Donna Sarina whatsappa il suo sorriso al Comune: "Multatemi" - Tempo Stretto

Donna Sarina whatsappa il suo sorriso al Comune: “Multatemi”

Rosaria Brancato

Donna Sarina whatsappa il suo sorriso al Comune: “Multatemi”

domenica 13 Ottobre 2019 - 09:30
Donna Sarina whatsappa il suo sorriso al Comune: “Multatemi”

Caro diario ora che Messina è terra di whatspaparazzi l'arma vincente è sorridere. Perchè il sorriso in questi tempi bui di odio è anti-conformista

Caro diario, anche quest’anno il rientro dalle ferie è stato traumatico.

Messina sta piombando in un’atmosfera tribale, ci manca solo che ci sfidiamo a colpi di machete sotto casa accusandoci l’un l’altro delle peggiori nefandezze.

dal buco della serratura…..

Già di nostro, un po’ per Dna difettoso, un po’ per natura biliosa, siamo invidiosi del vicino, sbirciamo dietro il buco della serratura, godiamo dei guai degli altri.

Ma adesso ci si è messo pure il sindaco Cateno De Luca con le segnalazioni whatsapp al Comune, alimentando i peggiori istinti.

Al mio via scatenate l’inferno

Quando ha detto “da lunedì 7 è in funzione il numero whatsapp per le segnalazioni” è sembrato Russel Crowe nel Gladiatore: “Al mio via aprite i coperchi della spazzatura e fate uscire il peggio di voi”.

Ho visto cose…

Parenti-serpenti animati da rancori familiari appostati sotto casa della zia per fotografarla mentre getta i resti della frittura di pesce fuori orario. Gente che ha fatto un mutuo per pagare un drone e spiare il collega d’ufficio mentre sgaiattola al bar per un caffè.

I doppiofilisti….

Bambini dimenticati in aula 3 giorni perché il papà è appostato in via La Farina a scattare foto agli altri genitori con l’auto in DOPPIA E TRIPLA FILA PER CENTINAIA DI METRI all’uscita dalla scuola. Vicini di casa in pigiama nascosti in portineria per immortalare l’odiato inquilino del quarto piano che getta i rifiuti il sabato sera, per punirlo perché ha votato no alla proposta di parcheggiare tutti nel cortile.

e quelli del catetere….

Ho visto due tizi che al bar hanno stretto un accordo: io non ti segnalo perché metti l’auto nello stallo disabili con un pass falso, in cambio tu non denunci la mia mansarda abusiva. Ho visto impiegati costretti a portarsi il catetere in ufficio per non allontanarsi neanche per fare la pipì.

Il whatspaparazzo

Alla mia amica Donna Cettina l’altra sera è venuto un infarto. Aveva gettato la spazzatura e stava rientrando quando un lampo improvviso l’ha quasi accecata. “Un whatspaparazzo!”, ha gridato stramazzando al suolo.  Consapevole di avere pagato Tari, Amam, Ici, Imu, bollo auto, parrucchiere, gas, luce, canone Rai, non riusciva a capire perché mai l’avessero whatspaparazzata.

“dagli alla zozzona…”

Già si vedeva bersagliata sui social “zozzona, buuuu, togliamole la cittadinanza, diamo i suoi figli in affido, buuuu”. Mentre sveniva ha fatto appena in tempo ad accorgersi che non era il flash di una foto, ma i consueti fuochi d’artificio che a Cristo Re ed in zona circonvallazione, sono diventati la norma ad ogni week end.

Compleanno, meseversario, ritorno in tv di C’è posta per te, ogni motivo è buono per sparare i fuochi d’artificio, lasciare i resti dei festini, bottiglie comprese, ovunque,  alla faccia dell’educazione e delle regole.

Panico da blitz

Da quel giorno non esce più da sola e mi tocca accompagnarla, anche perché lei, come l’80% dei messinesi ormai è affetta da panico da blitz. Guarda con sospetto persino gli alberi di Villa Dante temendo sia De Luca in uno dei suoi travestimenti.

Pure io, quando esco di casa per fare la spesa col carrellino stile anziana anni ’60 ho il timore che si travesta da semaforo e mi multi per ambulantato selvaggio. Più che la multa temo di dover sorbirmi la diretta facebook della manfrina mentre mi si scongelano gli spinaci surgelati nel carrellino.

Il trucco anti-De Luca

Ma conosco il trucco per capire se è un albero, un palo della luce, un cestino, oppure il sindaco. Basta avvicinarsi all’albero dicendo: “ora vado a fare un blitz”. Se l’albero si agita e inizia a gridare “I blitz a Messina li faccio solo io” allora è De Luca.

Fatto sta che è scoppiata la whatspaparazzomania e l’editore di Tempostretto sta valutando se denunciare il sindaco per concorrenza sleale.

il whatsapp-bullismo

Anche io sono stata vittima di whatsapp-bullismo: la foto di me che gusto il cannolo gelato del Bar Astoria al Messina Street Food è stata affissa nello studio del mio dietologo come cattivo esempio. Ho dovuto pagare una multa-sovrattassa per la tisana drenante: “Punirne una per educarne 100” ha sentenziato il mio dietologo su facebook.

Confesso che anche a me viene voglia di fare le fotogallery della rotonda del viale Europa, simbolo dell’infinita inciviltà dei messinesi. Vorrei premere un pulsante e spedire i Suv, le auto e le moto posteggiate LUNGO LA ROTONDA e davanti all’ufficio postale, direttamente a Milano (dove non si azzarderebbero neanche a passare con il giallo al semaforo).

Caro diario, posso anche vivere in una città di spioni-biliosi-delatori, ma quel che non sopporto sono quelli che pur di attaccare De Luca si schierano con morosi, furbetti ed incivili.

Moralisti a sindaci alterni

Sono i moralisti a targhe alterne, anzi, a sindaci alterni.

Bravi a puntare il dito contro gli incivili della doppia fila, chi non fa la differenziata, l’ambulante abusivo, chi si allaccia ad amam e pali della luce a sbafo, etc etc, ma se a fare azioni anti-inciviltà è quell’antipatico di De Luca, tutto cambia.

Dal set “L’esorcista”

Sia chiaro, il sindaco a volte sembra la bambina del film L’esorcista. Un minuto prima sta studiando bilanci e atti amministrativi ed un attimo dopo su facebook si trasforma in un leone da tastiera assetato di like.

Certo che m’arrabbio

Ma io, caro diario, pago acqua e tari, faccio la differenziata a Gravitelli, uso My cicero anche per 10 minuti, quindi mi arrabbio quando scopro che pago di più perché la metà dei miei concittadini non paga e per questo il servizio è di minore qualità.

Mai con i furbetti

Mai e poi mai mi schiererò con i furbetti, i nullafacenti, con chi non paga i servizi, con i doppiofilisti, con i ladri, con gli assenteisti. Mai. Anche se Cateno De Luca mi sta antipatico. Perché i disonesti mi stanno molto più antipatici ci di lui.

Ci sono i

Fandidelucaaprescindere- Anche quando si trasforma nell’esorcista lo adorano

Quellicontrodelucaaprescindere– per loro De Luca è Lucifero

iosonoperleregolema- quelli per i quali le regole si applicano solo agli altri. Sono per le regole solo se le regole le fa applicare un altro sindaco che non sia De Luca.

In questa terza categoria rientrano anche quelli che s’indignano per una serie di comportamenti immorali o illegali però poi, da novelli oxfordiani con la puzza sotto il naso, contestano i modi e le frasi usati da De Luca, sorvolando sul fatto che non pagherebbero i contributi alla loro colf o badante neanche se la Finanza li beccasse in flagranza di reato.

Il sorriso è anti-conformista

Se volete whatsapparmi col mollettone nei capelli, quando esco sciatta di casa o col carrellino fate pure. Al numero del whatsapp del Comune ho mandato il mio sorriso: perché nella città del rancore, dell’invidia sociale, un sorriso è un reato. E’ anticonformista. E’ la massima infrazione.

Cari leoni da tastiera, il mio sorriso vi seppellirà.

Rosaria Brancato

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Pasquale Messina 13 Ottobre 2019 16:53

    Sei come sempre civilmente e onestamente obiettiva.
    Non si può non condividere quello che sostieni.
    Grazie.

    3
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007