Il gruppo Fanucci diventa il secondo editore a Roma‏ - Tempostretto

Il gruppo Fanucci diventa il secondo editore a Roma‏

francesco musolino

Il gruppo Fanucci diventa il secondo editore a Roma‏

mercoledì 07 Settembre 2011 - 09:42
Il gruppo Fanucci diventa il secondo editore a Roma‏

Con i dati di mercato Nielsen che fotografano il sell out al 7 agosto, i due marchi del gruppo Fanucci, Fanucci editore e Leggereditore, registrano un incremento dall’inizio del 2011 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente del +19,9% Fanucci editore e del +201% Leggereditore come numero di copie e in cifra del +7% Fanucci editore e del +171% Leggereditore.

"E’ un risultato importante – dice Sergio Fanucci, editore del gruppo – soprattutto perché avviene in un momento di crisi. Superare editori come Fazi o E/O che hanno successi da milioni di copie con la Meyer o la Barbery, dimostra che un lavoro di progetto coerente e di qualità premia più del best seller e consolida il mio gruppo come secondo editore a Roma, dietro Newton e Compton. C’è da aggiungere che il numero assoluto delle copie vendute dai due marchi è il doppio delle copie vendute da editori di Milano come Neri Pozza. Questo vuol dire che la nostra realtà è protagonista anche a livello nazionale.”

La quota di mercato del gruppo è del 0,6%, cresciuta di uno 0,2% dall’inizio del 2011. L’obiettivo dei prossimi tre anni sarà quello di raggiungere l’1%.

FANUCCI EDITORE

Fondata a Roma da Renato Fanucci nel 1971 e attualmente guidata da Sergio Fanucci dal 1990, la casa editrice ha esordito nel campo della letteratura fantastica diventando ben presto un punto di riferimento per la narrativa di genere, fantascienza, horror e fantasy. Nel corso degli anni ha pubblicato autori classici come H.P. Lovecraft, Isaac Asimov, Paul Anderson e Jack Vance, e nuovi maestri, tra cui Neil Gaiman, Andreas Eschbach, K.W. Jeter, Octavia Butler, Iain M. Banks e Doris Lessing, vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura nel 2007. Al centro di questo panorama letterario si è posto indubbiamente Philip K. Dick, il cui successo è dimostrato anche dalle numerose trasposizioni cinematografiche ispirate ai suoi romanzi, da Blade Runner a Minority Report e Paycheck Next, I guardiani del destino. L’opera di Philip K. Dick appartiene in esclusiva alla casa editrice e all’autore è stata dedicata nel 2000 la Collezione Philip K. Dick, rinnovata da una nuova veste grafica nel 2007 per commemorare i 25 anni dalla morte dell’autore.

Il progetto editoriale Fanucci ha sempre cercato di eliminare pregiudizi e confini, dimostrando con alcune collane come il genere avesse ormai contaminato il mainstream creando veri e propri “ibridi letterari”, come Sergio Fanucci ama chiamarli. In questi anni il cinema e la stessa letteratura hanno saccheggiato, manipolato e sfruttato le grandi idee prodotte da una narrativa a volte mediocre ma sempre geniale e fulminante, vero e proprio laboratorio di scrittura e ricerca. Nello stesso periodo la casa editrice ha portato avanti un progetto fatto di nuove proposte e di riscoperta o rilancio di autori classici, con l’obiettivo di soddisfare i lettori più attenti e di conquistarne di nuovi. Nel corso degli anni Fanucci Editore ha sviluppato e ampliato l'iniziale orientamento fino ad arrivare a un concetto di ‘letteratura dell'immaginario’, che muove dalla tradizione del fantastico e dei generi per giungere a un'idea di romanzo come fabbrica e laboratorio permanente di storie e di idee, in cui si sperimentano visioni, si prefigura il possibile, si scandaglia il passato, si legge il presente. Per anni la letteratura di genere è stata confinata in collane ben distinte dalla letteratura mainstream e considerata, spesso a torto, come letteratura di serie B.

Per citare David Cronenberg, ”la letteratura non è divisibile in generi o mainstream, esistono solo romanzi belli o brutti e io la vivo come un grande oceano dove non resta che tuffarmici dentro.”

LEGGEREDITORE

“Donne che scrivono e donne che leggono. Quando è donna c’è più gusto.” Leggereditore nasce nel gennaio 2010 con progetto editoriale chiaro e semplice: fiction e non fiction per un pubblico femminile dai 20 ai 70 anni. Un esperimento innovativo per il panorama italiano, nato dalla consapevolezza che lo zoccolo duro dei lettori è composto in gran parte da donne, e che purtroppo nel nostro paese molte lettrici sono condannate a fare acquisti soprattutto in edicola, costrette ad accontentarsi spesso di una fattura di qualità scadente, di traduzioni censurate e a vergognarsi di leggere determinati tipi di libri, sia per le copertine esplicite o poco decorose, sia per la scarsa considerazione che nel nostro Paese viene dedicata alla letteratura di genere, al romance e alle sue varianti. Siamo dunque contenti di poter dire che le lettrici "leggere" (come loro stesse si sono già definite in rete) non devono vergognarsi di curiosare in nessun tipo di genere letterario, dato che diamo la stessa dignità, e la medesima importanza a ciascuno di essi. In diversi altri paesi europei (per non parlare degli USA che sono ormai avanti anni luce) esistono progetti di questo tipo e tutti sono stati premiati da un enorme successo di pubblico: lettrici che una volta conquistate rimangono fedeli, sentendosi considerate e valutate alla stessa stregua delle lettrici di letteratura "alta".

Leggereditore affronta un grande ventaglio di generi e sottogeneri, sempre ricordandone l'unicità, il valore, la dignità: dallo storico, all'erotico, passando per il paranormal, l'avventura, l'urban fantasy, il romance puro, il chick-lit, e sempre nel segno della qualità di storie indimenticabili che facciano sognare, amare, desiderare e riflettere le nostre lettrici. Non dimentichiamo neanche quelle grandi storie che coniugano un ottimo livello letterario con un appeal commerciale altrettanto forte, dando dunque il giusto spazio alla women's fiction e all'up-market. La non fiction, ossia la varia, pubblica manualistica raffinata e intelligente. Gli autori sono italiani e stranieri con un obiettivo non vincolante ma centrale, pubblicare (quasi) esclusivamente libri scritti da donne.

Un progetto al quale hanno già aderito autrici del calibro di Nora Roberts, Karen Rose, Iris Johansen, Lara Adrian, Kresley Cole, Susan Donovan, Alyson Noel, Jane Borodale, Heather Gudenkauf, Karen Robards, Kay Hooper, Kathryn Fox, Isabel Wolff: tutte voci già note al pubblico internazionale e da anni alle vette delle classifiche più prestigiose.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007