Falcone, le lampade cimiteriali dei furbetti non saranno più “perpetue” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Falcone, le lampade cimiteriali dei furbetti non saranno più “perpetue”

Giovanni Passalacqua

Falcone, le lampade cimiteriali dei furbetti non saranno più “perpetue”

mercoledì 08 Luglio 2015 - 07:04

Il sindaco Cirella ha avvisato che, per chi non ha ancora pagato il modesto canone annuale, si procederà al distacco dei lumini: “Vogliamo educare al rispetto del pubblico e della convivenza civile”

A prima vista sembrerebbe un gioco di parole. È il contenuto di un avviso del sindaco di Falcone, Santi Cirella, che comunica ai cittadini il distacco, per i morosi, delle lampade “perpetue” cimiteriali. Questo perché perpetue sono le lampade dei cittadini educati, che pagano regolarmente il modesto canone annuale di circa 13 euro; e poi ci sono “i soliti furbetti”.

“Si tratta di un problema di civiltà” – spiega Cirella – “non c’è mai stata una grande morosità; tuttavia, qualche furbetto cerca sempre di approfittare della situazione, ignorando le scadenze perché convinto che non pagherà alcuna conseguenza”. Il servizio è gestito direttamente dal comune: “Non dobbiamo affrontare grandi costi, ma siamo noi, con le nostre risorse e il nostro personale, a occuparci delle luminarie cimiteriali. Il canone, tra l’altro, è scaduto mesi fa. Noi gestiremo la faccenda con buonsenso, perché c’è anche chi davvero ha dimenticato di pagare. Poi, però, saremo intransigenti”.

Oltre il gioco di parole c’è dunque la volontà di sensibilizzare al concetto di bene o servizio pubblico: “È giusto regolarizzare la situazione: si tratta di educare alla convivenza civile, che è fatta anche di queste piccole, ma rappresentative sciocchezze. Un proverbio dice che ciò che è di tutti non è di nessuno. Questa cultura va scardinata, perché è ancora pervasiva nel tessuto della società. Il pubblico, sia esso un bene o un servizio, appartiene a tutti noi; e se qualcuno inizia ad approfittarne, il senso stesso della convivenza civile si smarrisce”.

Giovanni Passalacqua

Tag:

2 commenti

  1. dovrebbe essere il comune a pagare quei 4 soldi dei lumini……con tutte le tasse che incassa……………minacciano di staccarli?che facciano pure…..capirai,tanto chi e morto nn vede nulla che se ne fa dei lumini accesi?

    0
    0
  2. dovrebbe essere il comune a pagare quei 4 soldi dei lumini……con tutte le tasse che incassa……………minacciano di staccarli?che facciano pure…..capirai,tanto chi e morto nn vede nulla che se ne fa dei lumini accesi?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007