In strada solo 36 mezzi, cittadini “imbufaliti”. Il Comune interviene - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

In strada solo 36 mezzi, cittadini “imbufaliti”. Il Comune interviene

In strada solo 36 mezzi, cittadini “imbufaliti”. Il Comune interviene

martedì 21 Giugno 2011 - 08:22

L’assessore Capone: «Già stanziati 90 mila euro, in settimana altri 180 mila euro e poi una gara per l’acquisto dei minubus ». Il Direttore di Esercizio Gommato dell’Atm, ing. Guglielmo Lacava: «Dobbiamo affrontare l’emergenza di giorno in giorno»

E’ piena emergenza autobus: da settimane, in circolazione ci sono solo 36 mezzi sui 48 disponibili. Che sono già un numero assolutamente insufficiente a soddisfare le esigenze di una città di 250 mila abitanti .
Numerose le segnalazioni giunte in redazione da parte di utenti “imbufaliti”, che raccontano di avere aspettato alle fermate dell’autobus anche per più di due ore. La drammaticità della situazione è confermata dal Direttore di Esercizio Gommato, ing. Guglielmo Lacava,che raggiunto telefonicamente spiega che «ci sono 12 autobus fermi , alcuni dei quali necessitano di nuovi pezzi di ricambio ed altri ormai troppo vecchi ed usurati, che andrebbero sostituiti. Venti mezzi sono , poi, chiusi in deposito da molti mesi per guasti mai riparati per mancanza di risorse». Lacava aggiunge che il Comune è pronto ad intervenire economicamente al fine di tamponare l’emergenza, che tanti disagi sta causando alla cittadinanza anche per colpa della mancata informazione sugli orari delle corse garantite. «Purtroppo – chiarisce Lacava- non siamo in grado di dare comunicazioni ufficiali agli utenti, dobbiamo affrontare l’emergenza di giorno in giorno perché oggi si guasta un autobus domani un altro». Difficili soprattutto i collegamenti con i villaggi collinari, per i quali l’Atm utilizza i cosiddetti “pollicino”, minibus , datati nel tempo e sottoposti ad uno sforzo eccessivo , che passano più tempo in officina che nella strada.
Dopo settimane di “sofferenza” da parte dei cittadini, l’amministrazione comunale è finalmente pronta a rimediare, come ci spiega anche l’assessore alla viabilità Melino Capone: «Abbiamo già stanziato 90 mila euro per l’ acquisto dei pezzi di ricambio ed altri 180 mila euro saranno erogati in settimana per riparare i 20 autobus fermi. Abbiamo inoltre sollecitato l’Atm – aggiunge Capone – a bandire una gara per l’acquisto dei minibus». Su quest’ultimo punto, Lacava è stato più dettagliato nella spiegazione, fornendo la cifra precisa dell’ “operazione”, pari ad un milione di euro, non confermata né smentita dall’esponente di giunta, al quale abbiamo comunque chiesto da quali fondi attingerà il Comune, vista la situazione economica dell’ente non certo florida . Simpatica ma evasiva la risposta di Capone, che afferma: «Certamente non dal mio conto corrente. Da qualche parte li troveremo». Insomma, la morale di tutta questa vicenda sembra essere una: toccato il fondo, bisogna per forza intervenire. Inutile nascondere che i disservizi di questi giorni (di cui vi avevamo già dato conto, vedi articolo correlato) sono indissolubilmente legati alla crisi decennale dell’Atm, chiusa nei palazzi della politica, dove si parla, si discute, si fanno annunci, si litiga ma non si risolve nulla. E a pagarne le spese sono sempre, come ampiamente dimostrato in queste settimane, solo i cittadini. (DANILA LA TORRE)

(Correlato l’articolo di qualche settimana fa sulla mancanza di bus, un disagio perpetuo)

Tag:

7 commenti

  1. luigi paragone 21 Giugno 2011 09:56

    Si prenda atto che l’ATM ormai non esiste più.
    Si destinino tutte le risorse al tram, ripsrando i mezzi “cannibalizzati”, portando il loro numero a 15 utilizzabili.
    Il personale eccedente venga licenziato, stande l’inutilità della loro presenza.
    E i villaggi? Gli abitanti per anni hanno utilizzato o le gambe o gli asini.
    Possono ricominciare tornando all’antico.

    0
    0
  2. dovresti solo vergognarti di quello che dici…in una città come Messina è ineccepibile che si possano ancora avere questi disagi…

    0
    0
  3. caro assessore sei come pinocchio : a differenza sua a te cresce la pancia ad ogni bugia che dici

    0
    0
  4. Pagando qualche controllore in più forse un po’ di entrare l’ATM le avrebbe

    0
    0
  5. questa non è una citta normale,ma una cloaca dove ci vuole il salvagente per galleggiare.il buddace piange e si lamenta come se la colpa fosse mia di avere votato questi quattro “buzzurri”:E no amici belli io non voto nella citta di babbi,a vulistuvu a bicicletta allura pedalate,quale bus cercate?? a piedi e vi fa bene al cuore prima che vi venga l’infarto pensando al voto utile per Buzzy…

    0
    0
  6. Perchè non funziona l’ATM? “insufficienza di personale! Occorre assumere,assumere, sempre assumere altri … lavoratori” è la risposta dei sindacati. Con questo andazzo, altri fannulloni
    si assicureranno il ” posto fisso”.

    0
    0
  7. Ricapitolando: 36 autobus, 5 tram e 650 dipendenti. Nulla da aggiungere a questo. L’ATM è lo specchio di una città fallita.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x