Arancinetti di riso con funghi e speck - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Arancinetti di riso con funghi e speck

Mimma Aliberti

Arancinetti di riso con funghi e speck

giovedì 18 Dicembre 2014 - 09:16
Arancinetti di riso con funghi e speck

Gli arancinetti ai funghi, o crocchette di riso per chi pensa che gli arancini siano altra cosa, sono uno sfizio perfetto per aprire una cena rustica o per un bel buffet nel periodo delle feste. Facili da preparare e buonissimi.

Gli arancinetti di riso ai funghi sono una fantasiosa variante degli arancini classici, una variante sia nella forma che nella sostanza.

Per i puristi l’arancino è altra cosa, quindi se volete potete chiamarle crocchette di riso, ma quale sia il nome scelto resta il fatto che sono buonissimi.

In realtà è molto più semplice prepararli che raccontarli. Non vi fate scoraggiare, la ricetta è a prova di principiante, il risultato spettacolare!

Ingredienti

300 g di riso per arancini e timballi

30 g di funghi porcini secchi

4 cucchiai di parmigiano o grana grattugiato

1 uovo e un tuorlo

3 albumi

pangrattato q.b.

100 g di provola o asiago o altro formaggio filante

100 g di speck tagliato a dadini

1 bustina di zafferano (facoltativo)

qualche foglietta di prezzemolo (facoltativo)

1 spicchio d’aglio

olio extravergine d’oliva q.b.

olio di semi di arachidi q.b. (o quello che preferite)

Preparazione

Cominciate mettendo i funghi secchi in ammollo in acqua tiepida per almeno 30 minuti, trascorso questo tempo scolateli, strizzateli e tritateli grossolanamente.

Lessate il riso in abbondante acqua bollente salata in cui avrete sciolto lo zafferano (se lo usate).

Scaldate un filo d’olio extravergine d’oliva in una padella, quindi mettete lo spicchio d’aglio e fatelo rosolare leggermente, non deve bruciare. Versate i funghi tritati e fate rosolare per circa 5 minuti, se vi piace unite a questo punto un poco di prezzemolo tritato.

Quando è cotto scolate il riso, conditelo con un filo d’olio e fatelo freddare in una ciotola.

Quando il riso sarà freddo aggiungete 2 uova, il parmigiano grattugiato, i funghi e aggiustate di sale e di pepe.

Con le mani inumidite prelevate una noce di composto, create un buco al centro e mettete qualche dadino di formaggio e qualche dadino di speck. Ricoprite con un altro poco di composto e formate le palline, stringendole leggermente in maniera da compattarle.

Battete gli albumi in una ciotola ed in un piatto preparate abbondante pangrattato.

Potete procedere con la panatura: passate gli arancinetti prima nell’albume e quindi nel pangrattato, ripetete l’operazione una seconda volta, stringendo bene tra le mani per evitare che gli arancini si aprano in cottura.

Scaldate abbondante olio di semi in una pentola non molto larga ma alta, l’olio deve essere alto in maniera che gli arancinetti rimangano immersi del tutto. Una volta che l’olio è arrivato a temperatura immergete con un mestolo forato pochi arancini per volta, non più di 3-4 se li avete fatti piccini.

Cuocete a fiamma media in maniera che risultino uniformemente dorati, occorreranno circa 4 minuti. Scolate gli arancinetti su carta paglia o carta da cucina in maniera che perdano l’unto in eccesso.

Per evitare che gli arancini si freddino prima che finiate di friggerli tutti, metteteli in una pirofila e conservateli nel forno tiepido e spento (portatelo a 100°C e spegnete), così non perderanno neanche la croccantezza.

Servite caldi o tiepidi.

Un suggerimento: se vi avanza del risotto ai funghi potete preparare lo stesso questi arancinetti, ovviamente non userete lo zafferano, né le uova e il parmigiano per impastare il riso, non dovrete soffriggere i funghi perchè ci sono già, ma solo farcire il riso con formaggio e speck e panare il tutto. Vi alletta questa scorciatoia? Allora la prossima volta fate avanzare un piatto di risotto! E non necessariamente ai funghi, anche agli spinaci o alla zucca o ancora alla parmigiana… Gli arancinetti sono un riciclo creativo!

Mimma Aliberti

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007