L'area Dem: "Crocetta bis, dalla rivoluzione al rischio di involuzione" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’area Dem: “Crocetta bis, dalla rivoluzione al rischio di involuzione”

L’area Dem: “Crocetta bis, dalla rivoluzione al rischio di involuzione”

martedì 08 Aprile 2014 - 20:47
L’area Dem: “Crocetta bis, dalla rivoluzione al rischio di involuzione”

Da tre esponenti dell'area Dem di Messina, Felice Calabrò, Alba Marino e Marina Scimone riceviamo e pubblichiamo questa riflessione in merito al Crocetta bis ed all'uscita dal governo regionale dell'assessore messinese Nino Bartolotta.

La querelle tra il Partito Democratico siciliano – o meglio le sue "componenti" – e Rosario Crocetta registra probabilmente oggi il suo punto più basso. La richiesta di un nuovo impulso all'indirizzo politico del governo – ed al rapporto con il governatore – è stata inserita da Fausto Raciti e dalla sua vice Mila Spicola al centro dell'agenda politica del PD Sicilia, assorbendo pressoché integralmente lo scarno dibattito interno ai Democratici. I vertici regionali hanno più volte dichiarato alla stampa ed agli organismi di partito la volontà di dare vita ad un «governo nuovo» che esprimesse una giunta all'altezza «composta dagli uomini migliori ed in una compagine più politica e meno tecnica», che non si ponesse come mero «azzeramento o spostamento di persone», ma come concreta proposta politica.

In queste settimane, tuttavia, non abbiamo assistito ad alcuna proposta programmatica – pur sbandierata -, ma solo ad un assurdo viavai di nomination per le candidature alle elezioni europee e per i nuovi assessori regionali. Nomi sempre letti e resi noti dalla stampa, partoriti nei corridoi dell'Ars o nelle anticamere di qualche albergo palermitano. Il Partito Democratico della Sicilia – indipendentemente dalle singole responsabilità che dovranno essere valutate presso gli organismi competenti – ha perso l'ennesima occasione per riacquistare credibilità agli occhi dei propri iscritti, della classe dirigente e dei cittadini siciliani tutti, cedendo alla solita abitudine dei processi eterodiretti ed alla visione Palermo-centrica della realtà regionale, distante dai territori.

Nel nome di un presupposto rinnovamento e di una svolta nell'azione di governo, si è scelto di sacrificare alte professionalità, le cui competenze sono state e continuano ad essere unanimemente riconosciute ed il cui contributo al governo regionale è stato trasversalmente apprezzato da cittadini, amministratori ed opinione pubblica in generale. Tutto ciò mortificando, nello specifico caso del Partito Democratico, il primario organo di rappresentanza degli iscritti e defraudando la direzione regionale del proprio ruolo di indirizzo, nel solito gioco di chi confonde un partito forte con un partito di forti aree, al cui interno la voce di uno possa contare come cento. Un siffatto Partito Democratico non rappresenta iscritti e militanti, che ci chiedono a gran voce di cambiare. In pochi, però, sembrano ascoltare.

Nel rispetto delle individualità e professionalità chiamate a partecipare al Crocetta-bis ed augurando loro buon lavoro – e buona fortuna -, non possiamo quindi esimerci dal contestare le modalità che hanno portato alla nascita di questo governo. Lungi dal trovare nuova forza, il governatore Crocetta rischia di apparire oggi ancora più indebolito e vittima del gioco delle correnti, rischiando di passare alla storia come il governo della involuzione più che della rivoluzione. Su questo speriamo proprio di sbagliarci, anche se le premesse del fallimento sembrerebbero esserci tutte, perché abbiamo creduto e vogliamo ancora credere nella rivoluzione.

Il presunto imprimatur romano e le maggioranze variabili all'interno del PD siciliano non sono sufficienti a sorreggere il peso di una Regione così complessa e bisognosa di Politica, a sostenere le sfide che ci attendono, a dare soluzioni alle mille e mille legittime istanze dell’intera collettività siciliana che, per contro, necessitano di un partito forte, coeso ed unito, a sostegno di un governo regionale posto ad esclusivo servizio della nostra SICILIA.

I componenti della direzione regionale:

Felice Calabrò

Alba Marino

Marina Scimone

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Blanda reazione……troppo blanda….ci diifendiamo con l’ombrello contro la bomba anti messinese.
    Capisco che il sistema e inattaccabile nei fatti …..ma nelle parole, seppur forse inascoltate un po’ di peso, di reazione, e’ l’ unica arma a disposizione dei messinesi…contro il potere….regionale.

    0
    0
  2. Felice, se riesci, fai vedere che fai.
    Questo articolo mi sembra creato col bilancini, con il manuale Cencelli, per dire ma per non scontentare.
    Rischia, altrimenti perderai ora e dopo.
    I messinesi sono alle strette, non credono più ai discorsi, vogliono fatti e l’unica cosa che nessuno potrà mai loro togliere è la memoria.
    Sappiamo chi siete (tutti i politici indistintamente) e da dove venite, intuiamo anche gli interessi, le convenienze personali e di partito ed appunto per questo siamo stanchi delle solite parole.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007