Unieuro, confermata la chiusura. Filcams: dove sono Regione e Istituzioni? - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Unieuro, confermata la chiusura. Filcams: dove sono Regione e Istituzioni?

Unieuro, confermata la chiusura. Filcams: dove sono Regione e Istituzioni?

giovedì 10 Maggio 2018 - 11:33
Unieuro, confermata la chiusura. Filcams: dove sono Regione e Istituzioni?

E’ arrivata un’ulteriore conferma della chiusura del punto vendita di Messina. Il sindacato continua a chiedere all’azienda di rivedere i piani. Insufficienti le proposte fatte ai lavoratori

Ancora una fumata nera per la vertenza Unieuro. Nell’incontro di ieri pomeriggio con i vertici aziendali non si è aperto nessuno spiraglio ed è arrivata un’ulteriore conferma della chiusura del punto vendita Unieuro di Messina. La Filcams-Cgil continua a contestare questa decisione e a chiedere all’Azienda di non abbandonare il territorio per garantire ancora occupazione.

“Questo abbandono da parte di un grande gruppo commerciale dell’elettronica – ribadisce il segretario generale della Filcams di Messina, Francesco Lucchesi – rappresenta un ulteriore danno per il territorio per la perdita di altri posti di lavoro”.

La Filcams torna a chiamare fortemente in causa la Regione e le istituzioni locali. "E’ un fatto grave – sottolinea Lucchesi – che sempre nella giornata di ieri non si sia tenuto l’incontro previsto alla Regione e a quanto sembra non per colpa dell’azienda così come registriamo che le istituzioni locali non hanno dato quel contributo che avrebbero dovuto dare”.

La Filcams in questi mesi ha messo in atto tutte le iniziative ed ha proposto all’azienda che potrebbe continuare a investire in Sicilia soluzioni di spazi commerciali dove poter traslocare il punto vendita della zona sud della città sollecitando le istituzioni a collaborare per scongiurare la perdita nel territorio messinese di un’importante realtà commerciale.

Nell’incontro di ieri a cui hanno preso parte anche i rappresentanti sindacali aziendali della Filcams Alessandro Geraci e Giovanni Andronaco sono state avanzate richieste ben precise per il personale rimasto nel punto vendita cittadino dopo i trasferimenti già avvenuti. “La proposta fatta a sindacato e lavoratori sugli aspetti economici e altro – fa presente Lucchesi – non soddisfa il disagio che avranno quando perderanno il loro posto di lavoro, chiediamo uno sforzo maggiore da parte dell’azienda nei confronti di questi dipendenti”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. MessineseIncallito 11 Maggio 2018 07:56

    Sfortunatamente UNIEURO MESSINA non è nè ALITALIA nè ILVA e come aggravante è proprio a MESSINA, città morta e di passaggio

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007