Covid. "Caro Musumeci, sul passaporto sanitario ci ripensi. La Sicilia è terra accogliente" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid. “Caro Musumeci, sul passaporto sanitario ci ripensi. La Sicilia è terra accogliente”

Redazione

Covid. “Caro Musumeci, sul passaporto sanitario ci ripensi. La Sicilia è terra accogliente”

venerdì 29 Maggio 2020 - 08:25
Covid. “Caro Musumeci, sul passaporto sanitario ci ripensi. La Sicilia è terra accogliente”

La lettera di un infermiere siciliano che da anni lavora in Svizzera: "Il turismo in sicurezza si può fare"

Di seguito la lettera di Fabio Coglitore al governatore della Regione Siciliana in merito alla ventilata ipotesi di un “passaporto sanitario” per chi vuol venire nell’isola a trascorrere le vacanze (unico caso in Europa).

Gentile Presidente Musumeci,mi chiamo Fabio Coglitore e sono uno dei tanti siciliani sparsi in giro per il mondo.  A fine marzo Tempostretto.it mi aveva dato l’opportunità di raccontare la mia storia di infermiere impegnato nella lotta al Covid-19 in Svizzera. Fortunatamente, da un paio di settimane, la situazione è tornata ad una progressiva normalità.

L’idea del passaporto sanitario

Mi permetto di sfruttare questo nuovo spazio per dissentire, signor Presidente, in maniera educata ma ferma sul progetto di ” passaporto sanitario” per i turisti che vorranno visitare la nostra amata terra in estate.  Capisco, signor Presidente, la prudenza dopo un periodo storico durissimo e imprevedibile. So che probabilmente bisognerà rispettare limitazioni e regole di prevenzione igienico-sanitarie per un pò e mi rendo conto di come sia necessario attendere i dati epidemiologici per poter prendere una decisione difficile, ma la decisione sul cosiddetto “passaporto”, signor Presidente, proprio non la capisco.

La Sicilia terra accogliente

Non la capisco perché non garantirebbe, comunque, l’eliminazione totale di un rischio di contagio ; non la capisco perché, oltre ad esami clinici, ci si potrebbe dover trovare a  rispondere, forse, a domande strettamente private. Non la capisco perché la Sicilia è sempre stata e deve restare terra accogliente verso tutti coloro che scelgono di passare le vacanze nella nostra isola, a maggior ragione come prima metà dopo il lock down, alimentando un settore, quello turistico, che aspetta impaziente di rimettersi in moto ( parliamo di migliaia di persone tra strutture alberghiere e balneari, ristorazione e commercianti e, cosa più importante, relative famiglie).

Turismo in sicurezza

La prego quindi, signor Presidente, di riconsiderare l’ipotesi di applicazione di una tale misura e vedrà che io, come altri migliaia di turisti e siciliani da troppo tempo lontani, saremo ben lieti, rispettando ogni regola di prevenzione igienico-sanitaria in essere, di atterrare e passare, quanto prima, un pò di tempo in Sicilia.  In fondo, comunque, il nocciolo della questione si risolverà quando avremo una decisa risposta politica al semplice ma fondamentale quesito ” meglio riaprire e ripartire o restare chiusi? “

Distinti saluti,

Fabio Coglitore

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Nicolò D'Agostino 29 Maggio 2020 09:35

    Giuste le precauzioni ed il Loro rispetto… ma è anche giusto “non dare all’untore” quando questo è beddru e chinu i vita. Caro Nellu (Musumeci) capisco che il Tuo cervello sia deformato dall’ideologia fascista che hai praticato fin da giovane età, mentri nui siccutaumu i fimmini, ma impedire a chi lavora al Nord ed è residente in Sicilia di fare il pendolare a lunga percorrenza perché se mette il piede in Sicilia deve fare la quarantena e non può ripartire è follia, non è precauzione. Il mondo che gira non è quello che gira nel Tuo cervello… nessuno vuole creare problemi se non li ha ma la Tua paranoia mi ha tenuto lontano 3 mesi da casa: u capisti o no? Se volevi salvaguardare la salute dei siciliani che erano fermi in Sicilia, rispetto a quelli che “volano”, al Loro arrivo gli facevi fare il tampone, se eri preoccupato, ma non ne limitavi la libertà. Adesso mentre il governo a deciso di riaprire l’Italia il 3 giugno, Tu dici il 7 giugno, ma ti sembri normale?

    1
    1
    1. Nicolò D'Agostino 29 Maggio 2020 18:38

      “Adesso mentre il governo ha deciso di riaprire l’Italia il 3 giugno, Tu dici il 7 giugno, ma ti sembri normale?”… ma il Tuo compagno di merenda Bertolaso lo fai entrare in Sicilia, gli fai fare i porci comodi Suoi e poi se ne va. Io non posso rientrare a casa perché onestamente dico che torno a casa e non alla Sede Legale della mia Società che è a Messina. Hai massacrato i siciliani che di danno dignità in giro per l’Italia e per il mondo. Nessuno voleva infettare nessuno ma stando bene perché questa folle precauzione per la gente in salute che rispetta le distanze ed usa i mezzi? Siete la sventura della Sicilia.

      0
      0
  2. Il Presidente Musumeci non ha mai detto e fatto nulla durante l’emergenza Covid. Continui a farlo perché ritengo sia meglio e spero che sia l’ultima che rappresenti noi Siciliani.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007