Il sindaco di Villafranca: "Sulla Città Metropolitana le scelte devono essere condivise" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il sindaco di Villafranca: “Sulla Città Metropolitana le scelte devono essere condivise”

Il sindaco di Villafranca: “Sulla Città Metropolitana le scelte devono essere condivise”

mercoledì 14 Maggio 2014 - 04:40
Il sindaco di Villafranca: “Sulla Città Metropolitana le scelte devono essere condivise”

Al Forum di Tempostretto sulla Città Metropolitana interviene il sindaco di Villafranca Matteo De Marco: “Finora non si è registrato alcun coinvolgimento dei sindaci e dei Comuni che dovranno far parte della Città Metropolitana e questo è un errore. Ma è arrivato il momento delle scelte e dobbiamo farle insieme”.

Premetto di scrivere a titolo personale in quanto, a parte qualche colloquio informale, ancora non ho intrapreso una discussione serrata con la mia amministrazione e con il consiglio comunale.

La L.R. 8/2014 del 28 Marzo prevede l’istituzione delle Città Metropolitane e dei Liberi Consorzi di Comuni alla luce della soppressione delle province Regionali.

Voglio però iniziare il mio ragionamento partendo da agosto 2013 quando leggendo la prima bozza del ddl il quale prevedeva l’istituzione della Città Metropolitana che comprendeva, naturalmente, Messina e 12 comuni da Ali a Rometta. Rimasi esterefatto, in primo luogo, per come fu concepito il ddl, che prevedeva per i Comuni la perdita, con un colpo di spugna, della propria autonomia e della propria identità storico-culturale e, in secondo luogo, per il non coinvolgimento di noi Sindaci nella stesura del suddetto decreto. Da subito, mi sono attivato, in sinergia con i miei colleghi Sindaci per organizzare degli incontri con il Presidente Ardizzone e con l’Assessore Valenti, con i quali in due distinte riunioni tenutesi a Fiumedinisi ed a Villafranca T., abbiamo dibattuto esternando tutto il nostro rammarico per come si fossero svolti i fatti fino ad allora.

Devo tuttavia ammettere che, da subito, abbiamo riscontrato una totale apertura alle ns. richieste, con promesse che sono state completamente esaudite con modifiche strutturali che hanno riportato la discussione su binari accettabili.

Dopo un certo periodo, siamo stati invitati in una riunione, a Messina, organizzata dall’UDC messinese, con la presenza dell’allora Ministro D’Alia, del Presidente Ardizzone e di qualificati relatori tra cui il Prof. Limosani ed il Prof. Gambino, i quali hanno rispolverato e riproposto con forza il progetto dell’Area Metropolitana di Messina, previsto dalla legge regionale siciliana n. 9/86, contenente 51 Comuni della zona ionica e tirrenica.

Ammetto che, in un primo momento, ero molto scettico a considerarmi in un contesto di comuni cosi numeroso, in quanto stiamo uscendo da esperienze condominiali molto negative vedi Ato Rifiuti, Ato Idrico, Distretti Socio Sanitari e quant’altro, che hanno creato disastri economici e sociali con conseguenze che i ns. territori pagheranno per lungo tempo.

Però, dopo aver letto con attenzione la loro proposta credo che ci possano essere i presupposti per partecipare a questo modello di Città Metropolitana, sia per la contiguità territoriale che produce, tra i due centri, un pendolarismo giornaliero molto elevato, sia perchè avere all’interno Taormina, Milazzo, Comuni Nebroidei ed Isole Eolie comprese, rappresenterebbe per tutti un valore aggiunto sotto l’aspetto turistico-attrattivo, con indiscutibili benefici per tutti.

Naturalmente adesso giunge il momento delle scelte, che devono obbligatoriamente passare da un coinvolgimento piu costante di Sindaci, Assessori, Consiglieri Comunali e cittadini (è previsto un eventuale referendum), per individuare competenze, funzioni e risorse salvaguardando il ruolo istituzionale di tutti i Comuni e promuovendo sinergie gestionali ed operative, con conseguente snellimento dell’apparato burocratico,cercando di intercettare piu risorse possibili per poter intervenire in modo tangibile sulle criticità dei nostri territori.

Concludo impegnandomi, nei prossimi giorni, a contattare il prof. Limosani ed il prof. Gambino per organizzare degli incontri aperti anche alle cittadinanze,di tutti i comuni interessati nella speranza che Messina e i suoi Amministratori svolgano in pieno un ruolo determinante coinvolgendo con la massima apertura gli altri comuni.

Cordiali saluti, Matteo De Marco, Sindaco di Villafranca Tirrena.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007