Sacco di Fiumedinisi, nuovo rinvio al processo a Cateno De Luca - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sacco di Fiumedinisi, nuovo rinvio al processo a Cateno De Luca

Alessandra Serio

Sacco di Fiumedinisi, nuovo rinvio al processo a Cateno De Luca

sabato 25 Febbraio 2017 - 09:59
Sacco di Fiumedinisi, nuovo rinvio al processo a Cateno De Luca

Ieri un'altra lunga udienza servita a sentire i difensori e caratterizzata dalle proteste dell'ex sindaco imputato, che hanno tenuto impegnati i giudici per tutta la mattinata. Tra due settimane tocca ai suoi legali. La Cassazione intanto non ha ancora fissato l'udienza per discutere l'istanza di ricusazione da lui presentata.

Nuovo rinvio al processo sul sacco di Fiumedinisi. Ieri davanti alla I sezione del Tribunale di Messina si è tenuta una lunga udienza, terminata pochi minuti prima delle 20, caratterizzata ancora una volta da molte schermaglie tra accusa, difesa e Corte, poi tutto è stato rinviato al 9 marzo prossimo, per dare la parola ai difensori di Cateno De Luca.

Intanto, la Core di Cassazione non ha ancora fissato l'udienza per decidere della richiesta di ricusazione presentata dal principale imputato, che vorrebbe trasferire il processo a Reggio Calabria.

Proprio l'attesa della Suprema Corte è stata al centro delle prime "schermaglie", con De Luca che ha chiesto nuovamente la sospensione del processo in attesa della Cassazione.

Ma i giudici, come già alla scorsa udienza, hanno rigettato la richiesta, disponendo che nel frattempo si vada avanti quanto meno con gli interventi delle difese.

La Corte è però tornata a riunirsi in camera di consiglio poco: i suoi difensori storici, Taormina e Micalizzi, erano impegnati altrove e De Luca, come già la scorsa udienza, ha nominato difensore l'avvocato Sorbello. Il legale ha nuovamente chiesto i termini a difesa, protestando perché non gli erano stati concessi, di fatto, alla scorsa udienza. E anche stavolta i giudici hanno detto no.

Nel pomeriggio il processo è entrato nel vivo, e la parola è passata ai difensori degli altri indagati, in particolare agli avvocati Giovanni Mannuccia, Enrico Ricevuto e Francesco Chillemi.

L'ultima camera di consiglio – la quarta – i giudici l'hanno fatta che Palazzo Piacentini era praticamente al buio. Uscendo con la data di rinvio: il 9 marzo prossimo appunto.

In mattinata, in aula si è appreso che la polizia giudiziaria stava notificando il decreto di dissequestro delle difese spondali di Fiumedinisi, una delle opere finite nel mirino della Procura in questo processo, che riguarda appunto il Prg del centro dell'entroterra jonico.

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. MessineseAttenta 25 Febbraio 2017 11:07

    Fece più figura quando si mise in mutande davanti all’ufficio del Dirigente Bonsignore della Provincia.

    0
    0
  2. MessineseAttenta 25 Febbraio 2017 11:07

    Fece più figura quando si mise in mutande davanti all’ufficio del Dirigente Bonsignore della Provincia.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007