Covid. CMdb: "Messina unica in Italia a disincentivare il trasporto pubblico" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid. CMdb: “Messina unica in Italia a disincentivare il trasporto pubblico”

Redazione

Covid. CMdb: “Messina unica in Italia a disincentivare il trasporto pubblico”

venerdì 26 Febbraio 2021 - 09:02

Cambiamo Messina dal basso critica la decisione della giunta De Luca

“Siamo l’unico posto al mondo in cui l’amministrazione lavora per disincentivare l’uso del trasporto pubblico. Sì, perché in tema di sicurezza sanitaria, dove certamente il trasporto pubblico locale è un’occasione di rischio contagio, anziché investire risorse per ridurre gli affollamenti sui mezzi (aumentando le corse o dilazionando opportunamente gli ingressi e le uscite in scuola, uffici e negozi), l’Amministrazione De Luca eroga fondi pubblici per rimuovere il pagamento delle strisce blu “al fine di disincentivare l’utilizzo del tpl”, come si legge nella delibera di giunta numero 63 del 9 febbraio 2021”.

Così Cambiamo Messina dal basso critica la decisione della giunta De Luca.

“Ora, che i parcheggi normalmente a pagamento siano (e saranno a lungo) gratuiti, per molti è senza dubbio una buona notizia. Certo in tanti avranno notato l’incremento del traffico e la difficolta a trovare parcheggio in centro, tuttavia risparmiare quei pochi euro certamente fa piacere. Bisogna però ricordarsi che, in questo modo, il parcheggio ora lo paghiamo tutti: chi usa l’auto e chi no. Infatti Atm non rinuncia ai proventi delle strisce blu, ma si fa ripagare dei mancati introiti dal Comune, utilizzando risorse pubbliche, quindi soldi di tutti noi. In particolare, le risorse sono quelle destinate ai ristori e quindi risorse che non andranno, come avrebbero potuto, a famiglie e imprese in difficoltà economica a causa della Covid”.

Per questo, il Comune riconosce ad Atm 120mila euro al mese. “Circa 61mila euro sono di “mancato utile”, conteggiato come differenza tra la previsione di incasso e le spese relative che si sarebbero sostenute normalmente per il controllo delle zone a pagamento. Ora, se un ristoratore ha dovuto chiudere il proprio ristorante durante il confinamento, in cambio ha ricevuto un ristoro (spesso del tutto parziale) per le spese che ha dovuto comunque sostenere (gli affitti, i mutui, il personale ecc). Atm invece chiede di avere ristorato l’utile complessivo, come se il ristorante fosse stato pieno tutti i giorni”.

Tag:

2 commenti

  1. Finalmente qualcuno che entra nel merito dei provvedimenti di questa giunta.
    C’è stato un tempo in cui le testate svisceravano bilanci e provvedimenti sino alla pedanteria.
    Oggi evidentemente va tutto benissimo.

    9
    1
  2. Ormai è certo che, oltre che nelle case di riposo, il trasporto pubblico, specie nelle ore di punta scolastiche, è uno dei maggiori veicoli di infezione da Corona Virus.
    Mettete da parte l’ideologia e cercate di essere vicino agli ammalati anzichè attaccare tutto e tutti. Abbiamo paura di ammalarci, e se devo spendere cento euro al mese di benzina per andare a lavorare non saranno i vostri proclami a farmi cambiare idea.

    2
    2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007