Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Le esperienze dei Club Kiwanis - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Le esperienze dei Club Kiwanis

Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Le esperienze dei Club Kiwanis

martedì 22 Novembre 2016 - 10:13
Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Le esperienze dei Club Kiwanis

Ne hanno parlato le professoresse Annamaria Murdaca, Marialuisa Pino, Dina Maiolo e Don Giovanni Russo. Focus sul tema dei minori migranti

Un incontro pubblico di sensibilizzazione e riflessione sui diritti fondamentali da riconoscere e garantire a tutti i bambini ed adolescenti del mondo sul tema “Migrantes”. Si è svolto sabato, al Monte di Pietà, in occasione del 27° Anniversario della “Convenzione per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”. L’evento è stato promosso in forma condivisa dai Kiwanis Club di Capo d’Orlando, Messina, Milazzo Città del Capo, Nuovo Jonio, Peloro, Rometta, Santo Stefano Mistretta con il coordinamento dell’arch.Vittorio Potestà, luogotenente del governatore per la Divisione 1 Sicilia, che ha moderato e svolto le conclusioni dell’evento.

Nel corso della mattinata si sono succeduti gli interventi di diversi relatori: Prof.ssa Anna Maria Murdaca, Docente di Didattica e pedagogia speciale (Dipartimento Cospecs Università di Messina) che ha sviluppato l’argomento “Adattamento e minori stranieri: vulnerabilità, fattori di rischio e di protezione”; Dott.ssa Maria Luisa Pino, Pedagogista e Responsabile area tematica (Consulta Volontariato del Comune di Messina) che ha trattato il tema “Il ruolo dei minori oggi: disagi e prospettive”; Prof.ssa Dina Maiolo, Docente di materie letterarie, che ha esposto le sue personali considerazioni su “L’esperienza di una volontaria”; Don Giovanni Russo, Ordinario di Bioetica Ist.Teologico “S.Tommaso” di Messina (Università Pontificia Salesiana) e Direttore della Scuola Superiore di specializzazione in Bioetica e sessuologia che ha posto l’attenzione su “Dimensioni e valori della Convenzione sui diritti dell’infanzia”.

La Prof.ssa Murdaca ha analizzato gli aspetti dei diritti negati e dei bisogni sociali che devono condurre ad una alleanza strategica da parte delle comunità coinvolte nell’accoglienza. I vari approcci davanti al fenomeno della immigrazione hanno necessità di essere unificati nella volontà di ”abbraccio” delle diverse culture e identità. La riflessione cui si è voluto indurre i presenti è stata quella della situazione determinata dall’abbandono di tradizioni, storia, luogo fisico ed antropologico che determina una fragilità individuale ed un disorientamento per territori e popolazioni non conosciuti che possono determinare anche rabbia ed aggressività potenziale. Particolare impegno sociale deve, quindi, essere rivolto alla riduzione del reciproco disagio e vulnerabilità.

La Dott.ssa Pino ha esaminato i dati sull’evoluzione del fenomeno a livello cittadino in relazione agli interventi che le organizzazioni del volontariato riescono ad attuare pur con grandi difficoltà logistiche e con risorse finanziarie estremamente limitate.

La Prof.ssa Dina Maiolo ha parlato dell’esperienza che in prima persona la vede coinvolta nell’insegnamento multidisciplinare agli adolescenti, di nazionalità prevalentemente africana, ospiti del centro di accoglienza di Messina. Ha, infatti, sottolineato come attraverso il desiderio di apprendimento della lingua italiana, della storia, della geografia i numerosi ragazzi hanno anche manifestato la necessità di una narrazione di sé stessi (“chi sono io?”) ed il bisogno di ridurre la frustrazione di non poter esprimere a parole i propri sentimenti (“cosa desidero per me?… “quale sarà il mio futuro?”). La docente ha anche invitato a considerare “il migrante” come “eroe”, come persona di grande coraggio e ricco di sogni che può subire in maniera indelebile l’indifferenza, il rigetto o l’esclusione che spesso caratterizzano i comportamenti singoli e collettivi.

Don Giovanni Russo ha voluto inizialmente coinvolgere alcuni degli adolescenti, prima presentati dalla Prof.ssa Maiolo, invitandoli a prendere parte attiva e dialogando con loro, in inglese o francese, sulle realtà che avevano vissuto dal momento della loro partenza dai territori natii. Il docente salesiano ha poi evidenziato alcuni concetti cardine che, sulla base della Convenzione promulgata nel 1989, devono ancora trovare piena attuazione nei diversi contesti sociali ed anche in riferimento al fenomeno dell’immigrazione. Don Russo ha invitato, infatti, a considerare la cooperazione come essenziale per la visibilità dell’impegno all’interno delle comunità umane di ambito locale o di aree sempre più vaste. Ha letto e commentato alcuni degli articoli della Convenzione ritenuti più significativi e sui quali ha voluto far riflettere sulla necessità del “rispetto del minore senza alcuna aggettivazione di convenienza” e sulla capacità “di ascoltare la vita dell’altro e non di sentire distrattamente le sue parole”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007