Il dolore ci trova soli nell'Universo ma ci lascia con l'Universo in noi - Tempo Stretto

Il dolore ci trova soli nell’Universo ma ci lascia con l’Universo in noi

Rosaria Brancato

Il dolore ci trova soli nell’Universo ma ci lascia con l’Universo in noi

domenica 26 Maggio 2019 - 09:17
Il dolore ci trova soli nell’Universo ma ci lascia con l’Universo in noi

Non siamo noi nell'Universo ma l'Universo in noi ed il dolore che spezza il cuore di ognuno di noi è una ferita nel tutto

A mio figlio non piace quando nella rubrica domenicale prendo spunti da episodi familiari, ma penso che il compito di un giornalista sia anche quello di “raccontare” la realtà, non soltanto di riportarla asetticamente. Ed oggi voglio raccontare come ho sentito sulla mia pelle di essere parte dell’Universo, nel più “carnale e sensoriale” dei modi.

Quando, il 10 ottobre del 2009, è morta mia sorella Celeste, uccisa da un tumore a soli 40 anni, io, per oltre un anno, non ho vissuto. Nei miei ricordi non c’è traccia dei successivi 12 mesi, non so cosa ho fatto, detto o pensato. Sono rimasta chiusa nel dolore per un anno. Lentamente ho poi compreso che quel dolore non era solo il mio, ma che per un padre e una madre perdere un figlio è molto più che morire.

Quando l’ho compreso sono uscita dai confini in cui mi ero chiusa e ho deciso che avrei espresso con i gesti e con i fatti l’amore e la gratitudine nei confronti della mia famiglia. Credo di esserci riuscita, se non con le parole, perché non sono brava con i baci, gli abbracci e le espressioni verbali di affetto, ma con la mia presenza e i gesti.

Dieci anni dopo quel primo dolore, mi ha lasciato anche mia madre, probabilmente arrivando a quel traguardo che in questo tempo aveva desiderato, riabbracciare sua figlia. E’ morta sabato 18 maggio, all’improvviso, mentre raccoglieva le lenzuola stese. Le avevo dedicato la rubrica domenicale del 12 maggio, quella per le mamme. E’ stato il mio ultimo regalo. Quel dolore mi ha schiantato. E’ come se si fosse spento l’universo, perché nel momento del dolore facciamo coincidere il nostro universo con tutto l’Universo. La vita, l’universo ed anche l’eterno inizia da noi e finisce con noi. Da sabato 18 maggio ho un dolore lancinante allo stomaco, come se tante mani me lo maciullassero. Una cara signora mi ha detto che è il cordone ombelicale che si taglia. Secondo me ha ragione. E’ il cordone ombelicale che, a 52 anni dalla mia nascita, si spezza per lasciarmi andare nella vita da sola.

Forse è questo il dolore che proviamo alla nascita e per questo piangiamo, perché eravamo parte del tutto e con un taglio di forbice veniamo lasciati soli nel mondo.

Dal momento in cui è morta mia madre mi sono sentita come se solo io in tutto il mondo e in tutti i mondi e per tutti i secoli passati e futuri provassi quest’infinito e immenso dolore. Il che è illogico.

Da ragazza ho letto una decina di volte “Il Re Muore” di Eugene Ionesco. Ricopiavo sul diario di scuola interi brani. Mi colpiva la descrizione di quella sensazione che ognuno di noi ha di essere non soltanto il centro del mondo, ma proprio “IL” mondo: “Se la terra si logora e fonde- e succederà- se tutti gli universi scoppiano- e scoppieranno- avvenga domani o tra secoli e secoli, poco importa, ciò che deve finire è già finito (…) La mia morte è sterminata, quanto Universo si spegne in me”(E. Ionesco)

Ognuno di noi vive nella certezza di essere “ il Re” e di avere in sé i confini dell’Universo.

In questa settimana, proprio mentre il mio cordone ombelicale urlava il suo strazio, mi sono resa conto, attraverso decine e decine di messaggi, telefonate e abbracci, che invece il dolore ci rende non sono uguali ma ci rende universo, ci rende parti del tutto. Siamo tantissime cellule di un unico corpo e quando una singola parte si spezza il dolore si espande e raggiunge anche la cellula più lontana. Perché siamo IL mondo e non da separati ma tutti insieme.

Ascoltando i racconti degli altri, leggendo messaggi, accogliendo abbracci e lacrime ho sentito che anche il dolore di 15 o 20 o 30 anni fa è rimasto intatto ed è ancora uguale al mio che è di appena sette giorni fa.

Il loro Universo si era spento ed era anche il mio. E adesso il mio Universo si spegne ed è anche il loro. Quel cordone non unisce me a mia madre, ma me, mia madre al resto dell’umanità. Quel dolore fisico è il percepire il tutto.

Questo vale per il dolore come per l’amore e la vita.

Quando incontriamo gli altri, non possiamo sapere cosa c’è dietro la cornice. Non possiamo conoscere quale rivoluzione umana stiano compiendo, quale sofferenza, quale amarezza, quale cruccio, abbiano nel cuore. Il lavoro, l’amore, la salute, i rimorsi, i sensi di colpa, i sogni infranti, le battaglie, le speranze. Tutto questo fa di un altro il nostro specchio. Dovremmo pensare a questo quando giudichiamo un altro, quando ci litighiamo, quando ci sta profondamente sulle scatole, quando lo offendiamo, lo feriamo, o non lo perdoniamo, gli serbiamo rancore.

Noi nasciamo soli nel dolore ma proprio quel dolore ci dovrebbe far comprendere che siamo una parte del tutto. Una lacrima per noi è una lacrima per gli altri.

Non siamo noi nell’Universo ma è l’Universo in noi.

Se lo comprendiamo non siamo più il Re che muore, ma il Re che vive e che sa amare. “Dietro tutte le cose ci sono io. Soltanto io dappertutto. Sono la terra, sono il cielo, sono il fuoco. Sono in tutti gli specchi oppure sono lo specchio di tutto?”(E.Ionesco).

Non so quanto queste mie parole possano essere di conforto, di aiuto, o essere considerate invece spudorate e invadenti, ma ho voluto raccontare lo stesso quello che ho nel cuore. E anche questa rubrica, mamma Vita, la dedico a te.

Rosaria Brancato

Tag:

7 commenti

  1. Buongiorno, non sono abituata a rispondere o a commentare cio’ che leggo. Ma questo articolo lo merita. Le Sue sono parole intime, che riescono a descrivere, cosa difficile, le emozioni. Esse stesse non si possono o dovrebbero descrive a parole , ma solo provare , per comprenderle in piano. Buona giornata

    12
    0
  2. E Lei raggiunge in pieno l’obiettivo.

    0
    0
  3. Cara Rosaria, mi sono riconosciuta in pieno nelle sue parole. Quando mia madre se n’è andata io ero più che sessantenne ma mi sentivo una bambina di fronte a un dolore che mi sovrastava e mi soffocava. Grazie per avere scritto queste parole, faranno bene a molti di noi

    0
    0
  4. Leggendo il nome proprio di sua madre mi e’ venuta come un lampo una riflessione che vorrei condividere. ” Vita” non è un caso forse questo nome ma le da la certezza che non si muore mai completamente ma una parte di loro rimane fusa nel nostro essere scorre in noi in ogni momento come la “Vita”

    1
    0
  5. Oh voi fortunate che avete conosciuto l’amore vero di una madre ,non piangete perchè non c’è piu’ ,ma sorridete perchè lo avete avuto!Tanti passano la vita a desiderare una madre che li adotti ,altri si chiedono “chissà cosa si prova ad essere amati e difesi ,a sentirsi protetti da quell’amore meraviglioso?”Cresciuta con una madre anafettiva ,con mille problemi psicologici che nessun medico ha saputo guarire quasi invidiavo chi aveva una madre “normale”,avevo paura di non saper dare a mio figlio quelle certezze di cui aveva bisogno.Credo ,in qualche modo di esserci riuscita ascoltando il mio istinto,rincuorata a scuola dai discorsi degli insegnanti,con gli anni ,pur non avendo nè un’insegnante nè un manuale ho imparato a fare la madre.Signora Brancato pensi alle cose belle ,ai momenti che avete vissuto insieme e sorrida !

    1
    0
  6. Rosaria le tue considerazioni,sono così intime e precise che arrivano dritte al cuore .Io vorrei solo aggiungere il mio pensiero quando dopo aver perso mio padre a venti anni e poi mia madre a 45 ho percepito nettamente il senso di non essere più figlia e tutte le responsabilità e tutti il mondo tutto l’universo mi è crollato addosso…..

    0
    0
  7. Daniela Lecchi 27 Maggio 2019 22:02

    Bellissimo quello che scrivi, lo sento come lo senti tu, permettermi il tono confidenziale ma se siamo e SIAMO uno perché tenerci lontani…
    La morte non esiste, il tempo non esiste e e’ se così dove, quando si colloca il nostro morire?
    Mio padre morendo mi disse: così lontano dove la luce non è ancora giunta io vado.
    A mia volta a mia madre che moriva dicevo: mamma ti stai partorendo a nuova vita….
    Siamo briciole di uno stesso pane, uniti da uno stesso destino che non discrimina ed è “destino” di vita.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007