Emergenza abitativa, Unione Inquilini: «Oltre 170 milioni di euro di fondi ex Gescal mai utilizzati» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Emergenza abitativa, Unione Inquilini: «Oltre 170 milioni di euro di fondi ex Gescal mai utilizzati»

Danila La Torre

Emergenza abitativa, Unione Inquilini: «Oltre 170 milioni di euro di fondi ex Gescal mai utilizzati»

mercoledì 16 Ottobre 2019 - 09:18
Emergenza abitativa, Unione Inquilini: «Oltre 170 milioni di euro di fondi ex Gescal mai utilizzati»

Il sindacato fa il punto sul tema del disagio abitativo e sollecita deputati regionali e amministrazione comunale a verificare se è possibile impiegare le risorse ferme alla Regione

A Messina la percentuale di morosità sugli sfratti complessivi supera il 92%. Su 314 sentenze di sfratto relative a Messina e provincia, 206 sono nel capoluogo. Le richieste di esecuzione sono 263 (+15% rispetto al 2017). Gli sfratti eseguiti con la forza pubblica sono 109, il 7, 95% in più rispetto al 2017.

Fotografia impietosa

Unione inquilini scatta una fotografia impietosa sull’emergenza abitativa ed afferma: «Questi dati assieme ai 3000 nuclei familiari nelle baracche e circa 600 nuclei in difficoltà economiche certificate nell’ultimo bando ERP 2018, tratteggiano un disagio abitativo multiforme ed estremamente allarmante».

Secondo il sindacato dunque «è urgente e improrogabile un piano strutturale che aumenti l’offerta di alloggi a canone sociale attraverso il recupero e l’autorecupero degli immobili pubblici e privati inutilizzati».

Il punto sul disagio abitativo

« Decine di migliaia di alloggi privati vuoti in città e 4000 precari della casa che aspettano da decenni un alloggio popolare raffigurano una contraddizione sociale assolutamente insopportabile», spiegano i rappresentanti del sindacato che ieri, nell’ambito della VIII Giornata mondiale Sfratti Zero, hanno fatto il punto sul tema del disagio abitativo presentando un lungo e dettagliato documento.


Unione Inquilini boccia la giunta De Luca

Unione Inquilini boccia l’operato della giunta De Luca: «E’ sotto gli occhi di tutti che sul piano della casa e del risanamento, tolta la solita pirotecnica narrazione del Sindaco, oramai dipendente da consenso e visibilità, i risultati concreti sono impalpabili».

«Ad oggi – si legge ancora nel documento  – l’amministrazione De Luca non ha costruito di suo pugno nemmeno una casa, né tanto meno ha assegnato alloggi con Bando ERP (bando scaduto a maggio del 2018); la graduatoria è un vero e proprio mistero e ad oggi non ci risulta nessuna pubblicazione (forse il prossimo dicembre!).  L’assegnazione di circa 100 alloggi in vari ambiti di risanamento è stato l’unico risultato che può essere attribuito all’attuale amministrazione, sebbene siano progetti delle precedenti amministrazioni a cui è mancato lo sforzo finale per consegnare gli immobili con allacci idrici ed elettrici».

Tesoretto mai utilizzato

Unione Inquilini invita ad «utilizzare i soldi dove ci sono», e a tal proposito , Gianmarco Sposito, Antonio Currò e gli altri rappresentanti spiegano che grazie ad una interrogazione di Leu è emerso «c’è un tesoretto complessivo non speso di risorse ex Gescal di circa 1 miliardo di euro, 176 Milioni di euro per la Regione Sicilia». Si tratterebbe di risorse stanziate e mai utilizzate che potrebbero essere impiegate per dare risposte concrete a chi oggi vive in condizione precarie e non ha un tetto sulla propria testa.

Appello a deputati regionali e Amministrazione comunale

Sposito e Currò chiedono quindi che si faccia luce sui fondi ex Gescal e sul loro impiego. Pertanto, propongono la costituzione di una commissione d’indagine conoscitiva del Parlamento Siciliano per verificare l’ammontare reale delle risorse e le modalità di spesa delle risorse. «L’Amministrazione ed i parlamentari siciliani si facciano promotori», è il loro appello.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007