C'è un ricorso per la decadenza del consigliere comunale Bramanti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

C’è un ricorso per la decadenza del consigliere comunale Bramanti

Rosaria Brancato

C’è un ricorso per la decadenza del consigliere comunale Bramanti

mercoledì 09 Gennaio 2019 - 08:26
Ineleggibile?
C’è un ricorso per la decadenza del consigliere comunale Bramanti

A Palazzo Zanca è arrivato il ricorso nei confronti del professor Dino Bramanti, eletto in Consiglio comunale a giugno, quale candidato sindaco perdente al ballottaggio.

Nel ricorso viene richiesta la decadenza del consigliere contestandone l’ineleggibilità in base alla normativa siciliana in materia, in quanto direttore scientifico dell’Irccs-Piemonte.

In campagna elettorale, quando Bramanti decise di candidarsi alla carica di primo cittadino, a far scoppiare la polemica fu l’ex capogruppo di Forza Italia Pippo Trischitta, anche lui candidato sindaco, che evidenziò rischi di incandidabilità sia per il direttore scientifico dell’Irccs che per il dirigente dell’ispettorato provinciale del lavoro Gaetano Sciacca (candidato sindaco per il M5S). Il professor Bramanti aveva chiesto diversi pareri legali sulla questione, poiché è direttore scientifico e non amministrativo, e si mise in aspettativa per tutta la durata della campagna elettorale, mentre Sciacca andò in ferie. Quest’ultimo si è poi dimesso a novembre dalla carica di consigliere comunale ed indiscrezioni lo indicano come il futuro presidente dell’Autorità portuale dello Stretto in quota M5S.

Adesso per il consigliere comunale Bramanti è arrivato il ricorso e la segretaria generale di Palazzo Zanca, Rossana Carrubba ha chiesto parere al Dipartimento regionale Enti locali per capire se sussistano o meno gli estremi di ineleggibilità.

Nello scorso mandato fu il caso di Donatella Sindoni a tenere banco in modo analogo e si concluse a pochi mesi dalle nuove elezioni con la decadenza della consigliera.

Dino Bramanti, eletto a fine giugno dopo aver perso le elezioni da sindaco al ballottaggio con De Luca, in estate è diventato il riferimento della Lega a Messina (ha anche portato in riva allo Stretto il sottosegretario agli Interni Candiani, che è commissario regionale della Lega).

Attualmente Bramanti, Serra e Scavello hanno formato il primo gruppo consiliare della Lega in una Città Metropolitana.

In caso di decadenza in base alla normativa regionale entrerà in consiglio comunale Cettina Buonocore, prima dei non eletti nella lista Ora Messina.

Nei giorni scorsi il professor Bramanti è rientrato tra gli “scienziati schedati” dal ministro Grillo per il Consiglio superiore della sanità (leggi qui). Il direttore scientifico dell’Irccs era entrato a far parte del Consiglio superiore della sanità (organo consultivo del ministero) nel 2013, confermato poi nel 2017.

Attualmente ci sono altri due ricorsi che "pendono" sul Consiglio comunale, presentati da Diventerà Bellissima in merito all'incandidabilità di Sciacca alla carica di sindaco uno al Tribunale amministrativo ed uno al Tribunale civile (leggi qui) e (leggi qui)

Rosaria Brancato

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x