Ecco perché il Pride di Messina è stato bellissimo. LE FOTO - Tempo Stretto

Ecco perché il Pride di Messina è stato bellissimo. LE FOTO

Marco Ipsale

Ecco perché il Pride di Messina è stato bellissimo. LE FOTO

domenica 09 Giugno 2019 - 10:04
Ecco perché il Pride di Messina è stato bellissimo. LE FOTO

La libertà di amare è libertà di vivere

MESSINA – Una festa. Un pomeriggio di gioia, unione e libertà. Una risposta a chi vomita odio, soprattutto sui social network. Una risposta di amore, perché l’amore, “che move il sole e l’altre stelle”, è il senso della vita.

Omosessuali, eterosessuali, drag queen, famiglie, bambini e anziani. Ieri l’hanno detto a gran voce, hanno rivendicato l’orgoglio, il “pride”, di poter amare in libertà. E l’orgoglio di rivendicare diritti non sempre garantiti.

Canti, balli, i visi erano felici. E come si può essere contrari alla felicità delle persone? Ciò che dovrebbe far scandalo, e lo fa ancora troppo poco, sono immagini di guerra, di morte, di sofferenza. Non certo immagini di amore. E non vale neppure la teoria di chi chiede che non si dia spettacolo, che si tengano i propri sentimenti per sé e non si “esibiscano” in strada.

L’amore non è un sentimento da nascondere, è anzi qualcosa da insegnare. E se proprio non piace vedere due persone dello stesso sesso che si amano, e non se ne capisce il motivo, basta girarsi dall’altra parte. A vergognarsi non deve essere chi ama.

E’ retaggio di una cultura antica, che ora, almeno in parte del mondo più evoluto, sembra superata. Ieri Messina ha dimostrato di far parte di questo mondo. Ieri potevamo dire orgogliosi che la nostra città garantiva a tutti, anche alle minoranze, diritti che in altre parti del mondo sono negati.

La strada è ancora lunga, c’è tanto da fare, ma rispetto al passato è stato fatto qualche passo in avanti. Qualche decennio fa tutto ciò era impensabile, oggi è realtà. Ieri, guardando le facce gioiose in corteo, era inevitabile non pensare alle sofferenze di chi, dalla notte dei tempi e fino a pochi anni fa, ha dovuto nascondersi, tanta sofferenza inutile, frutto di una società retrograda, che non accettava il diverso.

E in alcuni Paesi oggi è ancora così. In alcuni Paesi l’omosessualità è considerata un crimine. In sei di questi, tre africani e tre asiatici mediorientali (Nigeria, Sudan, Somalia, Iran, Arabia Saudita e Yemen), merita di essere punita con la pena di morte. Così come aveva deciso di recente il sultano del Brunei, prima di tornare sui propri passi dopo la protesta globale, anche di alcuni personaggi famosi, e dopo i paventati boicottaggi.

Ecco perché è importante scendere in piazza pacificamente per difendere i diritti negati, qualunque essi siano. E non importa se, a volte, si va fuori dagli schemi. Rientra in quel contesto, nella capacità di accettare gli altri in qualunque maniera, quando non si fa del male a nessuno.

E’ importante scendere in piazza anche se non si è omosessuali, anche se non si fa parte di una minoranza. E’ importante per ribadire la necessità di essere liberi, anzitutto di amare. Ecco perché ieri c’erano famiglie di ogni tipo, ecco perché c’erano bambini, giovani e anziani. Ecco perché ieri Messina ha dato uno splendido segnale di vita.

(Marco Ipsale)

LA PHOTOGALLERY DI AHMED ABDELLAH

Tag:

6 commenti

  1. Nicoletta Mesiti 9 Giugno 2019 13:08

    Nient’altro da aggiungere…….
    Solo MESSINA COMPLIMENTI ❤🌈🌈🌈

    7
    2
  2. Scusate, ma non riesco questo clima di tensione che si crea attorno a certi movimenti. Va rispettato chi è favore dei gay pride ma vanno rispettati tutti coloro che la pensano diversamente, chi pensa che la normalità sia altro. Scommetto che gli anormali adesso sono quelli che pensano che una coppia sia formata da un uomo ed una donna.

    13
    8
    1. pienamente d’accordo con Francesco; la sessualità non si ostenta come uno show, si mantiene nella propria vita personale, senza sdoganare il transex che è opera della chimica farmaceutica e del bisturi, non della natura.

      0
      0
  3. Ieri ho trovato un paio di occhiali da vista , sulle scale di Palazzo Zanca come posso rintracciare il proprietario?

    0
    0
    1. al comune ci dovrebbe essere l’ufficio “oggetti smarriti”

      0
      0
  4. L’orgoglio e il diritto di amare è una cosa, l’ostentare certi atteggiamenti un’altra. Bisogna avere rispetto per tutti. Io non infilo la lingua in bocca alla mia ragazza davanti alle persone come se nulla fosse. E se fossi gay sarebbe la stessa cosa. La strada è lunga e la società deve educare tutti a vederla come una cosa normale. Anzi, quando nessuno si girerà più a guardare una coppia gay che si tiene per mano, vorrà dire che non ci sarà più discriminazione

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007