Approdi Tremestieri, torna operativo lo scivolo1. La città "saluta" i tir...almeno per ora - Tempostretto

Approdi Tremestieri, torna operativo lo scivolo1. La città “saluta” i tir…almeno per ora

Approdi Tremestieri, torna operativo lo scivolo1. La città “saluta” i tir…almeno per ora

lunedì 02 Aprile 2012 - 10:38

Dopo oltre un mese di chiusura totale, lo scalo torna parzialmente funzionante. Procedono intantoi lavori di consolidamento della diga

Tornano parzialmente operativi gli approdi Tremestieri grazie alla riapertura dello scivolo 1, chiuso a seguito della mareggiate di febbraio che hanno causato i “soliti” insabbiamenti. Nella tarda mattinata l’ordinanza della Capitaneria ha “decretato” nuovamente fruibile al traffico marittimo lo scalo portuale, consentendo così alla città di tornare libera dal costante e continuo flusso di tir che da oltre un mese ne attraversano la principali arterie. Numerosi gli ingorghi e i momenti di caos registratisi nelle ultime settimane proprio a causa della presenza dei camion, costretti a raggiungere la sponda calabra o con i mezzi Bluvia o con le navi Caronte&Tourist. A seconda dei casi, le strade maggiormente congestionate sono state la via La Farina, la Cortina del Porto e il viale Boccetta. E proprio lungo il Boccetta, due giorni fa, si è rischiata una nuova tragedia: un tir, infatti, a causa di un problema all’impianto frenante ha travolto due auto, una in sosta, e quella che lo precedeva la in strada: a bordo della vettura quattro giovani che fortunatamente non hanno avuto gravi conseguenze. Procedono intanto i lavori di consolidamento della diga, da parte della ditta veneziana Fratelli Scuttari, a cui però l’Autorità Portuale ha chiesto di produrre una relazione per far luce sui ritardi accumulati rispetto al programma dei lavori. Le maggiori lentezze si stanno infatti registrando nelle operazioni di palificazione.

Tag:

3 commenti

  1. Un avvenimento dal duplice effetto. Da una parte la gioia dei cittadini che vedono, momentaneamente, in attesa della, ricorrente, prossima sciroccata, liberata la loro città dalla totale invasione, devastante, dei tir e dall’altra degli addetti ai lavori di drenaggio che. ultimata la loro, anche se parziale, prima “fase” lavorativa di ripristino della agibilità, sebbene limitata ad una sola invasatura dell’approdo, si affidano, con devota certezza, alla clemenza degli i eventi naturali, caratteristici nel nostro territorio, per riprendere il lavoro causato dagli insabbiamenti provocati dallo “scirocco”. e. conseguentemente, come accaduto nel passato. rivedere ripiombare la nostra città nel caos della mobilità cittadina. Di tutto questo ne siamo convinti tutti, ma non coloro, pare che non ce ne siamo, . che dovrebbero, invece, vigilare sul “legittimo” impiego delle risorse pubbliche per finalità istituzionali, E tutto questo con buona pace e tranquillità di chi dovrebbe vigilare sulla legittimità di tutto ciò che accade nella nostra città, ormai sull’orlo del baratro, oltre che contabile, ma sopratutto morale. E se a tutto questo aggiungiamo che i cittadini o, almeno, una parte di questi non si sono, ancora resi conto se il “Presidente della autorità portuale” deve essere persona competente oppure, esclusivamente, asservita ai partiti che me ne propongono la nomina, il quadro è completo. Messina è una città che “non esiste” in quanto governata dal “nulla” o, almeno, da coloro i quali ritengono di poterne trarre benefici diritti, sia sotto il profilo politico che personale che, comunque, non hanno a che fare con il benessere della collettività messinese.

    0
    0
  2. x saja. Perfettamente d’accordo.Aggiungo che il buddace si vende
    per la promessa di un “tozzo” di pane,mai mantenuta dagli abbufini

    0
    0
  3. x saja. Perfettamente d’accordo.Aggiungo che il buddace si vende
    per la promessa di un “tozzo” di pane,mai mantenuta dagli abbuffini

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007