In cucina con Tempostretto. Carbonara alla Calabrese - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

In cucina con Tempostretto. Carbonara alla Calabrese

Dario Rondinella

In cucina con Tempostretto. Carbonara alla Calabrese

domenica 02 Agosto 2020 - 08:29
In cucina con Tempostretto. Carbonara alla Calabrese

Oggi scopriremo un’altra ricetta tradizionale del Lazio, la Carbonara rivisitata “alla calabrese”

di Piero Cantore

INGREDIENTI

320 grammi di rigatoni
8 rossi d’uova
200 g di guanciale stagionato di suino Nero
120 g di pecorino crotonese
sale e pepe q.b.

COME PREPARARE LA CARBONARA ALLA CALABRESE

Iniziamo mettendo in abbondante acqua bollente salata i nostri rigatoni che leveremo due minuti prima rispetto alla normale cottura.
Mentre la pasta cuoce, prepariamo il condimento. Prendiamo il guanciale e tagliamolo a striscioline di media grandezza, prendiamo poi una padella antiaderente e mettiamo al suo interno il guanciale e facciamolo sudare bene a fuoco vivace.

Nel frattempo passiamo invece, ai nostri rossi d’uovo, aggiungiamo il pecorino crotonese e un po’ di pepe ed amalgamiamo per bene il tutto con l’aiuto di una forchetta. Mescolando questi tre ingredienti abbiamo ottenuto un composto ben omogeneo e amalgamato, adesso con l’aiuto di un mestolo aggiungiamo al nostro composto un po’ di acqua di cottura della pasta ben calda e amalgamiamo in modo da rendere il tutto denso e dare una lieve cottura all’uovo.

ULTIMI PASSAGGI

Quando il guanciale sarà ben trasudato e risulterà croccante, spegniamo il fornello. Dopo aver colato la pasta, aggiungiamola in padella al guanciale, riaccendiamo il fornello e amalgamiamo finché la pasta non arriva a cottura. Passati i due minuti, aggiungiamo il composto con l’uovo e saltiamo bene; se necessario aggiungiamo un altro po’ di acqua di cottura della pasta.
Quando il tutto risulterà ben amalgamato serviamo a tavola con una spolverata di pepe nero.


Come avete potuto notare abbiamo usato il sale solo per la cottura della pasta perché sia il guanciale che il pecorino romano ne contengono molto e in cottura lo rilasciamo al nostro condimento.




Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Ma…..pecorino romano o crotonese? (Alla fine dell’articolo si scrive di pecorino romano). Non ho capito la differenza con la carbonara…..

    6
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007