Cronaca di un sabato sera dal Bronx della movida del centro città - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Cronaca di un sabato sera dal Bronx della movida del centro città

Francesca Stornante

Cronaca di un sabato sera dal Bronx della movida del centro città

venerdì 26 Aprile 2019 - 07:30

Michele Bisignano, residente del centro e promotore di un comitato insieme ad altri cittadini stanchi, racconta con amarezza la movida selvaggia che continua indisturbata

”Bancarelle provvisorie trasformate in discoteca, con disturbo anche delle funzioni religiose in Cattedrale. Locali e lounge bar che non rispettano gli orari massimi consentiti e diffondono musica ad altissimo volume fino alle due di notte, accompagnata da schiamazzi che si protraggono fino alle quattro del mattino, conditi da urla belluine, bestemmie, cori da stadio e risse con lanci di bottiglie.

Auto con impianti stereo potentissimi, che fanno vibrare i vetri delle abitazioni, e che circolano indisturbate per ore ed ore, con musica neo-melodica napoletana tipo “Gomorra” o techno-house di carattere ctonio, e che hanno il solo fine di disturbare e di impedire il riposo di chi abita nella zona e di “marcare” il territorio.

Locali che abbassano le saracinesche alle cinque di mattina. Ragazzi, fra cui molti minorenni, che si muovono come automi in preda all’alcool, o che sotto la luce dei lampioni fumano varie sostanze senza il timore di essere visti e totalmente incuranti dei passanti.

Telefonate alla Polizia municipale con risposte disarmanti ed incongruenti del tipo “non abbiamo la possibilità ed i mezzi per intervenire” o “gli interventi non sono di nostra competenza”.

Questo desolante quadretto, godibile in pieno centro storico, dovrebbe essere la rappresentazione di quella che è stata definita dal sindaco De Luca e dall’assessore Musolino, in occasione della presentazione dell’ordinanza “bluff”: “movida sostenibile”. E il controllo del territorio e la sicurezza pubblica di cui tanto si parla nelle varie conferenze-stampa istituzionali?».

E’ l’amaro sfogo di Michele Bisignano, uno dei residenti del centro storico della città che insieme ad altri “sfortunati” vicini di casa nei mesi scorsi aveva anche creato un comitato per provare a ottenere dall’amministrazione De Luca un po’ di attenzione sulla movida selvaggia. Era stata fatta un’ordinanza per limitare la musica soprattutto nelle ore più tardi, erano stati garantiti più controlli da parte di Polizia Municipale e Polizia provinciale, sotto la super visione dell’assessorato retto dalla Musolino. Ma il desolante racconto di un consueto sabato sera fa capire che il caos continua a regnare sovrano.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. C’e’ chi tutto questo a Giostra lo subisce h 24 nell’indifferenza di tutti. In centro non siete migliori di noi il repulisti va fatto ovunque

    3
    1
  2. Attenzione a sottovalutare il fenomeno “movida” incontrollata!
    Io vivo in centro Italia, in una città il cui centro storico è,ormai, in mano ai vandali. L’effetto immediato è stato lo sfollamento. Gli abitanti stanno scappando verso le periferie, lasciando sempre più spazio alla delinquenza.

    3
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x