“De Luca smetta di calpestare dignità e privacy delle persone, soprattutto minori” - Tempostretto

“De Luca smetta di calpestare dignità e privacy delle persone, soprattutto minori”

Redazione

“De Luca smetta di calpestare dignità e privacy delle persone, soprattutto minori”

mercoledì 28 Agosto 2019 - 07:30

Gli esponenti di Articolo 1 Maria Flavia Timbro e Domenico Siracusano invitano il sindaco a fare il proprio lavoro con rigore, ma solo con gli strumenti che lo Stato Democratico gli mette a disposizione

MESSINA – “Le parole del Garante per l’infanzia e l’adolescenza del Comune di Messina, il dott. Angelo Fabio Costantino- opportunamente interpellato nei giorni scorsi da quattro associazioni locali- interrompono, finalmente, il crescente clima di gogna mediatica che il Sindaco, Cateno De Luca, da mesi, alimenta quotidianamente”. A dirlo sono in una nota Maria Flavia Timbro, responsabile nazionale Legalità e Lotta alle mafie di ArticoloUno, e Domenico Siracusano, segretario Provinciale di Messina di Articolo Uno.

“Minori, ambulanti, lavavetri, dipendenti comunali, vigili urbani, giornalisti, in questi mesi i video, le invettive, i processi a favore di telecamera di De Luca non hanno risparmiato nessuno. Dietro l’agitata bandiera della legalità, del rispetto delle regole, della tutela dell’ordine pubblico, il Sindaco – continuano i due esponenti politici – cela ( sempre a favore di camera) una visione palesemente giustizialista del suo ruolo, quella dell’ unum castigabis, centum emendabis ( punirne uno per educarne cento)”.

“È così che nomi, volti, vite e vicende personali vengono violate in nome di un po’ di consenso elettorale in più; è cosi che il Sindaco-censore si sostituisce alle Autorità Competenti e in barba ad ogni garanzia, ad ogni diritto, al principio di separazione dei poteri, si permette di emettere sentenze ed infliggere punizioni a mezzo social”.

“Prenda provvedimenti contro i fannulloni se ve ne sono, contro coloro che non rispettano la legge, contro chi attenta al decoro o all’ordine pubblico, ma lo si faccia in silenzio, senza calpestare mai la dignità, la libertà personale e la privacy delle persone, a maggior ragione se quelle persone sono minori” affermano ancora Timbro e Siracusano.

“Sono tante e tali le emergenze di questa città, le disuguaglianze sociali che la lacerano, le sue periferie dimenticate, i minori a rischio devianza che stupisce che il Sindaco abbia tutto questo tempo per “educare” i cittadini a mezzo social”.

“Se davvero- come dice- il Sindaco lo sa fare, faccia il suo lavoro con rigore, ma solo con gli strumenti che lo Stato Democratico gli mette a disposizione, sapendo che tra di essi non vi sono né selfie né video in diretta su Facebook”.

Tag:

4 commenti

  1. APPENA SI TENTA DI SANARE IL BORDELLO CHE REGOLA QUESTA CITTA’ ARRIVANO I PALADINI DELLA PRIVACY E CON LE LORO XXXXXXX CERCANO DI TARPARE LE ALI.
    ANDATE A FARVI XXXXXXX VERGOGNATEVI NON SIETE DEGNI DI APRIRE BOCCA E TANTOMENO DI NOMINARE MINORI.
    SIETE VOI I PRIMI XXXXXXXXX

    7
    6
  2. Concordo con Santino , mi vergogno di avere un consiglio comunale che invece di dibattere su questioni serie , attacca De Luca per queste inezie . De luca non ha ricevuto nessun attacco sostanziale , leggo solo attacchi strumentali e capziosi .

    2
    4
  3. questi personaggi sono di Articolo 1 che fanno capo con la coalizione PD-M5S-SI e con Roberto Speranza che schifo non escono mai quando devono esserci e quando non li vuole nessuno escono così

    2
    0
  4. Vattene da questa città. Tornatene a Fiumidinisi.

    1
    3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007