Covid. In Sicilia fatti 80mila vaccini, di cui 10mila a Messina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid. In Sicilia fatti 80mila vaccini, di cui 10mila a Messina

Marco Ipsale

Covid. In Sicilia fatti 80mila vaccini, di cui 10mila a Messina

giovedì 14 Gennaio 2021 - 17:21
Covid. In Sicilia fatti 80mila vaccini, di cui 10mila a Messina

Tasso di somministrazione al 63.7 %, in linea con la media nazionale

In Sicilia, dall’avvio della campagna vaccinale anti Covid, sono 79.889 le persone che hanno ricevuto il vaccino, di cui 64.241 a operatori sanitari, 2.492 ad anziani in strutture residenziali e 13.156 a personale non sanitario.

In Sicilia tasso al 63.7 %, in media nazionale

La Sicilia è la quarta regione per numero di dosi ricevute (125.485) e la decima per tasso di somministrazione (63.7 %, uguale alla media nazionale). Ne hanno ottenute di più Lombardia (234.645), Lazio (132.580) ed Emilia Romagna (131.625). Le percentuali più alte rispetto alle dosi ricevute sono in Campania (85.6 %), Umbria (73.3) e Veneto (73.2).

In Italia 896.498

In Italia, finora, sono stati somministrati 896.498 vaccini, di cui 688.257 a operatori sanitari, 70.727 ad anziani in strutture residenziali, 137.514 a personale non sanitario.

A Messina e provincia 9.759

A Messina e provincia sono state somministrate 9.759 dosi di vaccino, di cui 2.060 al Policlinico, 1.103 al Papardo, 1.041 all’Irccs (nelle due sedi del Neurolesi e del Piemonte), e 5.555 dall’Asp (nelle sedi degli ospedali di Patti e Taormina e nei centri dei distretti Messina Nord Mandalari, Messina Centro via Sant’Elia e Messina Sud Pistunina.

Ecco per chi

La prima fase, fino al 31 gennaio, prevede la vaccinazione per le seguenti figure: Personale Aziende Sanitarie (incluso personale convenzionato interno e non dipendente, che lavora all’interno delle Asp e delle Aziende Ospedaliere, informatori scientifici del farmaco e dei dispositivi, personale afferente alle ditte che assicurano servizi esternalizzati, pulizia, cucina, manutenzione, antincendio. etc.); Operatori assunti per la gestione dell’emergenza Covid; Medici dell’emergenza territoriale, operatori del 118 e associazioni di volontariato convenzionato per le eccedenze; Rsa e Residenze per anziani: ospiti e personale; Medici di continuità assistenziale, che operano in regime convenzionale con la Regione; – Laboratori analisi privati in possesso di autorizzazione regionale per la processazione dei tamponi molecolari per la ricerca del Sars-CoV2; Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta; Operatori sanità privata (Aiop e Aris etc.); Medici iscritti al corso di medicina generale; Medici specializzandi; Studenti iscritti ai corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e altre professioni sanitarie che effettuano tirocinio formativo presso strutture sanitarie del Ssr; Personale medico specialista convenzionato esterno con il Ssr; Odontoiatri iscritti agli Albi degli Odontoiatri provinciali della Sicilia; Collaboratori di medici, pediatri e odontoiatri; Medici liberi professionisti; Farmacisti; altro personale sanitario e socio-sanitario.

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. Speriamo che nei centri vaccinali abbiano messo da parte le dosi sufficienti per fare il richiamo previsto dopo 21 giorni dalla prima somministrazione (come previsto da Arcuri) altrimenti sarà un bel problema e faremo come la Campania che ha utilizzato il100%dei vaccini consegnati e non ha attualmente le dosi per i richiami.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x