legali, gli avvocati Nino Cacia e Daniela Agnello, sono fiduciosi che il loro assistito riuscirà a discolparsi.

Alessandra Serio

Tag:

6 commenti

  1. Che squallore. Povera Messina.

    0
    0
  2. Che squallore. Povera Messina.

    0
    0
  3. GLI ITALIANI E I MESSINESI IN PARTICOLARE, NON DOVREBBERO MAI PIU’ VOTARE NE’ PARENTI DIRETTI O ACQUISITI DI POLITICI IN CARICA O EX POLITICI. POICHE’ COLORO CHE DISCENDONO PER GRAZIA DI “SORTE” O EREDITA’ CHE HANNO AVUTO TRAMITE PADRI ZII O SUOCERI DI DIRE: CIO’ CHE HO PERCHE’ SONO STATO “UNTO” DAL SIGNORE SONO IL PADRE ETERNO IN TERRA. OLTRE NATURALMENTE, DOVREBBERO SAPERE ALTRI CANDIDATINON PARENTI DI POLITICI CHI RAPPRESNETANO CHI LI HA PRESENTATI. IN UNA PICCOLA CITTA’ NON E’ DIFFICILE SAPERLO. VIA PARENTI E COLEGAMENTI CON POTENTATI O ALTRO SI POTREBBE VIVERE MEGLIO. SQUALLORE E POVERA MESSINA D’ACCORDO, MA OLTRE LA SIEPE IL BUIO, E NEL TUNNEL NON SI VEDE LA LUCE. POLITICI E PARENTI NON RIGUARDA SOLO MESSINA MA L’ITALIA NO VOTIAMOLI

    0
    0
  4. GLI ITALIANI E I MESSINESI IN PARTICOLARE, NON DOVREBBERO MAI PIU’ VOTARE NE’ PARENTI DIRETTI O ACQUISITI DI POLITICI IN CARICA O EX POLITICI. POICHE’ COLORO CHE DISCENDONO PER GRAZIA DI “SORTE” O EREDITA’ CHE HANNO AVUTO TRAMITE PADRI ZII O SUOCERI DI DIRE: CIO’ CHE HO PERCHE’ SONO STATO “UNTO” DAL SIGNORE SONO IL PADRE ETERNO IN TERRA. OLTRE NATURALMENTE, DOVREBBERO SAPERE ALTRI CANDIDATINON PARENTI DI POLITICI CHI RAPPRESNETANO CHI LI HA PRESENTATI. IN UNA PICCOLA CITTA’ NON E’ DIFFICILE SAPERLO. VIA PARENTI E COLEGAMENTI CON POTENTATI O ALTRO SI POTREBBE VIVERE MEGLIO. SQUALLORE E POVERA MESSINA D’ACCORDO, MA OLTRE LA SIEPE IL BUIO, E NEL TUNNEL NON SI VEDE LA LUCE. POLITICI E PARENTI NON RIGUARDA SOLO MESSINA MA L’ITALIA NO VOTIAMOLI

    0
    0
  5. giuseppe bonanno 18 Maggio 2016 07:46

    mi vien che ridere …………che personaggio xxxxxxxxxxxxxx, che dolore per la povera famiglia fatta di persone perbene

    0
    0
  6. giuseppe bonanno 18 Maggio 2016 07:46

    mi vien che ridere …………che personaggio xxxxxxxxxxxxxx, che dolore per la povera famiglia fatta di persone perbene

    0
    0

Rispondi a mariell@ Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x