Covid zona rossa. Il cartello: "Condoglianze alle attività commerciali di Messina" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid zona rossa. Il cartello: “Condoglianze alle attività commerciali di Messina”

Rosaria Brancato

Covid zona rossa. Il cartello: “Condoglianze alle attività commerciali di Messina”

lunedì 11 Gennaio 2021 - 10:20

E' apparso ieri, in vista del lockdown di Messina. Esprime lo sconforto di tantissimi esercenti che rischiano di non riaprire mai più le saracinesche

L’ordinanza del sindaco firmata ieri a tarda sera, con la quale si aggiungono ulteriori misure restrittive rispetto al provvedimento di Musumeci per la zona rossa, l’accavallarsi anche nel tempo di Dpcm e atti sia a livello regionale che comunale, hanno causato una situazione di confusione che sconcerta cittadini ed esercenti.

Sfiancati dalla crisi

A meno di un anno dall’inizio della pandemia la situazione si fa drammatica per migliaia di titolari di attività ormai sfiancati dalla crisi. I ristori, i bonus a vario titolo erogati da Roma in giù, peraltro non controbilanciati da cancellazione delle imposte (ma solo con la sospensione ed il rinvio di alcune) e per di più collegati a parametri che non hanno raggiunto tutti quelli che ne hanno necessità, non bastano. Sono pannicelli caldi, arrivano in misura ridotta rispetto alle voragini che si sono create e per di più arrivano in ritardo rispetto all’urgenza.

Il rischio di non riaprire

Ecco perché l’ultima ordinanza di De Luca non è stata presa bene dai commercianti e dai piccoli imprenditori, dai piccoli esercenti, costretti ad abbassare le saracinesche per 20 giorni (in pieno periodo di saldi) e dopo un periodo festivo caratterizzato da tanti giorni rossi. Per moltissime attività il rischio è quello di non riaprire più. Il sindaco ha garantito entro fine mese il pagamento del bonus di 3 mila euro alle PMI che hanno presentato istanza (poco meno di 3 mila) ed ha annunciato un nuovo bonus da attivare a febbraio. Nel contempo saranno disposte esenzioni per occupazione suolo, Tari e Amam. Ovviamente resta prorogata la Family card per le famiglie più fragili.

“Condoglianze ai negozi”

Una situazione drammatica che sta gettando nello sconforto gli esercenti. Non a caso è apparso il cartello di lutto in una delle vetrine di un negozio del centro. “Condoglianze alle attività commerciali di Messina”. Poche parole per sintetizzare una situazione ormai prossima a diventare tragedia.

Tag:

11 commenti

  1. Se non riaprono pazienza ce ne faremo una ragione, comunque solo gli esercenti onesti dovrebbero essere in difficoltà, perché la maggior parte incassava 10 e dichiarava 2.

    12
    42
    1. L’incapacità di comprendere che le attività commerciali sono quel pò di spina dorsale rimasta all’economia di questa città è sconcertante.
      Parliamo anche di dipendenti, di fornitori, di indotto in genere.
      La sua affermazione, così come quella di altri, oltre ad essere offensiva è anche indice di miopia e di molto altro ancora.

      44
      3
    2. Non capisco come si possa solo pensarla una disamina del genere e tradurla in parole… Purtroppo c’è gente che vive in un mondo tutto suo e non ha idea dei sacrifici che ci sono dietro quelle saracinesche in termini di tempo, di patrimonio personale investito e di debiti contratti… La guerra tra poveri…

      0
      0
  2. Con quello che hanno evaso di tasse, i commercianti possono campare con la gamba a cavallo per i prossimi 200 anni.

    13
    43
  3. Gli imprenditori hanno tollerato l’intollerabile. La chiusura forzata dei negozi viola gli Articoli 1-2-3-4-35 della Costituzione italiana, per cui e’ palesemente illegittima, cioe’ illegale.
    Il Sindaco lo sa certamente, come pure conosce l’art. 28 della stessa Costituzione.
    Ho stima e simpatia per il Sindaco, e proprio per questo mi permetto di ricordargli quanto sopra.

    15
    4
  4. Di pessimo gusto. Le condoglianze vanno fatte ai familiari delle vittime del Covid. Abbiate rispetto per i morti e vergognatevi.

    7
    32
  5. I Ristori dovrebbero essere dati in proporzione al fatturato dimostrabile fiscalmente del mese in questione dell’anno precedente !!!!!!

    19
    1
    1. Non credo siano previsti.
      Ma potrei sbagliare.

      4
      0
    2. Allora non darebbero quasi niente, infatti dichiaravano all’incirca il 30% del fatturato reale.

      4
      8
      1. lavori all’agenzia delle entrate?

        8
        4
  6. Immagino che voi che criticate conosciate bene il computo delle spese, tra INPS, Iva, commercialisti, utenze business che costano il triplo di quelle domestiche, banca, eventuali dipendenti, affitti e cose varie. Poi certo una famiglia che resta senza l’attività che la sostentava non è importante come quella che ha avuto casi di positivi, che volete che sia un genitore che deve fare di tutto per mettere un piatto davanti al figlio? Mica ha avuto il virus lui!

    4
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x