Festa della musica 2020: trionfo della sinergia. La speranza riparte dal Teatro e dalla cultura - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Festa della musica 2020: trionfo della sinergia. La speranza riparte dal Teatro e dalla cultura

Emanuela Giorgianni

Festa della musica 2020: trionfo della sinergia. La speranza riparte dal Teatro e dalla cultura

venerdì 19 Giugno 2020 - 16:53
Festa della musica 2020: trionfo della sinergia. La speranza riparte dal Teatro e dalla cultura

#ripartodalteatro. Presentata al Teatro Vittorio Emanuele la Festa della musica 2020, un programma ricchissimo in diverse location, cui partecipare grazie alla diretta streaming.

Location diverse con un unico obiettivo: celebrare la musica. Una festa per tutti, che raggiunge tutti, ma nel totale e attento rispetto delle misure di sicurezza. Con questo fine si festeggerà la 26esima edizione europea della Festa della Musica (organizzata dal MIBAC – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del turismo), che si terrà domenica 21 giugno 2020 in 276 città su tutto il territorio nazionale.

Un’edizione diversa, ai tempi del Coronavirus, alla quale però non mancherà nulla. A Messina è possibile partecipare tramite le dirette streaming dalle 16,30 alle 24,00 e quelle televisive sui canali locali alle 21,00 e alle 22,00.

La festa della musica a Messina

A Messina la festa rappresenta un grande trionfo, merito di una sinergia vincente, come precisa il vice sindaco del Comune di Messina Salvatore Mondello, durante la conferenza stampa tenutasi nei locali del Foyer del Teatro Vittorio Emanuele: “gioisco nel vedere tante eccellenze farsi un sistema unico diventando parte integrante della città per raggiungere grandi cose, possibili solo se realizzate insieme. E gioisco nel vederne la musica protagonista, è la mia compagna di vita, da sempre l’unica costante, dobbiamo dare uno spazio concreto a chi vive di musica, questo sarà l’inizio di un programma a lungo termine”.

Segnale di speranza

La festa della Musica coinvolge, infatti, insieme al Teatro Vittorio Emanuele e al Comune di Messina, il Conservatorio di Musica “A. Corelli”, la Basilica di Sant’Antonio e la Brigata Aosta, con eventi diversi, in un vastissimo programma che, in questa occasione festeggiata in tutta Europa, possa offrire un momento di spensieratezza fatto di “cultura con la C Maiuscola”, spiega il presidente del Teatro Orazio Miloro: “nell’impegno totale al rispetto delle regole vogliamo dare un segno di speranza e serenità in attesa di ripartire davvero più forti di prima. Il Teatro si illuminerà a festa, così tutti i vari centri, aprendo una nuova stagione che nel vivo dell’estate si concretizzerà con manifestazioni artistico e culturali. È tanta la difficoltà, elevata l’attenzione, ma finalmente vediamo il Teatro al centro di un percorso culturale che unisce tutta la città per riscoprire quella sincronia che solo la musica può creare”.

Ripartire dalla cultura

Dalla cultura troviamo linfa vitale per risollevarci, la cultura ci accomuna tutti, ci appassiona, ci rende vivi. Per questo motivo sostengono l’evento gli assessori Giuseppe Scattareggia ed Enzo Caruso: “coinvolgiamo tutta la città e i giovani, volevamo anche una notte della cultura basta sulla musica, il Covid non l’ha reso possibile, ma usciamo a testa alta, abbiamo realizzato una festa ricchissima. In più, il comune di Messina sulla pagina ufficiale lancerà un evento a sorpresa, una sfida con Agrigento (che teniamo a vincere), per celebrare la musica!” dichiara l’assessore Caruso.

“Diamo ascolto ad ogni aspetto del panorama musicale, basterà scegliere tra il Teatro, il centro, o la basilica di Sant’Antonio che ospiterà il concerto del Conservatorio Corelli” continua l’assessore Scattareggia.

Il 21 giugno si sarebbe svolta anche la processione trionfale del carro di Sant’Antonio, rimandata al prossimo anno, ma la Basilica di Sant’Antonio ha deciso di omaggiarlo con la Festa della Musica, come racconta il rettore padre Mario Magro: “ringraziamo i giovani del conservatorio Corelli, con i quali collaboriamo ormai da anni, ogni volta che li ascolto penso che andiamo a cercare fuori i grandi artisti quando, invece, li abbiamo tutti qui accanto a noi. Abbiamo 100 posti disponibili per il pubblico dentro la Basilica e 100 fuori nel cortile con un mega schermo”.

Il presidente del Conservatorio di Musica “A. Corelli” Giuseppe Ministeri precisa: “l’importanza di riportare la musica alle persone, soprattutto in una situazione così difficile. È l’intento del nostro programma e della stagione che verrà”.

#ripartodalteatro

#ripartodalteatro: questo è l’hashtag che, ormai, definisce la tanto attesa ripartenza del Teatro Vittorio Emanuele. Teatro che, in realtà, non si è mai fermato, portando tramite il digitale l’arte nelle case di tutti, prima con Play The Game e adesso con la Festa della Musica. “Doveroso è il ringraziamento verso la città, la festa della musica è la festa dei musicisti, dovrebbe essere nelle strade per coinvolgere tutti, un momento aggregativo importante che, non potendo, però, adesso rappresentare, porteremo ad una piattaforma enorme di utenti, rendendola la festa del popolo digitale, un messaggio affinché il popolo ritorni al popolo attraverso il teatro” sono le parole del sovrintendente del Teatro Gianfranco Scoglio.

Il direttore artistico della sezione musica Matteo Pappalardo presenta il vastissimo programma, fatto di grandi professionisti che hanno generosamente dato la propria disponibilità per la musica e per la città: “Accanto alla lirica, c’è spazio per il jazz e per i tanti colori diversi della musica come è giusto che sia, la musica è fatta di infinite e differenti combinazioni di note. Avremo pezzi da Tosca, che avremmo dovuto rappresentare lo scorso maggio, dal Barbiere di Siviglia, che sarebbe stato in scena i primi di giugno, la Brigata Aosta si esibirà al di fuori del Teatro. Speriamo porti un sorriso e un po’ di sollievo, guardiamo avanti, alla prossima programmazione, vogliamo riaprire il Teatro davvero, non solo per 200 persone, e non nel 2021”.

La Brigata Aosta ha sempre partecipato alla festa, come specifica il vice comandante Luigi Lisciandro: “ci rende felici essere parte di eventi come questo, siamo della città, dei messinesi. La musica è sinonimo di armonia e felicità, motivo per cui non potevamo mancare”.

Infine, Giovanni Mundo, direttore del Coro giovanile Note Colorate illustra l’iniziativa che ha coinvolto vari studenti: “un progetto che ha messo insieme tante realtà anche distanti, 11 scuole, 70 coristi, tutti uniti grazie alla didattica a distanza per un inno alla nostra Messina. Siamo già ben oltre l’anno scolastico ma, nonostante ciò, avremo il video con la partecipazione straordinaria, per tutta la durata del brano, dell’Ente Nazionale Sordi, con Francesca Villari, interprete della sezione messinese dell’Ente, accompagnata dal Coro Note Colorate”.

Un evento a 360 che rende, in tutta la città, la musica protagonista, la sua capacità di emozionare e unire, evidenziandole l’importanza, fondamentale forse mai come adesso.

Ecco gli artisti che parteciperanno:

21 Giugno 2020 ore 16:30

ARENA CICCIO’ – MESSINA

Intrattenimento Apertura

DJ LEO LIPPOLIS & VOCALIST YANEZ

I Solisti

M° SANTI SCARCELLA (Pianoforte)

M° GIANLUCA RANDO (Chitarra)

M° GIUSEPPE ITALIANO (Tenore Lirico – Leggero)

M° GIUSEPPE MASTROENI (Tenore – Rapper)

La Tradizione Popolari

I CANTUSTRITTU

I COLAPESCE

I CARIDDI ETHNICA

Le Band

NAT MINUTOLI JAZZ GROUP

LUCIANO FRAITA BAND

THE SOUL MEN

ACUSTIKA ROCK

OVER DRIVE BAND

TEMPI DISPARI BAND

NIA & THE ELECTROSWINGER

GROVE PHILOSOPHY

JACK’S BAND

FLAGSOUND

Le Cover

COLLETTIVO K0M – Vasco Rossi Tribute Band

DERAGLI — Zucchero Fornaciari Tribute Band

NOTA BENE – Pino Daniele Tribute Band

BARBARA ARCADI LIVE BAND – Fiorella Mannoia Tribute Band

ATTENTI AL LUCIO – Lucio Dana Tribute Band

THE DUBLINERS – U2 Tribute Band

Conducono l’Evento

BERNADETTE MALAPONTI

ELEONORA TAVILLA

SEBASTIANO RIZZOTTO

Il casting musicale formato da circa 110 musicisti;

Diretta Streaming sulla Pagina Facebook : EVENTI A MESSINA 2020;

TEATRO VITTORIO EMANUELE

– DIRETTA STREAMING DALLE ORE 17:00

MARIA PIZZUTO, pianoforte

F. CHOPIN (1810-1849) Ballata op. 52 n. 4

C. DEBUSSY (1862-1918) Images, serie

Reflets dans I ‘eau

Mouvement

VANESSA GRASSO, clarinetto

CHIARA D’APARO, violoncello

GIULIA RUSSO, pianoforte

G. CORTICELLI (1804-1840) Dai 3 Gran Trio per clarinetto, violoncello e pianoforte

— Genere fantastico

— Genere romantico

LUISA GRASSO, violino

SALVATORE TODARO, baritono

ROSANNA LEONTI, soprano

VERA PULVIRENTI, pianoforte

G. ROSSINI (1792-1868) Largo al factotum (da “11 barbiere di Siviglia”)

G. PUCCINI (1858-1924) O mio babbino caro (da “Gianni Schicchi”)

F. KREISLER (1875-1962) Liebesleid

G. VERDI (1813-1901) Il balen del suo sorriso (da “Il trovatore”)

G. VERDI (1813-1901) Tacea la notte placida (da “11 Trovatore”)

R. LOVLAND (1955) A secret garden

G. VERDI (1813-1901) Libiam ne’ lieti calici (da “La traviata”)

MARCELLO CAPUTO, clarinetto

GIUSEPPE MISEFERI, pianoforte

R. SCHUMANN (1810-1856) Fantasiestücke per clarinetto e pianoforte Op. 73

G. VERDI (1813-1901) Solo dall’atto 111 da “La forza del destino”

ANTONINO CICERO, fagotto

LUCIANO TROJA, pianoforte

Brani da “An Italian Tale” (Almendra Music, 2016), omaggio a G. D’Anzi, e standard jazzistici

GIULIA GRECO, soprano

ANTONIO GENNARO, pianoforte

G. PUCCINI (1858-1924) Un bel dì vedremo (da “Madama Butterfly”) — Tu che di gel sei cinta (da “Turandot”)

R. LEONCA VALLO (1857-1919) Qual fiamma avea nel guardo (da “I pagliacci”)

F. P. TOSTI (1846-1916) Non t’amo più

A. LARA (1900-1970) Granada

E. DE CURTIS (1875-1937) Torna a Surriento

MAURIZIO SALEMI, violoncello

J. DALL’ABACO (1710-1805) Capriccio n. I Per violoncello solo

J. S. BACH (1685-1750) suite in sol maggiore Bwv 1007 per violoncello

PASQUALE FAUCITANO, violino 1

PAOLO NOSCHESE, violino 11

ROSANNA PIANOTTI, viola

MIRKO RAFFONE, violoncello

G. PUCCINI (1858-1924) “Crisantemi”, Elegia per quartetto d’archi

P. MASCAGNI (1863-1945) Intermezzo da “Cavalleria rusticana”

BANDA DELLA BRIGATA “AOSTA” diretta dal M. FEDELE DE CARO

— F. J. Ricketts (1881-1945) Colonel Bogey Marsch

— P. Conte (1937) Azzurro

N. Piovani (1946) La vita è bella

— G. D. Weiss (1921-2010) What a wonderful world

— M. Novaro (1818-1885) Il canto degli italiani

IN ESTERNA – DIRETTA TV ORE 22:00

GIUSEPPE GULLOTTA, pianoforte

L. v. BEETHOVEN (1770-1827) Sonata Quasi una Fantasia Op. 27 n. 1

F. BUSONI (1866-1924) Fantasia su temi della “Carmen” di Bizet

ANNA RITA STRACQUADAINI, soprano

ANTONINO AVERNA, pianoforte

G. VERDI (1813-1901) Pace, mio Dio (da “La forza del destino”)

G. PUCCINI (1858-1924) Vissi d’alte (da “Tosca”)

G. VERDI (1813-1901) Addio del passato (da “La traviata”)

E. Dl CAPUA (1865-1917) O sole mio

ROBERTO METRO-ELVIRA FOTI, pianoforte a quattro mani

F. LEHAR (1870-1948) Ballsirenen (Valzer sui motivi dell’operetta “La vedova allegra”)

J. STRAUSS jr (1825-1899) Tritsch-Tratsch Polka Op. 214 — Frühlingstimmen (Voci di primavera) Op. 410

V. MONTI (1868-1922) Cardas

F. LISZT (1811-1886) Rapsodia ungherese n. 2

IVANO BISCARDI, fisarmonica

ANNUNZIATA v1RZ1′, pianoforte

A. PIAZZOLLA (1921-1992) Adios nonino — Milonga del angel Milonga sin palabras Oblivion — Libeftango

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007