Nuovo Piano di riequilibrio. De Luca illustra la relazione sul secondo anno

De Luca: “Messina vicina alla normalità”. La sfida: nuovo Piano di riequilibrio

Francesca Stornante

De Luca: “Messina vicina alla normalità”. La sfida: nuovo Piano di riequilibrio

lunedì 10 Agosto 2020 - 16:50
De Luca: “Messina vicina alla normalità”. La sfida: nuovo Piano di riequilibrio

Il sindaco De Luca dà 10 e lode al lavoro della sua amministrazione in questo secondo anno di attività. E' tutto nella relazione presentata oggi

Un anno fa dal comizio in piazza Unione Europea il sindaco di Messina Cateno De Luca riassumeva i primi 365 giorni di lavoro da sindaco in questa frase: «Non ho rinunciato alle mie ambizioni, ma prima devo riportare Messina alla normalità». Da allora altri 12 mesi sono trascorsi. E oggi, presentando la relazione sul secondo anno di mandato, De Luca snocciola i suoi risultati che lo portano ad affermare che quell’obiettivo ormai è alle porte.

«Adesso siamo alla vigilia della normalità, ma io mi sono messo in testa di andare oltre. Il 2021 sarà l’anno in cui nessuno avrà più alibi. Dopo il rimpasto in giunta ho una squadra che spero sia quella che mi affiancherà fino alla fine di questo mandato. E le partecipate adesso, grazie alle azioni economiche e finanziarie messe in campo, avranno tutti gli strumenti per rendere i servizi alla città. Non ci saranno più scusanti per nessuno. Avranno i soldi che mancavano e che servono, avranno gli strumenti. E’ vero che in questo momento ci sono delle cose che non funzionano bene, la città non è pulita come vorremmo, il verde pubblico e le scerbature non sono ordinarie. Adesso siamo nelle condizioni di mettere quella marcia in più che dovrà caratterizzare questa nuova fase di governo della città».

Il secondo anno

Nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, il sindaco De Luca ha presentato la sua relazione del secondo anno. Cinque tomi, 1772 pagine. Numeri, dati, azioni di un anno di lavoro. Ci sono le relazioni degli assessori, del segretario generale/direttore generale. E a proposito di direttore generale oggi è stato il giorno della nomina di Federico Basile che prende l’incarico che finora era stato nelle mani della segretaria generale Rossana Carrubba. Una scelta, ha spiegato il sindaco, necessaria per non lasciare un carico di lavoro immenso sulle spalle di una sola persona che in questi due anni ha lavorato senza sosta. «Certi ritmi non si possono sostenere soprattutto quando si apre una fase in cui l’attenzione dev’essere alta. Ci sono dirigenti che hanno lanciato polpette avvelenate. Questa scelta è una precauzione e un rafforzamento di due ruoli che adesso devono essere necessariamente distinti. Pensate che è stato indolore tagliare soldi ai dirigenti? Bisogna stare attenti alle conseguenze e capire la delicatezza di certe scelte».

Attacchi ai dirigenti

E infatti, come già era accaduto lo scorso anno e non solo, anche oggi De Luca non le ha mandate a dire a una parte di dirigenti comunali. Così come non le ha mandate a dire ai consiglieri di Palazzo Zanca. «Sono un cavaliere solitario errante in questo palazzo perché non avendo neanche un consigliere comunale ho dovuto definire una concertazione del mio programma che si è tradotta nel Salva Messina e nel Cambio di passo. Che voto do al nostro operato? 10 e lode. Perché bisogna considerare il contesto in cui ho operato.

De Luca punta l’attenzione su ciò che è stato fatto sul fronte del risanamento economico. «Questo era un Comune con 550 milioni di debiti. Oggi posso dire che finora è stato rispettato il 100% del Piano di riequilibrio. Abbiamo tagliato milioni di debiti con il mio modo di fare definito terroristico. Siamo arrivati a oltre 800 transazioni, grazie anche al consiglio comunale. Abbiamo sgonfiato il Piano di riequilibrio che oggi vale 142 milioni di euro. Ricordate che partivamo da 550 milioni».

Un nuovo Piano di riequilibrio

Numeri che per De Luca sono il trampolino di lancio per la prossima sfida: un nuovo piano di riequilibrio che presenterà a gennaio. «Non abbiamo più avuto problemi di cassa. Questa amministrazione comunale sta andando avanti accantonando 80 milioni l’anno per pagare i debiti del passato. Oggi pretendo le scuse di quella parte di consiglio comunale che ha fatto la battaglia per farmi dichiarare il dissesto. Se noi siamo quì che reggiamo con i bilanci a posto, con le partecipate che hanno risorse concrete per far funzionare i servizi, è perché abbiamo saputo far quadrare i conti. Basta leggere le prime 500 pagine della relazione per avere il quadro di quello che è stato il nostro lavoro».


Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Manco a dirlo: il più migliore dell’universo. Diceva il saggio: chi si loda si imbroda.

    4
    1
  2. Ma come fa a parlare di risultati ottenuti, ritorno alla normalità, gestione sana delle partecipate???? L’Amam che percepisce dal comune somme in continuazione, ATM allo sbando economicomico e del servizio (per arrivare ai tre tram attualmente in servizio bisogna ritornare a giugno 2013), Messinaservizi che fa aumentare la Tari, che ha fallito da oltre un anno l’obiettivo della differenziata e che ha ridotto la città ad un ” cesso” (per utilizzare lo stesso gergo sempre fine usato da questo sindaco quando gli conviene per sparlare di cose a suo dire che lo precedono, partecipate inutili ed a nostre spese come quella del recupero culturale dei Peloritani, usate per creare soldi (xxxxxxx a noi contribuenti) e distribuirli ai suoi fedeli e per crearsi altri consensi elettorali e politici. La città e allo sbando etico e economico per colpa della sua gestione scellerata ed ancora parla!!!!

    0
    0
  3. Cioè: spazzatura ovunque, erbacce dappertutto, senza acqua, senza controlli nelle strade e, dulcis in fundo, SENZA LAVORO. Bella normalità.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007