Prima lo accusano di aver rubato l'auto e poi gli estorcono 750 euro: in manette pregiudicati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Prima lo accusano di aver rubato l’auto e poi gli estorcono 750 euro: in manette pregiudicati

Veronica Crocitti

Prima lo accusano di aver rubato l’auto e poi gli estorcono 750 euro: in manette pregiudicati

giovedì 12 Marzo 2015 - 12:54
Prima lo accusano di aver rubato l’auto e poi gli estorcono 750 euro: in manette pregiudicati

A finire in manette con l'accusa di estorsione sono stati due giovani di Falcone, adesso ai domiciliari in attesa dell'udienza di convalida.

Una storia ai limiti dell'incredibile quella accaduta ad un imprenditore di Falcone la cui unica sfortuna è stata quella di aiutare un giovane in difficoltà che, come ringraziamento, gli ha poi estorto ben 750 euro. A finire in manette, in realtà, sono stati in due, il 25enne Fabio Ettore Mosca ed il 30enne Leonardo La Spina, entrambi pregiudicati di Falcone, adesso ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

A dare il via a questa strana vicenda è stato lo scherzo di alcuni amici del giovane Mosca che, qualche settimana fa, hanno pensato bene di prendere la macchina del ragazzo e nascondergliela. E' stato proprio allora che l'imprenditore, notandolo in difficoltà nel cercare l’auto, si è offerto di aiutarlo. Non avrebbe mai pensato che, qualche giorno dopo, quello stesso ragazzo si sarebbe poi presentato nella caserma dei carabinieri della stazione locale denunciandolo ed accusandolo non solo di avergli rubato la macchina ma anche i soldi che c’erano dentro. E non avrebbe di certo pensato che, dopo la denuncia, Mosca si sarebbe presentato nel suo bar minacciandolo di non ritirare la denuncia finché l’imprenditore non gli avesse dato 750 euro.

A questo punto, non sapendo più come uscire da quel brutto incubo, la vittima ha deciso a sua volta di rivolgersi ai militari dell’Arma di Falcone. Le indagini, scattate nell’immediato e coordinate dal pm Francesca Bonazinga, hanno subito fatto luce sull’estorsione bella e buona che si stava per consumare nei confronti del malcapitato. Nel frattempo le minacce di Mosca si facevano sempre più frequenti e pesanti finché ieri pomeriggio, insieme al complice La Spina, il giovane si è presentato di nuovo nel bar dell’imprenditore prendendosi i suoi 750 euro. Ad attenderlo fuori, però, c’erano già i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Barcellona, pronti a mettere le manette ai polsi a lui ed a La Spina.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. giuseppe mondo 12 Marzo 2015 15:11

    ahahah..

    0
    0
  2. giuseppe mondo 12 Marzo 2015 15:11

    ahahah..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007