Furci. "Pranzo poco gradito", la minoranza interroga il sindaco su mensa scolastica - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Furci. “Pranzo poco gradito”, la minoranza interroga il sindaco su mensa scolastica

Carmelo Caspanello

Furci. “Pranzo poco gradito”, la minoranza interroga il sindaco su mensa scolastica

giovedì 18 Febbraio 2021 - 09:04
Furci. “Pranzo poco gradito”, la minoranza interroga il sindaco su mensa scolastica

Ucchino, Pistone e Mascena parlano di "numerose segnalazioni di genitori e operatori"

FURCI SICULO – “Il pranzo che viene servito ai nostri studenti è poco gradito e diverse famiglie continuano a rilevare disagi al punto che hanno deciso di rinunciarvi: i propri figli rientrano da scuola senza aver pranzato…”. A sostenerlo sono i consiglieri di minoranza Rosaria Ucchino, Agatino Pistone e Paolo Mascena in una interrogazione indirizzata al sindaco Matteo Francilia, all’assessore alla Pubblica istruzione Rosanna Garufi, al presidente del Consiglio comunale Carmelo Maccarrone e alla segretaria comunale. Gli stessi esponenti di opposizione avevano presentato una prima interrogazione il 6 dicembre scorso. “Pur comprendendo che il menù è stato redatto e approvato da una nutrizionista, siamo convinti, e non solo noi, che la stessa quantità di principi nutritivi possa essere assunta anche attraverso cibi più gradevoli ai bambini, utenza a cui il servizio è diretto. Nei menù proposti nelle scuole – aggiungono Ucchino, Pistone e Mascena – viene offerta perlopiù una dieta, composta da pietanze che hanno un bassissimo gradimento da parte dei bambini e delle bambine che spesso non mangiano quello che gli viene proposto”. I firmatari dell’interrogazione parlano di “numerose segnalazioni da parte dei genitori e degli operatori i quali indicano che la maggior parte dei menù non è gradita ai bambini. “Non riteniamo giusto che le famiglie paghino la quota – scrivono i tre di minoranza – per un pasto che nella realtà non viene consumato dai loro figli”.

Al sindaco e all’assessore alla Pubblica istruzione si chiede di “sapere i criteri in virtù dei quali è stato adottato il menù della refezione scolastica. Cosa si sta facendo al fine di garantire assoluta variazione ed il massimo gradimento degli utenti. Che l’assessore esponga se ritiene o meno di dovere controllare e verificare le tante lamentele riscontrate nelle famiglie”. Ed ancora “quali soluzioni si intendono percorrere per garantire una somministrazione con positivo riscontro degli utenti; come si è pensato di far proseguire il servizio e se la Commissione Mensa scolastica ha predisposto eventuali controlli e verifiche dell’indice di gradimento dei menù e degli effettivi standard qualitativi degli stessi”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x