Operazione Riciclo, processo ad aprile per gli ex vertici di TirrenoAmbiente - Tempostretto

Operazione Riciclo, processo ad aprile per gli ex vertici di TirrenoAmbiente

Alessandra Serio

Operazione Riciclo, processo ad aprile per gli ex vertici di TirrenoAmbiente

giovedì 11 Gennaio 2018 - 18:21
Operazione Riciclo, processo ad aprile per gli ex vertici di TirrenoAmbiente

Rinviato a giudizio anche l'ex sindaco di Mazzarrà Sant'Andrea, Salvatore Bucalo, arrestato insieme ai vertici della società che gestiva la discarica per i rapporti economici tra ente locale e TirrenoAmbiente.

Vanno al vaglio processuale i protagonisti dell’inchiesta Riciclo, condotta dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Barcellona sui rapporti tra il Comune di Mazzarrà Sant’Andrea e TirrenoAmbiente, la società che gestiva la discarica.  

Il giudice per l’udienza preliminare Fabio Processo ha rinviato a giudizio l’ex sindaco di Mazzarrà Salvatore Bucolo ed i vertici della TirrenoAmbiente, ovvero gli  ex amministratori delegati della stessa società mista che si sono succeduti nel Cda: Giuseppino “Pino” Innocenti e Giuseppe Antonioli, l’ex senatore piemontese di Forza Italia Lorenzo Piccioni, all’epoca amministratore delegato,  l’ex presidente Antonello Crisafulli. Dovranno rispondere a vario titolo di corruzione e peculato. Tutti furono arrestati nel 2015 ad eccezione di Crisafulli.

Il clamoroso blitz dei Finanzieri partì dalla verifica sui  rapporti economici e le autorizzazioni all’impianto tra il comune tirrenico e la società che gestiva uno dei principali impianti di smaltimento della Sicilia Orientale.

Secondo l’ipotesi principale della Procura, il Comune non avrebbe incassato l’indennizzo da parte della società, o lo avrebbe incassato in misura “agevolata”. Una “mossa” voluta scientificamente dal Comune, soprattutto dal sindaco che ne avrebbe avuto il suo tornaconto (qui il dettaglio)

Agli atti dell’inchiesta anche la vicenda di alcune movimentazioni sospette e sponsorizzazioni da e alla parrocchia di Mazzarrà. Una vicenda che ha riservato ulteriori sorprese, legate alla eredità dello scomparso Padre Aliquò, stralciata dal capitolo principale di inchiesta. 

Sarà ora il processo, che comincerà il 9 aprile prossimo davanti al Tribunale di Barcellona, ad accertare eventuali responsabilità nel danno che sarebbe stato provocato al Comune di Mazzarrà.

Hanno difeso gli avvocati Calderone, Cacia, Tortora, Dalmazio, Scheda e Corsaro. Impegnati per le parti civili, il Comune di Mazzarrà e TirrenoAmbiente, gli avvocati Pirrone e Celi.

 

 

Tag:

COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007