Ex Teatro in Fiera di Messina. Italia Viva: "Viola il vincolo paesaggistico" - Tempostretto

Ex Teatro in Fiera di Messina. Italia Viva: “Viola il vincolo paesaggistico”

Marco Ipsale

Ex Teatro in Fiera di Messina. Italia Viva: “Viola il vincolo paesaggistico”

mercoledì 31 Marzo 2021 - 08:31

I deputati regionali D'Agostino e Tamajo chiedono alla giunta regionale di annullare la concessione edilizia

“L’opera, sottoposta a vincolo paesaggistico, è ubicata a meno di 150 metri dal mare e la sagoma, l’altezza, l’area di sedime e l’involucro edilizio non coincidono con la preesistente struttura”. Per questo “previa attività istruttoria e immediata sospensione dei lavori” i deputati regionali di Italia Viva, Nicola D’Agostino e Edy Tamajo, chiedono al presidente della Regione, Nello Musumeci, all’assessore al territorio e all’ambiente, Salvatore Cordaro, e all’assessore ai beni culturali, Alberto Samonà, “di annullare in autotutela la concessione edilizia rilasciata, anche in considerazione della palese violazione dell’articolo 51 del dpr 753 del 1980”.

L’interrogazione dei deputati regionali D’Agostino e Tamajo

Dopo un coro di proteste contro la ricostruzione dell’edificio dell’ex Teatro in Fiera di Messina nello stesso luogo, la vicenda approda all’Assemblea regionale siciliana, con un’interrogazione dei due deputati.

Il concorso di progettazione bandito dall’Autorità Portuale di Messina risale al lontano febbraio 2007. “Proponeva – ricordano i due deputati – una soluzione architettonica che, pur contenuta all’interno dell’involucro esistente, ribaltasse l’attuale chiusura puntando sulla trasparenza dell’edificio per creare una continuità visiva tra la città e l’area della Fiera” ma “nel 2014 tale impostazione veniva modificata e portata all’attuale soluzione che ripropone la chiusura/cesura tra la città e il mare e ciò non per motivi architettonici ma esclusivamente economici, per come sempre si legge nella relazione generale”.

Vincoli e divieti

In questo caso, i due deputati ricordano il vincolo paesaggistico dei beni culturali, la circolare numero 4 del 12 dicembre 2014, dell’Assessorato regionale Territorio e ambiente, che prevede l’inedificabilità a 150 metri dalla battigia., e l’articolo 51 del dpr numero 753 del 1980, che prevede “lungo i tracciati delle tramvie è vietato costruire, ricostruire o ampliare a una distanza minore di sei metri dalla più vicina rotaia”.

Articoli correlati

Tag:

5 commenti

  1. In questa città, se si tratta di realizzare un giardino d’inverno per abbellire queste squallide terrazze che ci circondano, ti fanno 100.000 problemi.
    Se, invece, si tratta di realizzare un edificio di 20 metri di altezza fronte mare, in un posto in cui, nelle normali città civili, si realizzano waterfront pedonabili e ciclabili…allora fanno quello che c…zzo vogliono! BAH

    2
    0
    1. i giardini d’inverno abbelliscono? Lieto di averlo saputo oggi

      1
      0
  2. giuseppe bonanno 31 Marzo 2021 12:21

    ma smettetela ridicoliiiiiiiiiiiiiiiiii

    0
    2
  3. Questi si svegliano adesso, ma la struttura demolita cos’era se non di fattura simile a questa progettata adesso?

    3
    2
  4. andrea d'andrea 31 Marzo 2021 17:04

    Ma statevi zitti, non parlate di cose che non avete studiato

    1
    1

Rispondi a andrea d'andrea Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007