Mafia, via alla Commissione prefettizia d'accesso agli atti a Mazzarra' Sant'Andrea - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Mafia, via alla Commissione prefettizia d’accesso agli atti a Mazzarra’ Sant’Andrea

Alessandra Serio

Mafia, via alla Commissione prefettizia d’accesso agli atti a Mazzarra’ Sant’Andrea

venerdì 19 Dicembre 2014 - 13:46
Mafia, via alla Commissione prefettizia d’accesso agli atti a Mazzarra’ Sant’Andrea

Al termine del lavoro di analisi, la Commissione dovrà relazionare alla Prefettura spiegando se ha trovato o meno atti, deliberativi o di indirizzo, che potrebbero essere stati condizionati dalla mafia locale, il potente clan dei mazzarroti, braccio armato dei barcellonesi. La Commissione si esprimerà anche sui requisiti dei soggetti che lavorano in amministrazione e i componenti degli organi politici

Dopo il terremoto che ha portato al sequestro della discarica, scattano i provvedimenti anche per il comune di Mazzarrà Sant’Andrea. Si insedierà prima di Natale la Commissione d’accesso agli atti al Municipio, autorizzata dal Prefetto Stefano Trotta. Il rappresentante del Governo, autorizzato ieri dal Ministero dell’Interno, ha nominato i componenti della Commissione d’indagine che avranno il compito di passare in rassegna gli atti amministrativi del comune tirrenico per verificare eventuali infiltrazioni mafiose. Ne fanno parte il dirigente prefettizio Carmelo Musolino, il Commissario di Barcellona Mario Ceraolo, il comandante del Reparto Operativo provinciale dei Carabinieri, Nicola Lerario, e il Tenente Colonnello Jonathan Pace, comandante del GICO delle Fiamme Gialle.

Al termine del lavoro di analisi, la Commissione dovrà relazionare alla Prefettura spiegando se ha trovato o meno atti, deliberativi o di indirizzo, che potrebbero essere stati condizionati dalla mafia locale, il potente clan dei mazzarroti, braccio armato dei barcellonesi. La Commissione si esprimerà anche sui requisiti dei soggetti che lavorano in amministrazione e i componenti degli organi politici.

Al centro della vicenda c’è ovviamente il problema rifiuti, il rapporto con la società TirrenoAmbiente, dopo che la procura di Barcellona ha messo i sigilli al sito, e dopo innumerevoli inchieste, alcune arrivate a sentenza definitiva, che hanno sancito la capillare infiltrazione dei mazzarroti nella gestione della vita amministrativa e politica, almeno in passato, nella piccola comunità locale prima famosa per i vivai, oggi sede della più grande discarica di rifiuti siciliana. Che l’affare rifiuti abbia arricchito i clan locali è ormai storia cristallizzata nelle pagine dei processi degli ultimi decenni. All’ombra del business rifiuti si sono anche consumati efferati omicidi.

A dimostrazione che il clima è ancora rovente, più recentemente si sono consumati gli ennesimi attentati intimidatori ai danni degli amministratori locali. All’inizio del dicembre scorso, a distanza di 48 ore uno dall’altra, hanno trovato una bottiglia incendiaria sotto l’auto, alla quale erano state tagliate le ruote, il vicesindaco di Mazzarrà Giuseppe Caliri ed il primo cittadino del Longano, Maria Teresa Collica. Immediatamente il Prefetto ha convocato quest’ultima e il sindaco mazzarroto, Salvatore Bucolo, ed ha promesso risposte tempestive.

Tag:

2 commenti

  1. Volete vedere che magari sciolgono l’amministrazione di mazzarra’ e non quella di roma. Sapete perché’? Ovvio, perché’ la mafia è’ solo da noi. Per credere e capire basta ascoltare la dissertazione socio/filosofica resa dal Prefetto di Roma sulla vicenda mafia (guarda caso) capitale.

    0
    0
  2. Volete vedere che magari sciolgono l’amministrazione di mazzarra’ e non quella di roma. Sapete perché’? Ovvio, perché’ la mafia è’ solo da noi. Per credere e capire basta ascoltare la dissertazione socio/filosofica resa dal Prefetto di Roma sulla vicenda mafia (guarda caso) capitale.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x