Sicurezza scuole, Lagalla conferma apertura il 12 settembre - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sicurezza scuole, Lagalla conferma apertura il 12 settembre

Alessandra Serio

Sicurezza scuole, Lagalla conferma apertura il 12 settembre

lunedì 20 Agosto 2018 - 09:32
Sicurezza scuole, Lagalla conferma apertura il 12 settembre

Le lezioni ripartiranno regolarmente il 12 settembre, gli interventi di manutenzione non potranno essere avviati prima di ottobre. La Regione salva il calendario e fa sapere che i fondi ci sono. Ma il caso Messina tiene banco e Figuccia sollecita anche il governo nazionale.

Approda a Palermo il caso Messina, dove soltanto due scuole su 108 hanno il certificato di agibilità in regola e dove il sindaco Cateno De Luca ha annunciato lo stop alle riaperture (leggi qui)

Il deputato regionale Vincenzo Figuccia ha chiesto alla Giunta Musumeci un provvedimento drastico: rinviare l'avvio delle lezioni in tutta la Regione. Se Messina fa i conti con la vulnerabilità anti sismica, infatti, le scuole del resto dell'isola non sono in condizioni migliori.

Ma l'assessore all'istruzione Roberto Lagalla ha fatto sapere che le lezioni riprenderanno regolarmente il 12 settembre. Toccherà ai singoli istituti, quindi, fare i conti con l'inagibilità delle strutture, intervenendo autonomamente per garantire le lezioni anche in assenza di locali disponibili. Magari facendo ricorso, come ormai avviene sempre più di frequente, ai doppi turni e al "prestito" di locali in altri istituti.

Figuccia ha scritto al ministro Marco Busetti chiedendo di riconvocare a breve l'Osservatorio sull'edizilia scolastica ed ha presentato una interrogazione all'assessore chiedendo un monitoraggio di tutti i plessi isolani "perché verifichi che tutti i comuni siciliani abbiano effettuato le verifiche di vulnerabilità sismica, approfittando di questi giorni di chiusura delle scuole, per conoscerne le reali condizioni di sicurezza, chiedere la realizzazione degli interventi richiesti ove siano già noti gli esiti di tali verifiche, e progettare eventuali interventi da effettuare grazie ai fondi della nuova programmazione triennale 2018-2020".

Lagalla ha risposto proprio facendo riferimento a tali fondi: "Nei sette mesi trascorsi dal suo insediamento, il governo Musumeci ha provveduto a finanziare gli enti locali per l’espletamento delle veriche antisismiche e ha promosso un bando per la realizzazione di interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza degli edifici scolastici che, già ad ottobre, vedrà definita la graduatoria delle opere immediatamente finanziabili, a valere sul piano triennale 2018-2020. È ovvio che le lezioni scolastiche dovranno essere avviate in una condizione di massima tutela della sicurezza degli studenti e, in questo ambito, è preponderante il ruolo degli enti territoriali, con i quali l’Amministrazione regionale continuerà a confrontarsi".

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Questo parla ma non sa quello che dice .Annamo bene come assessore ,non sa che per la sicurezza delle scuole le spese sono a carico dello Stato .La manutenzione a carico delle regione.Sono i dirigenti i responsabili penalmente e civilmente e se dovessero decidere di non aprire per una perizia negativa, nessuno può obbligarli ad aprire le scuole ,tranne che si mettessero in sicurezza.

    0
    0
  2. Ma siamo proprio sicuri che solo le scuole sono prive di certificazioni? Gli edifici pubblici di questa città (molte volte strategici), hanno la documentazione relativa alle verifiche di vulnerabilità sismica consona? Se privi dobbiamo chiudere anche quelli?

    0
    0
  3. Se le strutture non sono in regola, non si aprono al pubblico…in questo caso ai bambini e ragazzi…oltre che al personale che ci lavora. Il problema è atavico, cosi’ come la “sufficienza” col quale si finge di affrontarlo. Poi ci si dispera se succedono tragedie…Vergogna!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007