Il porto di Tremestieri è finalmente a pieno regime. Fine di un incubo durato più di tre anni - Tempostretto

Il porto di Tremestieri è finalmente a pieno regime. Fine di un incubo durato più di tre anni

Marco Ipsale

Il porto di Tremestieri è finalmente a pieno regime. Fine di un incubo durato più di tre anni

Tag:

lunedì 25 Agosto 2014 - 07:45

Dovrà essere utilizzato da tutti i tir in attraversamento sullo Stretto. Chi proverà ad imbarcarsi da un approdo diverso, verrà multato e rispedito indietro. Qualcosa da sistemare, invece, in fase di sbarco. Deroghe solo in casi davvero eccezionali. A otto anni dalla sua inaugurazione, e dopo oltre tre anni di utilizzo a mezzo servizio, un’infrastruttura più “forte” capace di smaltire il 100 % del traffico pesante. In attesa dell’avvio dei lavori di ampliamento, al termine dei quali anche la Cartour dovrà essere spostata

Si era detto quindici giorni e quindici giorni sono stati. Che venga rispettata una previsione sul porto di Tremestieri è cosa rara, ma stavolta, dulcis in fundo, la buona notizia è finalmente arrivata. Già lo scorso 11 agosto, la seconda invasatura era rientrata in funzione, ma solo nelle ore diurne. Dalla mezzanotte e un minuto di oggi, invece, la riapertura è totale, anche nelle ore notturne.

Sono trascorsi tre anni e tre mesi da quando furono affidati i lavori di ricostruzione della diga prima danneggiata e poi distrutta dalle mareggiate del 2010 e del 2011. Il porto aveva funzionato a pieno regime solo dal 3 aprile 2006, data della sua inaugurazione, fino al novembre 2008, quando si verificarono i primi danni. La riparazione non si rivelò sufficiente e fu necessario provvedere ad un intervento risolutivo che si pensava potesse durare pochi mesi ed invece è durato anni. Prima di questa fase, si riusciva a smaltire una percentuale di tir in attraversamento sullo Stretto che toccava punte del 95 %. In considerazione della diminuzione del traffico pesante negli ultimi anni, l’obiettivo raggiungibile è ora quello di “eliminare” dal centro città il 100 % dei tir. Cartour a parte, ovviamente. Visto che, per spostare anche le autostrade del mare, sarà necessario attendere l’ampliamento del porto, il cui progetto è ancora in attesa della Valutazione d’Impatto Ambientale, che potrebbe arrivare nel mese di settembre.

Per il momento, non resta che concentrarsi sull’esistente e sui controlli necessari per far sì che sia rispettato l’obbligo per tutti i tir in attraversamento sullo Stretto di imbarcarsi dal porto di Tremestieri. Alla Polizia Municipale il compito di multare e rispedire indietro i “furbetti” che dovessero continuare ad usare la rada San Francesco o il porto storico. Maggiore attenzione dovrà essere posta anche sul percorso inverso, quello di sbarco a Messina. L’ordinanza anti tir in vigore, infatti, prevede l’obbligo di utilizzare l’approdo di Tremestieri solo in fase di imbarco, mentre nulla prevede in fase di sbarco. Si aspettava, in tal senso, la riapertura integrale del porto per non creare disagi sulla sponda calabrese. Ora che quel momento è arrivato bisognerà ampliare le previsioni normative anche in questa direzione in modo tale da obbligare i tir ad imbarcarsi verso Tremestieri e da poter multare chi non lo farà.

Capitolo corse. A partire da oggi ne sono previste 45, tante quante ne servono al momento per garantire il passaggio di tutti i tir. Nei giorni di intenso traffico, l’infrastruttura potrà “sopportare” fino a 60 corse. Un altro passaggio da ufficializzare è l’affidamento della gestione delle deroghe ai vigili urbani. In caso di attese superiori ai 60 minuti, potrà essere consentito l’utilizzo degli approdi in centro città. Un’eventualità che, con entrambe le invasature funzionanti, si preannuncia assai remota.

(Marco Ipsale)

8 commenti

  1. non cantate vittoria. I tir passerranno ovunque lo stesso, come del resto avviene da quando esiste tremesteri. Memoria corta

    0
    0
  2. non cantate vittoria. I tir passerranno ovunque lo stesso, come del resto avviene da quando esiste tremesteri. Memoria corta

    0
    0
  3. ..speriamo di no… e che il napoleone sbagli

    0
    0
  4. ..speriamo di no… e che il napoleone sbagli

    0
    0
  5. Caro Sig. Sindaco, il gruppo Franza ha delle telecamere sui piazzali di Villa S.G., Rada San Francesco (sul sito CaronteTourist) e ovviamente su Tremestieri. Basta andare sul sito e controllare quanti mezzi, quante navi ecc. ecc

    0
    0
  6. Caro Sig. Sindaco, il gruppo Franza ha delle telecamere sui piazzali di Villa S.G., Rada San Francesco (sul sito CaronteTourist) e ovviamente su Tremestieri. Basta andare sul sito e controllare quanti mezzi, quante navi ecc. ecc

    0
    0
  7. Picchio, quando fecero tremestieri,vari anni fa, tutti cantavano vittoria sulla –liberazione — dai tir, che però continuavano a passare in città tranquillamente in tutte le direzioni da sud a nord e viceversa.Adesso vedremo se con la nuova apertura non passerà nemmeno un tir in città. Vista la situazione i risultati sono scontati e nulla cambierà

    0
    0
  8. Picchio, quando fecero tremestieri,vari anni fa, tutti cantavano vittoria sulla –liberazione — dai tir, che però continuavano a passare in città tranquillamente in tutte le direzioni da sud a nord e viceversa.Adesso vedremo se con la nuova apertura non passerà nemmeno un tir in città. Vista la situazione i risultati sono scontati e nulla cambierà

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007