In Trentino una mostra sui colori della Sicilia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

In Trentino una mostra sui colori della Sicilia

Redazione

In Trentino una mostra sui colori della Sicilia

venerdì 13 Dicembre 2019 - 07:35

Olio su tela o tessuto, acquerello o velluto, china o seta, quadri e abiti insieme e ciò che importa è il colore nelle sue sfavillanti e affascinanti gradazioni e sfumature; il fil rouge della mostra “Armocromia: arte e moda, un viaggio nel colore”. L’esposizione è stata inaugurata nei giorni scorsi al Palazzo dal Lago, Fame Space a Cles, in provincia di Trento.

Opere di Marcapiano e abiti di Margherita de CLes

Aperta fino al 31 dicembre, accoglie opere dell’artista Marcapiano e abiti di Margherita de Cles. La stilista di origine trentina, ma siciliana di adozione, ha fatto di Taormina e dei colori della nostra Terra il “cuore pulsante” del suo stile e delle sue ultime collezioni e shooting fotografici. Questo grazie anche ad una preziosa collaborazione con la boutique del Belmond Grand Hotel Timeo, uno dei luoghi più suggestivi e lussuosi della Perla dello Jonio.

Marcapiano e la Cles si incontrano per confrontare l’uso dei colori nei diversi ambiti ma che si sposano perfettamente; le chine e gli oli di Marcapiano richiamano tessuti pregiati come la seta e il velluti usati dalla stilista. Lo stile elegante e raffinato che accomuna le creazioni dei due protagonisti identifica un unico e riconoscibile comune denominatore; nella mano abile e fantasiosa del pittore e nei tagli classici, ma rinvigoriti dall’uso dei colori sgargianti e da volumi fluttuanti delle sete per l’altra.

Astratto Figurativo Animato

Il genere artistico di Marcapiano (www.marcapiano.it) prende il nome di “Astratto Figurativo Animato”. Da autodidatta, sperimenta le tradizionali tecniche artistiche come olio su tela, china, incisione su vetro e legno con punta diamantata, acquerello e scultura, arrivando a sviluppare una personale e originale rivisitazione delle stesse; in particolare le micro pennellate nei suoi oli, che a contatto con la luce creano un originale effetto cangiante; le chine sfumate realizzate con pennino e lo sferismo, nuova tipologia per esprimere la sua filosofia di vita e il proprio pensiero.

I suoi lavori, realizzati esclusivamente a mano libera senza creare bozzetti preventivi, evidenziano un’innata precisione tecnico – esecutiva, una fantasia illimitata e una particolare predisposizione nel trovare istintivamente armoniosi abbinamenti cromatici e incredibili tratti compositivi.

Un presente di stile e eleganza

La Cles (www.lacles.it) interpreta e celebra una donna tradizionale che vive nel presente con stile ed eleganza, adeguata ai tempi e ai contesti social odierni; amante del melting pot e cosmopolita vive tra Italia, India e Marocco meta di ricerca di tessuti e ispirazioni.

Un abito di La Cles fotografato a Taormina

Le quattro stagioni

La mostra studia l’armonia tra i due mondi. L’analisi del colore permette di suddividere le tonalità nelle quattro stagioni cromatiche, corrispondenti alle stagioni climatiche, che definiscono la linea guida del progetto. Marcapiano ha selezionato quattro sue opere per rappresentarle e a queste si è ispirata Margherita de Cles per realizzare i relativi capi.

L’inaugurazione

La serata inaugurale si è svolta con l’accoglienza della famiglia de Cles, originaria dell’omonimo paese del trentino; una presentazione di Marcapiano affidata ad Erica Broilo, curatrice dell’esposizione, e della capsule ispirata alle opere firmate La Cles, brand della stilista. L’evento, al quale hanno preso parte il sindaco di Cles Ruggero Mucchi, il membro del Consiglio regionale del Trentino Alto Adige Lorenzo Ossanna e il presidente del PATT Partito Autonomista Trentino Tirolese e geografo del Mart (Museo di arte a Rovereto) Franco Panizza, è stato arricchito dal concerto della soprano Francesca Bortoli dal titolo “Emozioni in Voce”, accompagnata al pianoforte da Leonardo Sonn.

Infine il conviviale con pietanze provenienti dall’India a testimonianza del legame coi paesi orientali. Legame che segna marcatamente la moda di La Cles, che dal lontano paese spesso importa tessuto come quelli di seta “vegana”, rispoettosa della naturale evoluzione del baco da seta, senza forzatura artificiali e per mano di abili donne indiane; i dolci invece dedicati alle opere di Marcapiano.

“Armocromia” è stata patrocinata da Comune di Cles; Presidenza del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento; Presidenza del Consiglio Regionale del Trentino Alto Adige e da realtà museali come il Centro Culturale d’Anaunia (Casa de Gentili) di Sanzeno e Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi. E’ allestita al primo piano del palazzo (via Trento 1) e aperta da lunedì a giovedì su appuntamento; venerdì dalle 16 alle 19; sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. Per info: erbroilo@yahoo.it o info@lacles.it. L’ingresso è libero.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x